Dev Patel debutta alla regia con Monkey Man, film che verrà distribuito da Netflix

Monkey Man rappresenta il debutto alla regia dell'attore Dev Patel e Netflix ha ottenuto i diritti per la distribuzione del film.

NOTIZIA di 13/03/2021

Dev Patel ha debuttato come regista con il film Monkey Man e Netflix ha deciso di ottenerne i diritti per la distribuzione.
L'accordo prevede il pagamento di ben 30 milioni di dollari e copre quasi tutti i territori a livello mondiale.

Dev Patel è il protagonista del film The Millionaire diretto da Danny Boyle
Dev Patel è il protagonista del film The Millionaire diretto da Danny Boyle

Le riprese di Monkey Man si sono concluse recentemente e Dev Patel ha il doppio ruolo di regista e protagonista. L'attore interpreterà un improbabile eroe che esce di prigione e decide di prendere il controllo su un mondo all'insegna dell'avarizia e dell'erosione dei valori spirituali, andando alla ricerca di vendetta nei confronti di chi gli ha fatto perdere tutto alcuni anni prima.

Il revenge thriller ha attirato l'attenzione di molti distributori e Netflix è riuscito a battere tutta la concorrenza. Alcune persone che hanno potuto vedere le prime sequenze hanno descritto il film come un "John Wick ambientato a Mumbai".

Monkey Man verrà distribuito nel 2022 e nel cast ci saranno anche Sharlto Copley (District 9), Sobhita Dhulipala (Psycho Raman) e Sikandar Kher (24: India).

Dev Patel ha firmato la sceneggiatura in collaborazione con Paul Angunawela e John Collee. Il titolo trae ispirazione dalla leggenda della divinità Hanuman, metà umana e metà scimmia.
L'attore ha dichiarato: "Sono così elettrizzato nel collaborare con Netflix in questa avventura. Spero che sarà una fresca aggiunta al genere in un momento in cui in questo settore la mia storia può diventare la nostra storia. Girare un film durante una pandemia è stato molto complicato, ma l'opportunità di immaginare nuovamente le storie della mia infanzia e fonderle con il mio amore per il cinema action è stata una vera gioia. Il mio affetto è rivolto a Basil Iwankyk ed Erica Lee per averci sostenuti fin dall'inizio, e ad Aaron Gilbert e al team di Bron per aver dato a un filmmaker senza esperienza come me una voce".