Un mercoledì da leoni

1978, Drammatico

Un mercoledì da leoni: cavalcando le onde della nostalgia

Un mercoledì da leoni arriva su Infinity TV: a 40 anni di distanza dall'uscita del film nelle sale, torniamo a parlare del cult generazionale di John Milius.

Un Mercoledi Da Leoni3

"È una versione di Com'era verde la mia valle sul surf: la scomparsa di un'aristocrazia, la fine di un'era, il passaggio da un'epoca più innocente a una più corrotta e complessa". Con questa parole, in un'intervista, John Milius descriveva il progetto più personale della sua carriera da regista: era l'estate del 1976, ovvero due anni prima che Un mercoledì da leoni vedesse finalmente la luce. Milius aveva appena ottenuto i finanziamenti necessari dalla Warner Bros, eppure il film, basato sulla sua giovinezza e sulla sua esperienza di surfista, avrebbe richiesto una gestazione più lunga e complessa del previsto.

"Questo film parla di amicizia, il surf è soltanto lo sfondo", spiegava ancora Milius; "Parla dell'amore per un luogo, dell'amore per un'epoca, dell'amore per i tuoi contatti umani e della perdita di queste cose. È probabilmente il film più personale che realizzerò mai, e credo di doverlo realizzare adesso, prima di allontanarmene troppo". E il senso del trascorrere del tempo, della fine di un'irripetibile stagione dell'esistenza, in Un mercoledì da leoni è quanto mai palpabile. Pochi altri film, del resto, hanno raccontato con trasporto altrettanto genuino lo spirito della generazione nata negli anni Quaranta: la generazione che avrebbe attraversato l'ultima "età dell'innocenza" americana e che avrebbe sperimentato sulla propria pelle la tragedia del conflitto in Vietnam.

Leggi anche: Allacciate le cinture: da Rollerball al nuovo Point Break, gli sport estremi al cinema!

Un Mercoledi Da Leoni6

Le estati passavano rapidamente, e spesso non lasciavano traccia. Forse ricordo meglio gli autunni e le altre stagioni.

Il ritratto di un'amicizia firmato da John Milius

Un Mercoledi Da Leoni7

Distribuito negli Stati Uniti il 26 maggio 1978, Un mercoledì da leoni sarebbe arrivato in Italia il 3 ottobre, esattamente quarant'anni fa: un anniversario che Infinity TV ha deciso di celebrare rendendo disponibile il classico di John Milius nel proprio catalogo. La genesi del film risale a un racconto autobiografico pubblicato nel 1974 dal giornalista Denny Aaberg, ex compagno di surf di Milius: i due decidono di collaborare per trarne il soggetto per una pellicola e scrivono a quattro mani la sceneggiatura. Una sceneggiatura tutt'altro che semplice, come ammette anche Milius: ambientato sulle spiagge del Sud della California, Un mercoledì da leoni copre un arco cronologico di ben dodici anni, dall'estate del 1962 all'estate del 1974, seguendo una trama frammentaria e segnata da numerose ellissi, con un approccio narrativo decisamente atipico rispetto ai canoni del cinema americano.

Un Mercoledi Da Leoni5

Perché più di singoli eventi, a costituire il cuore pulsante del film è proprio la descrizione dell'amicizia fra i tre personaggi principali, accomunati dalla passione per il surf: Matt Johnson (Jan-Michael Vincent), Jack Barlowe (William Katt) e Leroy Smith (Gary Busey). Nel cast ci sono attori non molto conosciuti (quello stesso anno, Gary Busey avrebbe ottenuto una nomination all'Oscar per il biopic La storia di Buddy Holly) e il film, che mescola umorismo e malinconia, non riesce a replicare i fasti del fenomeno American Graffiti. Al contrario, alla sua uscita Un mercoledì da leoni si rivela un inaspettato fiasco in patria, registrando appena due milioni di spettatori: un insuccesso a cui, gradualmente, renderà giustizia il tempo, fino a trasformare l'opera di Milius in uno dei cult movie più rappresentativi del cinema americano degli anni Settanta.

