Sulla scena del delitto: Il caso del Cecil Hotel, recensione: il documentario Netflix sull'hotel maledetto

La recensione di Sulla scena del delitto: Il caso del Cecil Hotel, il documentario Netflix che racconta un caso di omicidio avvenuto in un hotel dalla storia violenta e sanguinosa.

RECENSIONE di 10/02/2021
Sulla Scena Del Delitto Caso Cecil Hotel 03
Sulla scena del delitto: il caso del Cecil Hotel, una foto della docuserie Netflix

Qualche anno fa, per la precisione nel 2013, il video della giovane Elisa Lam, ragazza scomparsa che entrava ed usciva in stato confusionale dall'ascensore dell'hotel losangelisno in cui alloggiava, apparentemente terrorizzata da una presenza invisibile, aveva fatto il giro del mondo. Quando poi il cadavere della giovane canadese di origini cinesi fu trovato nelle cisterne dello stesso edificio (contenente l'acqua bevuta ed utilizzata per giorni dagli ospiti dell'albergo, un macabro particolare difficile da dimenticare), la storia acquisì di colpo un'incredibile risonanza, ben al di fuori dei confini statunitensi. Come vedremo in questa recensione di Sulla scena del delitto: Il caso del Cecil Hotel, la nuova docuserie Netflix ideata da Joe Berlinger (lo stesso di Jeffrey Epstein: soldi, potere e perversione sempre disponibile sulla piattaforma), la vicenda che ha come sfortunata protagonista Elisa diviene in questo caso quasi un pretesto per poter raccontare la storia dell'hotel in cui lei si trovava al momento della morte, una specie di Overlook Hotel californiano, del quartiere malfamato in cui è costruito, ma anche per parlare di quanto internet possa essere un'arma a doppio taglio, uno strumento per avvicinare persone con i medesimi interessi e creare comunità ma anche un luogo in cui costruire le teorie più strampalate ed accusare senza prove persone innocenti.

Sulla Scena Del Delitto Caso Cecil Hotel 06
Sulla scena del delitto: il caso del Cecil Hotel, una scena tratta dalla docuserie Netflix

Al centro di Sulla scena del delitto più che Elisa troviamo infatti gli internet sleuth, quegli investigatori amatoriali appassionati di true crime che si radunano su siti, forum e canali YouTube dedicati ai casi irrisolti più controversi, persone che spesso trasformano una passione in ossessione, cercando a tutti i costi una verità che però si allontana sempre di più dalla realtà per sfociare nello scivolosissimo terreno delle conspiracy theories. Il documentario prodotto, tra gli altri, da Ron Howard riesce così a raccontare un fenomeno che oggi non potrebbe che essere più attuale, analizzando - seppur in maniera non particolarmente approfondita - i meccanismi che spingono queste persone a dedicarsi anima e corpo nella decifrazione di indizi dal discutibile peso e nella costruzione di scenari sempre più incredibili. Una scelta senza dubbio singolare ma oltremodo interessante, che distacca questo Sulla scena del delitto: Il caso del Cecil Hotel da molti dei prodotti del ricco catalogo true crime della piattaforma streaming, peccato per alcune ingenuità nella sua realizzazione, come il ritmo a tratti altalenante e lo smodato uso di ricostruzioni, che invece che arricchire la narrazione la spogliano di realismo.

I migliori documentari true crime su Netflix

L'omicidio di Elisa Lam

Sulla Scena Del Delitto Caso Cecil Hotel 01
Sulla scena del delitto: il caso del Cecil Hotel, Kenneth Givens in una scena della docuserie Netflix

Come vi accennavamo, Elisa Lam è una giovane di origini cinesi che dal Canada intraprende, nel 2013, un viaggio in solitaria con destinazione Los Angeles. Lì alloggia al Cecil Hotel, un albergo con una storia alquanto macabra alle spalle (omicidi e squartamenti avvenuti all'Overlook creato da Stephen King impallidiscono al confronto), reinventatosi in parte ostello per la gioventù. Dopo pochi giorni nella città degli angeli, Elisa - che soffre di disturbo bipolare e di depressione - scompare, lasciando come unico indizio un video particolarmente inquietante registrato nell'ascensore del Cecil: la donna entra ed esce dall'abitacolo, continua a spingere i bottoni del pannello senza però che le porte si chiudano, si guarda intorno terrorizzata come se fosse minacciata da un'oscura presenza. Queste immagini, dopo essere state diffuse dalla polizia, fanno il giro del pianeta, catturando l'attenzione - oltre che dell'opinione pubblica - di un numero sempre più nutrito di investigatori amatoriali, votati a scoprire cosa sia accaduto ad Elisa. Il ritrovamento poi del cadavere nelle cisterne sul tetto dell'hotel non seda il loro bisogno di verità, ma anzi lo fomenta, spingendoli a cercare indizi sull'identità di un possibile assassino, perché la possibilità che si tratti di un incidente non viene nemmeno considerata. Nella ricerca di un colpevole a tutti i costi passeranno da immaginare cospirazioni governative, a mettere in ballo il sovrannaturale e a mandare alla gogna un cantante heavy metal messicano, reo di aver passato alcuni giorni al Cecil un anno prima della morte di Elisa e di scrivere canzoni dai macabri contenuti.

