Facebook

Il figlio della Luna: la vera storia di Fulvio Frisone, fisico tetraplegico

Il figlio della Luna narra la vera storia di Fulvio Frisone che nonostante la sua grave malformazione è riuscito a diventare un fisico di fama mondiale, grazie anche a sua madre e suo padre.

Stasera RAI 1 manda in onda Il figlio della Luna, il film per la Televisione è basato sulla vera storia di Fulvio Frisone nato con gravi menomazioni. Il ragazzo grazie all'impegno dei genitori ha frequentato la scuola e si è laureato in fisica. Ecco la sua storia.

Il Figlio Della Luna Vera Storia Fulvio Frisone
Fulvio Frisone accanto a sua mamma Lucia

Fulvio Frisone è nato a Catania il 19 gennaio del 1966. Durante il parto qualcosa andò storto: un medico commise una grave leggerezza che fece nascere Fulvio con una tetraparesi spastica con distonie. A causa delle sue condizioni il bambino era costretto a dover usare la sedia a rotelle per spostarsi. Fulvio soffriva anche di altre problematiche, non parlava e non riusciva a nutrirsi autonomamente.

Fulvio Frisone Madre
Fulvio Frisone con sua madre

Nonostante il destino di Fulvio sembrasse segnato, i genitori Lucia e Carmelo, non si sono mai arresi. La prima svolta nella vita del giovane avvenne grazie al padre: l'uomo inventò un casco dotato di un braccio meccanico che permetteva al ragazzo di interagire con i familiari, scrivere, digitare al computer e, grazie all'aggiunta di un pennello, dipingere quadri.

A sua volta, Mamma Ciclone, come venne soprannominata sua madre Lucia, riuscì con pazienza ed un metodo intuitivo di sua invenzione a farlo parlare. La donna poi si lanciò in una nuova impresa, riuscire a far entrare Fulvio nelle scuole in un periodo in cui gli insegnanti di sostegno erano una rarità. Alla fine, dopo che ben cinque scuole medie gli avevano rifiutato l'iscrizione, Lucia vinse la sua battaglia.

Fulvio Frisone 7Emqd5B
Una foto di Fulvio Frisone

Dopo aver frequentato le scuole pubbliche Fulvio si appassionò in Fisica ed entrò all'università e nel 1989 ne uscì con una laurea in fisica nucleare con una tesi su "Le reazioni di fusione D-D in palladio deuterato" incentrata sulla Fusione fredda. In quel periodo esisteva una legge secondo la quale per diventare ricercatore bisognava avere "una sana e robusta costituzione". La strada per Fulvio sembrava sbarrata ma Mamma Ciclone non si arrese e riuscì a far cambiare la legge.

Era il 1995 quando Fulvio Frisone iniziò a lavorare come ricercatore nel dipartimento di Fisica e astronomia dell'Università di Catania dove continua ad occuparsi di fusione fredda. La sua fama ha superato i confini nazionali ed ha partecipato a numerose conferenze in Russia, Cina, Stati Uniti ed Emirati Arabi Uniti.

Fulvio Frisone ha incentrato i suoi studi sulla possibilità di escludere le scorie radioattive in maniera da produrre un'energia nucleare pulita. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui nel 2004 il Toyp per la ricerca scientifica e il premio Goccia di Rapolano Terme per i suoi studi. Nel 2005 la Regione siciliana ha istituito la Fondazione Fulvio Frisone il cui fine è: "favorire il più ampio diritto alla formazione scientifica e culturale, nonché l'attività di ricerca nel settore della fisica nucleare".

Il Figlio Della Luna
Lunetta Savino in una scena de Il figlio della Luna

Lo scorso anno Frisone è stato oggetto di uno spiacevole episodio: secondo la sua denuncia il fisico subì un'aggressione fisica dalla sorella mentre il cognato lo minacciava verbalmente. I fatti furono confermati dal badante colombiano che era corso in suo aiuto. Frisone spiegò che la sorella era convinta che lui avesse maltrattato la madre. In seguito a questo spiacevole incidente il fisico scrisse: "oggi finisce la famiglia Frisone e ne nasce una nuova composta soltanto da me e mia madre".

Il figlio della Luna in onda stasera su RAI 1 è stato trasmesso per la prima volta nel febbraio del 2007 ottenendo numerosi riconoscimenti tra cui il premio speciale Amade-Unesco a Montecarlo e, nel tredicesimo Festival internazionale di Shangai, il premio per la miglior regia televisiva.