Leggi anche: Box Office Surprise! Quindici fenomeni che hanno lasciato il segno

L'estate, il surf e lo spettro del Vietnam

Un Mercoledi Da Leoni4

Ed è alla leggerezza di American Graffiti, e più in generale ad un preciso filone all'interno del genere del coming of age, che John Milius si richiama nella prima parte del film. L'ambientazione è la California del 1962, i personaggi sono poco più che adolescenti e le sole attività che riempiono le loro giornate sono le bevute con gli amici, i flirt con le ragazze e il surf, la nuova pratica sportiva entrata in voga proprio in quel periodo. Il surf, messo in scena da Milius con un afflato quasi epico, assurge così a simbolo non solo di un preciso momento storico, ma di un atteggiamento verso la vita: "Il mito dell'individualismo americano e dell'uomo solo di fronte alla furia degli elementi", come sottolinea Paolo Mereghetti. E nelle prime sezioni del film, le cavalcate di Matt, Jack e Leroy sulle onde dell'oceano sono intervallate dalla spensieratezza dei vent'anni: lo svago, i primi amori e le feste goliardiche, accompagnati dalle indimenticabili ballate pop composte da Carole King e Gerry Goffin (nella colonna sonora fanno bella mostra The Loco-Motion di Little Eva e Will You Still Love Me Tomorrow? delle Shirelles).

Un Mercoledi Da Leoni2

Trascorrono gli anni, e le radiose giornate estive verranno oscurate dallo spettro del Vietnam. Nel film la guerra non è mai mostrata direttamente sullo schermo: Milius descrive con gioviale ironia le visite mediche delle reclute, molte delle quali tentano con ogni espediente di farsi riformare (fra i tre amici, soltanto Jack presterà servizio in Vietnam), per poi confinare "fuori campo" il conflitto, di cui tuttavia è impossibile non avvertire il peso. In questa prospettiva, Un mercoledì da leoni esce in un'annata davvero emblematica: tre mesi prima, a febbraio, Hal Ashby aveva riportato un enorme successo con Tornando a casa, in cui Jane Fonda interpreta la moglie di un ufficiale dei marine spedito al fronte; a dicembre, invece, farà il suo debutto Il cacciatore, capolavoro di Michael Cimino incentrato sull'orrore del Vietnam e sulla difficoltosa reintegrazione dei reduci. A differenza di questi due titoli fortunatissimi, Un mercoledì da leoni filtra il dramma, stemperandolo nella malinconia per un'epoca che si allontana in maniera ineluttabile.

Leggi anche: Ricordando Michael Cimino: l'affresco di un'America fra bellezza e violenza

I momenti di gloria di una generazione sconfitta

Un Mercoledi Da Leoni8

Nel film di Milius, infatti, la dimensione storico-politica è del tutto implicita, subordinata a quella prettamente intima e privata dei tre comprimari: la famiglia, le delusioni, la ricerca di un futuro che offre ben poche certezze, la sommessa sofferenza per le persone perdute lungo il cammino. E poi la riflessione sull'amicizia, legame capace di resistere alle onde del tempo e sublimato in un finale maestoso e solenne: il Big Wednesday del titolo originale, la grande mareggiata dell'estate del 1974, che vedrà Matt, Jack e Leroy fianco a fianco, ancora una volta, sulle tavole da surf, impegnati a domare le onde più alte che abbiano mai affrontato. Un estremo "momento di gloria", ma anche il punto d'arrivo di una generazione che ha conosciuto il Sogno Americano e il suo fallimento: quel fallimento che proprio la New Hollywood ha contribuito a certificare, senza però rinunciare a una profondissima, irrinunciabile empatia nei confronti di chi, a quelle macerie, è riuscito nonostante tutto a sopravvivere.

Un mercoledì da leoni: cavalcando le onde della...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Allacciate le cinture: da Rollerball al nuovo Point Break, gli sport estremi al cinema!
Ricordando Michael Cimino: l’affresco di un’America fra bellezza e violenza