Shining - Extended Edition in Blu-Ray 4K: il capolavoro di Kubrick come non l'avete mai visto

La recensione di Shining - Extended Edition in 4K UltraHD: il celebre film di Kubrick è arrivato in homevideo nella versione americana con 24 minuti aggiuntivi e con un nuovo video di abbagliante bellezza.

RECENSIONE di 25/10/2019
Shining: Jack Nicholson in una scena del film
Shining: Jack Nicholson in una scena del film

Il mitico Shining nella versione estesa, finora esclusiva assoluta del mercato nord americano, e nella sontuosa veste del 4K: due novità di enorme impatto tutte in una volta, come vedremo nella recensione di Shining Extended Edition in 4K UltraHD (edizione che contiene anche il blu-ray, anch'esso con video restaurato e in versione estesa), per uno dei capolavori più acclamati di Stanley Kubrick, tratto dal celebre romanzo di Stephen King.

Finalmente dunque, grazie all'uscita targata Warner Bros. Home Entertainment, il pubblico italiano ed europeo può ammirare Shining - Extended Edition, con 24 minuti in più (che sono stati ridoppiati, come approfondiremo in seguito) che portano la durata complessiva a 144 minuti. E non solo: il film ha beneficiato di una rimasterizzazione realizzata usando una nuova scansione in 4K del negativo originale in 35mm, con Steven Spielberg e l'ex assistente personale di Stanley Kubrick, Leon Vitali, a lavorato a stretto contatto con il team della Warner Bros. durante il processo di mastering. Andiamo dunque a vedere cosa ci riserva questa fantastica edizione.

Shining: benvenuti nel folle delirio dell'Overlook Hotel

Shining: la terrificante apparizione delle gemelle Grady
Shining: la terrificante apparizione delle gemelle Grady

L'extended version con 24 minuti di scene inedite

Shining Extended

Siamo pertanto di fronte a un'edizione storica, presentata con un'elegante slipcover. Nei 24 minuti aggiuntivi di questa versione americana, rispetto a quella europea, ci sono scene inedite niente affatto banali: ad esempio compaiono due attori in più: Anne Jackson nei panni di una dottoressa che visita Danny, e Tony Burton, che interpreta il perosnaggio dal quale Dick Hallorann ottiene il gatto delle nevi per recarsi all'Overlook.

Ci sono sequenze aggiuntive qua e là che riguardano Danny (anche una particolarmente inquietante), compaiomo scheletri, viene svelato in anticipo il passato da alcolista di Jack Torrance, il colloquio di lavoro iniziale è più lungo, come anche la presentazione alla famiglia Torrance degli spazi dell'Overlook e il primo incontro tra Jack e il barista Lloyd. Per un dettaglio più specifico su tutte le scene aggiuntive, rimandiaamo all'articolo della presentazione di Shining Extended Edition a Cannes.

Il video 4K: è quasi un nuovo Shining, di una bellezza commovente

Shining, la scena dello specchio
Shining, la scena dello specchio

Ma oltre ai tanti minuti in più della versione estesa, il vero e pazzesco salto di qualità di quest'edizione lo si ha grazie alla visione in 4K UltraHD, che rappresenta uno degli upgrade più significativi rispetto al blu-ray visti finora. Il nuovo trasferimento fa davvero un passo da gigante sul fronte video rispetto alle precedenti visioni: il restauro originato da una nuova scansione in 4K del negativo originale del girato in 35 mm, ha dato vita davvero a un nuovo film per quanto riguarda il dettaglio e l'aspetto cromatico, qui nettamente migliorati rispetto al blu-ray.

Shining3
Una scena di Shining

Basta vedere le panoramiche iniziali mozzafiato, più nitide e precise, o gli interni dell'Overlook Hotel, più brillanti e ricchi di particolari, o ancora le trame della giacca di Jack Nicholson al suo arrivo, quasi commoventi nella loro perfezione, giusto per citare qualche esempio. Ma compaiono addirittura elementi che in precedenza erano quasi invisibili.

