Anna: il quaderno delle cose importanti è stato donato alla Biblioteca dell'Università di Palermo

Il quaderno delle cose importanti, ispirato alla serie Anna, è stato simbolicamente consegnato a Casa Professa, la Biblioteca dell'Università di Palermo.

NOTIZIA di 30/04/2021

Il quaderno delle cose importanti, mostrato nella serie Anna creata da Niccolò Ammaniti e tratta dal suo romanzo, è stato donato simbolicamente a Casa Professa, la Biblioteca dell'Università di Palermo. Il volume riproduce il dono lasciato da Maria Grazia ai propri figli Anna e Astor mentre il virus inizia lentatamente a consumarla.

Lo show Anna, è attualmente disponibile su Sky e in streaming su NOW e il quaderno raccoglie i pensieri della community, raccolti sui social, e del cast della serie, a partire dallo stesso Niccolò Ammaniti. Ciascuno ha segnato le proprie "Cose importanti", piccoli spunti da tenere sempre a mente, grandi temi ma anche le cose più quotidiane e più piccole, però fondamentali nella vita di ogni giorno.
Nel filmato si può vedere il making of del quaderno, lo sviluppo del progetto dalla creazione alla consegna e sul sito di Sky è presente la versione digitale del quaderno, consultabile e scaricabile da tutti.

Tutti gli spunti raccolti sono finiti su carta, a comporre il pezzo unico del "quaderno delle cose importanti", realizzato da Sky e trascritto da una calligrafa, che troverà posto all'interno di Casa Professa, storica biblioteca di Palermo. Una consegna simbolica alla Sicilia e a Palermo, luogo in cui la serie Sky è ambientata ed è stata girata. Sarà a disposizione di tutti nella biblioteca dell'Università del capoluogo, che sorge nel quartiere Ballarò del centro storico.

"I baci si danno solo a chi si vuole veramente bene", appunta Niccolò Ammaniti, creatore e regista della serie, di cui firma anche la sceneggiatura con Francesca Manieri; "Dare il giusto valore anche alle più piccole cose", segna Giulia Dragotto, l'attrice esordiente di appena 14 anni, originaria proprio di Palermo, che - scelta fra oltre duemila candidate - nella serie è la tenace e coraggiosa Anna. "Il mondo di oggi va veloce, ti bombarda con milioni di stimoli vorticosi. Più lui va veloce, più tu devi rallentare, dammi retta, rallenta e concentrati su quello che vuoi. Immagina ciò che desideri con precisione, impegnati a fondo e non lasciarti mai distrarre da niente e nessuno", è il pensiero di Elena Lietti, che interpreta Maria Grazia, la mamma di Anna e Astor.
"Il trucco è non dare niente per scontato", scrive Clara Tramontano, che nella serie è Angelica, la regina dei Blu; "L'amore e il rispetto per tutto e tutti, ma soprattutto per la Terra che è la nostra vera grande casa", annota sul quaderno delle cose importanti Alessandro Pecorella, 9 anni, che presta il volto ad Astor, il fratellino di Anna; Giovanni Mavilla (il giovanissimo Pietro), invece, scrive: "Non avere paura di vivere da solo, ma vivi la vita in modo semplice e naturale". "Ama il prossimo tuo e ama te stesso", è infine l'appunto di Roberta Mattei, "La Picciridduna" della serie Sky Original.

E poi, tante frasi anche dalla community, raccolte tramite i social: riflessioni più esistenziali o concrete pillole di quotidianità, tutto ciò che rappresenti un obiettivo da raggiungere o un'idea su cui basare le proprie azioni. Insieme a "Se trovi qualcuno che ti sbuccia la frutta, tienitelo stretto", "Andare in montagna e stare in mezzo a un bosco", "Le belle serate con gli amici", trovano spazio anche appunti come "Imparare la gentilezza", "Chiedere: come stai?", "L'indipendenza", "Andare nella natura e immergercisi", oppure, sempre a questo proposito, "Salvaguardare e rispettare la Natura: ridurre l'uso della plastica, non sprecare acqua e fare la raccolta differenziata".

Anna, la spiegazione del finale: la luce è nel potere delle storie

L'idea della campagna del nuovo "quaderno delle cose importanti" è della Sky Creative Agency.

La serie Anna, disponibile on demand su Sky e in streaming su NOW, è il secondo progetto televisivo dello scrittore Premio Strega per Come Dio comanda, ancora con Sky dopo il successo de Il Miracolo. È prodotta da Mario Gianani e Lorenzo Mieli con Lorenzo Gangarossa per Wildside, società del gruppo Fremantle, in coproduzione con ARTE France, The New Life Company e Kwaï. Fremantle è il distributore internazionale.