Tori et Lokita, la recensione: soli contro tutti per poter stare insieme

La recensione di Tori et Lokita, il nuovo film dei due volte vincitori della Palma d'Oro Luc e Jean-Pierre Dardenne: una storia toccante sulle difficoltà affrontate dagli immigrati una volta arrivati in Europa.

RECENSIONE di 25/05/2022
Tori Et Lokita 4
Tori et Lokita: una scena del film

Luc e Jean-Pierre Dardenne tornano a Cannes dopo essersi aggiudicati già due volte la Palma D'Oro (per Rosetta nel 1999 e The Child nel 2005) e lo fanno con un film che forse non spicca per originalità di tematiche, o virtuosismi di regia, ma è comunque capace di toccare al cuore lo spettatore e far arrivare il proprio messaggio, raggiungendo l'intento che la coppia di registi si erano probabilmente posti prima di iniziare a girare. Come vedremo in questa recensione di Tori et Lokita, l'ultimo film dei cineasti belgi è tutto incentrato su una coppia di immigrati del Benin arrivati da poco in Europa. I due saranno costretti ad adattarsi alle difficoltà della vita nel nuovo Paese ricorrendo a stratagemmi ed escamotage non propriamente legali, scontrandosi a più riprese con una realtà dura e respingente.

Tori e Lokita vorrebbero stare insieme

Tori (Pablo Schils) e Lokita (Mbundu Joely), lui ancora bambino e lei poco più che maggiorenne, dicono di essere fratello e sorella, in realtà si sono incontrati poco prima di arrivare in Europa durante quel viaggio della speranza via mare che molti come loro devono affrontare. Il legame che hanno stretto è però più forte che mai, e fanno tutto l'uno per l'altra. Per potersi costruire una vita in Belgio, Lokita vorrebbe ottenere un permesso di soggiorno che gli permetta di studiare per diventare caregiver, poter guadagnare qualcosa e affittare un appartamento per lei e Tori.

Tori Et Lokita 3
Tori et Lokita: una scena del film

Non riuscendo però a dimostrare che lei e il bambino siano imparentati (e quindi poter legalmente vivere insieme) i due si trovano in una situazione di limbo, tra i parenti rimasti in Benin e i contrabbandieri (che ne hanno organizzato il viaggio) che continuano a esigere pagamenti impossibili, e un piccolo spacciatore che li usa per i suoi traffici. Sarà proprio quest'ultimo a convincere Lokita a rinchiudersi per tre mesi in una serra dove viene coltivata illegalmente marijuana, lontana da Tori e dalla vita che conduceva, ma con la promessa di essere pagata e di ottenere i permessi che le servono una volta terminato il lavoro.

Difficile però che Tori riesca a restarle lontano, e il suo disperato tentativo di ricongiungersi con quella che ritiene la sua sorella maggiore scatenerà una catena di eventi inaspettatamente drammatici, che li metterà entrambi in pericolo di vita.

25 anni di Palme d'Oro: parte 2, dai fratelli Dardenne a Nuri Bilge Ceylan

Un messaggio chiaro

Tori Et Lokita 1
Tori et Lokita: una scena del film

Come vi anticipavamo, il messaggio che i Dardenne ci vogliono trasmettere con questo loro ultimo film è chiaro fin dall'apertura, nella rappresentazione di un'Europa che dovrebbe essere inclusiva ma che, invece, da una parte respinge i migranti e li invischia in un groviglio di burocrazia da cui è difficile districarsi, e dall'altra li costringe a ricorrere all'illegalità per poter sopravvivere. Tori e Lokita - diversamente da come spesso vengono rappresentati personaggi di questo tipo - non sono affatto ingenui, il loro non è un sogno che si infrange di fronte a una realtà che non corrisponde a quello che avevano immaginato, ma anzi insieme riescono a cavarsela piuttosto bene, affrontando difficoltà ed umiliazioni a testa alta con l'unico obiettivo di costruirsi una vita insieme.

Tori Et Lokita 2
Tori et Lokita: una scena del film

Il film - anche per come è girato, seguendo da vicino i due protagonisti - non spicca per originalità, a parte un finale inaspettatamente d'impatto. L'impressione è quella di rivedere qualcosa che è già stato raccontato più e più volte, e si muove su binari piuttosto prevedibili. Detto questo, però, Tori et Lokita di Luc e Jean-Pierre Dardenne riesce comunque a colpire, portando sullo schermo un legame di fratellanza sincero e profondo e affidandosi alle interpretazioni di due giovani attori - Mbundu Joely e Pablo Schils - davvero credibili e convincenti.

Conclusioni

Come abbiamo spiegato nella nostra recensione di Tori et Lokita il film di Luc e Jean-Pierre Dardenne racconta una storia che non spicca per originalità ma che sa come colpire a fondo lo spettatore. Davvero convincenti i due giovani interpreti.

Movieplayer.it

3.0/5

Voto medio

N/D

Perché ci piace

  • Una storia toccante e con momenti di inaspettata crudezza che colpiscono.
  • La coppia di giovani interpreti, Pablo Schils e Mbundu Joely.

Cosa non va

  • Il film non spicca per originalità e virtuosismi registici.