Shining: a Cannes 2019 il restauro (quasi) integrale del film di Stanley Kubrick

Shining
Shining

Un netto upgrade su croma, grana e intensità cromatica

Shining2

Ma non c'è solo l'aspetto del dettaglio. L'HDR porta infatti un progresso notevole anche per quanto riguarda l'impatto cromatico, con un netto upgrade sui livelli di contrasto, sull'intensità dei colori (folgorante il rosso del bagno) e sulla maggiore quantità di particolari percepibili nelle ombre.   C'è anche una maggiore stabilità generale del quadro, inoltre tutta la parte della neve sembra più naturale. Ma c'è un altro aspetto del video davvero fenomenale ed è la mirabile gestione della grana, che è sempre presente in maniera uniforme su tutto il quadro e per tutta la durata del film, ma più sottile rispetto al blu-ray, piacevolmente naturale senza la minima sbavatura e senza la minima traccia di filtri. Se ci aggiungiamo che non c'è la minima traccia di compressione, ecco perché questa nuova visione di Shining lascia davvero a bocca aperta.

L'audio: scene aggiunte ridoppiate, ma l'italiano è solo 2.0

Jack Nicholson in Shining
Jack Nicholson in Shining

Sul fronte audio, invece, va innanzitutto rassicurato chi era preoccupato per il doppiaggio delle scene aggiuntive, che è stato integrato. All'epoca esisteva già un doppiaggio anche di qiesta parte, probabilmente andato perduto, ma tutte le sequenze aggiuntive sono state ridoppiate e Jack Nicholson addirittura ha beneficiato della voce dello stesso Giancarlo Giannini. Per quanto riguarda la codifica, invece, l'italiano fa un inatteso passo indietro: nella nostra lingua, infatti, sia nel 4K che nel blu-ray troviamo solamente un Dolby digital 2.0. E tra l'altro siamo l'unico paese ad avere questa codifica limitata perché le altre lingue beneficiano almeno di un dolby digital 5.1, mentre l'inglese è dotato addirittura di un DTS HD 5.1.

Shining4

In ogni caso poco male: l'originale presentazione cinematografica era in stereo, anche se in effetti nelle edizioni precedenti in DVD e Blu-ray c'era stato un upmix anche per l'italiano a 5.1, che comunque non aveva portato chissà quante informazioni aggiuntive. In ogni caso si tratta di una traccia pulita, con poca dinamica ma dalla discreta ambienza e con dialoghi dall'ottimo timbro, nei quali i passaggi ridoppiati si inseriscono senza nessun trauma. Il DTS-HD 5.1 inglese, a parte la naturalezza delle voci originali, è ovviamente anche più immersivo, con buoni tocchi di ambienza nei momenti di maggior tensione, senza arrivare ovviamente alla spettacolarità delle tracce dei film più recenti.

Gli extra: un'ora e mezza di documentari e approfondimenti

Philip Stone e Jack Nicholson in una scena di Shining
Philip Stone e Jack Nicholson in una scena di Shining

A parte il commento audio dell'inventore della Steadicam Garrett Brown e del biografo di Kubrick John Baxter, tutti gli altri extra (compreso nuovamente il commento) si trovano sul blu-ray, sono sottotitolati e sono gli stessi delle precedenti edizioni. The Making of "The Shining" (35') è un documentario realizzato all'epoca da Vivian Kubrick, la figlia di Stanley, con molti momenti catturati sul set durante la preparazione di alcune scene. E c'è anche il commento opzionale della stessa Vivian. Poi troviamo View from the Overlook - La creazione di Shining (30'), sulla realizzazione e la produzione del film con interventi anche di Jack Nicholson e della sceneggiatrice Diane Johnson. A seguire The Visions of Stanley Kubrick (17'), sul lavoro e la carriera del grande regista, con spunti anche del suo biografo e di altri filmaker. A chiudere un'intervista con Wendy Carlos (7' e mezzo), autrice della colonna sonora.

Conclusioni

La nostra recensione di Shining - Extended Edition in 4K l’ha chiarito in modo netto: siamo di fronte a un’edizione storica, che finalmente comprende i 24 minuti in più della versione americana del film, ed è proposta con un video che rappresenta un netto upgrade rispetto ai blu-ray precedenti. Lodevole il ridoppiaggio delle parti aggiuntive, anche se l’italiano è limitato al 2.0. Buoni gli extra, i soliti delle ultime edizioni.

Movieplayer.it

4.5/5

Perché ci piace

  • La possibile di vedere finalmente Shining nella versione estesa.
  • Il video 4K rappresenta un upgrade pazzesco rispetto al blu-ray.
  • Il restauro ha portato anche ulteriore dettaglio e un croma più intenso.
  • Il ridoppiaggio delle scene aggiuntive è ben realizzato.
  • Un buon pacchetto di extra.

Cosa non va

  • Però negli extra non c’è nulla di nuovo.
  • L’audio italiano limitato al Dolby digital 2.0