I 20 migliori documentari su Netflix da vedere assolutamente

L'hotel maledetto

Sulla Scena Del Delitto Caso Cecil Hotel 04
Sulla scena del delitto: il caso del Cecil Hotel, Santiago Lopez in una scena della docuserie Netflix

L'indagine degli internet sleuth si mescola al racconto della storia dell'hotel, inaugurato in pompa magna nei primi anni del Novecento (e segnato fin dall'inizio da una serie di atti violenti, suicidi e morti misteriose) e poi, contemporaneamente al decadimento della zona Downton di Los Angeles, caduto presto in disgrazia e trasformatosi in un ritrovo per delinquenti e prostitute nell'arco di pochi decenni. E a questo punto noi spettatori non possiamo che fare un balzo sulla nostra poltrona, quando vediamo scorrere sullo schermo alcune immagini divenute per noi estremamente familiari di recente: a pochi giorni dalla visione di Night Stalker: caccia a un serial killer, il documentario - sempre distribuito da Netflix - sul famoso serial killer Richard Ramirez non possiamo che restare colpiti, ed agghiacciati, dalla scoperta che era un assiduo frequentatore del Cecil, dove tornava completamente ricoperto di sangue dalle sue notti di follia omicida senza attirare la particolare attenzione di nessuno (immaginatevi quindi chi potevano essere gli altri inquilini del famigerato hotel).

Sulla Scena Del Delitto Caso Cecil Hotel 07
Sulla scena del delitto: il caso del Cecil Hotel, un'immagine della docuserie Netflix

Un abuso di ricostruzioni

Sulla Scena Del Delitto Caso Cecil Hotel 02
Sulla scena del delitto: il caso del Cecil Hotel, Mike e Sabina Baugh in una scena della docuserie Netflix

La storia di Elisa è quindi, a tratti, quasi soffocata dai moltissimi spunti forniti dal luogo così tristemente singolare in cui l'omicidio è avvenuto, ma anche dall'enorme mole di teorie ed incredibili cospirazioni che gli si sono costruite attorno con il passare dei mesi dalla scoperta del corpo. In questo caso, però, questa ricchezza di temi e filoni narrativi non l'abbiamo considerata come una mancanza di focus, ma anzi come un tentativo di raccontare quanto accaduto da una prospettiva il più ampia possibile. Non tutto fila sempre liscio, intendiamoci, e a tratti sembra che la narrazione si trascini un po', mettendo sul piatto troppe storie, troppe voci, troppe possibilità.

Sulla Scena Del Delitto Caso Cecil Hotel 05
Sulla scena del delitto: il caso del Cecil Hotel, una scena della docuserie Netflix

Se da una parte vengono inseriti il giusto numero di contribuiti e testimonianze, capaci di tratteggiare la situazione in maniera completa, dall'altra la costante presenza di ricostruzioni (Elisa che legge tratti del suo blog ad altra voce, internet sleuth che dal buio delle loro stanze battono costantemente sulle tastiere dei pc) non arricchiscono il documentario ma anzi lo appesantiscono, togliendo realismo al resoconto dei fatti. Al netto di quelli che durante la visione ci sono sembrati dei piccoli difetti, però, Sulla scena del delitto: Il caso del Cecil Hotel è comunque una docuserie da non perdere, che potrebbe catturare l'attenzione tanto degli amanti del genere true crime (per cui Netflix si sta definendo, con il tempo, una fonte di prodotti davvero imperdibili) che del pubblico meno appassionato, ma che comunque verrà trascinato in una storia dai risvolti particolarissimi ed inaspettati.

Conclusioni

Concludiamo questa recensione di Sulla scena del delitto: Il caso del Cecil Hotel sottolineando ancora una volta come questa docuserie creata da Joe Berlinger utilizzi la triste vicenda accaduta ad Elisa Lam per poter esplorare diverse tematiche. Il documentario in quattro episodi risulta così estremamente interessante, peccato per alcune ingenuità nella sua realizzazione e per l’uso smodato di ricostruzioni che tolgono realismo alla narrazione.

Movieplayer.it

3.0/5

Voto medio

N/D

Perché ci piace

  • Il caso molto interessante al centro del documentario, che viene sfruttato per esplorare diverse tematiche.
  • Il documentario è ricchissimo di testimonianze e contributi.

Cosa non va

  • Le ricostruzioni sono davvero troppe.
  • Alcune tematiche potevano forse essere approfondite.
  • La narrazione in certi punti si trascina un po’.