Free Fire

2016, Azione

Sharlto Copley: quanto testosterone in Free Fire

Nel dicembre dello scorso anno al 13° Dubai International Film Festival abbiamo incontrato Sharlto Copley, insieme a Brie Larson, Cillian Murphy e Armie Hammer uno dei protagonisti del film di Ben Wheatley "Free Fire", da oggi finalmente nelle nostre sale. Ecco cosa ci ha raccontato il quarantaquattrenne attore sudafricano.

images/2017/12/05/sharlto-copley-widescreen-wallpaper-58851-60628-hd-wallpapers-1024x576.jpg

Ride degli stereotipi e calca l'accento sudafricano per accentuare l'effetto comico: Sharlto Copley ha davvero messo a soqquadro, in senso positivo, il red carpet del 13° Dubai International Film Festival, svoltosi nel dicembre dello scorso anno con l'ultimo, scoppiettante - è il caso di dirlo - progetto, Free Fire, con il Premio Oscar Brie Larson, Cillian Murphy e Armie Hammer, prodotto da Martin Scorsese. "Che colleghi cialtroni" - ha detto - "hanno usato le scuse più assurde per non essere qui oggi. Invece dalle mie parti siamo così: basta un invito e noi ci fiondiamo subito".

Ovviamente scherzava, perché il resto del cast era sparpagliato in giro per il mondo tra i set più diversi, ma ha suscitato subito un moto di simpatia tipico delle simpatiche canaglie a cui è impossibile dire di no.
Quando si tratta di nuovi progetti diventa improvvisamente serio, anche se per poco: "Vorrei occuparmi più spesso di tematiche sociali" - parole sue - "come il sovrappopolamento del pianeta, sarebbe inconcepibile se il mondo s'accorgesse del problema quando ormai è troppo tardi. Non per fare il predicatore, ma mi sembra una questione piuttosto logica a cui non si presta la dovuta attenzione anche se c'è in gioco il futuro dell'umanità".

Leggi anche: Free Fire: Ben Wheatley, l'America e le sparatorie

images/2017/12/05/c-mqiacw0aabpwb.jpg

Io, perfetto cartoon

images/2017/12/05/sharltocopley-freefire.jpg

Dopo questa parentesi impegnata, Copley è tornato nei panni che gli si addicono di più, quelli da commedia: "In cima alla lista dei ruoli della vita sai cosa c'è? Prestare la voce a South Park, sarebbe pazzesco". Quando gli si è fatto notare che anche un viaggetto a Springfield non sarebbe male ribatte: "Come seconda scelta direi che diventare un personaggio de I Simpson non sarebbe male, ma atteniamoci al piano e puntiamo in alto". L'animo da giullare, confessa, ce l'ha fin da bambino, quando si travestiva da qualsiasi personaggio gli capitasse a tiro: "Il primo costume, come per tutti i maschietti, è stato Batman ma subito dopo ho deciso di farmi da solo quello da vichingo, niente male come inizio".

Leggi anche: I Simpson: 20 cose che (forse) non sapete sulla famiglia gialla della tv

Spara che ti passa

images/2017/12/05/free-fire-10.jpg

In Free Fire il divertimento del set è amplificato perché la storia si svolge quasi totalmente in una rimessa dove tutti i personaggi ingaggiano una sparatoria senza esclusione di colpi. Un po' come a Hollywood insomma? "Più che una metafora del mondo dello spettacolo, questo film mi sembra un buon modo per raccontare la competizione maschile. Nello show business invece difficilmente ti fanno secco". A sorpresa, poi, ha ammesso di essere lui stesso incredibilmente competitivo: "Lo sono, eccome, innanzitutto con me stesso, alzo sempre l'asticella. E l'ironia del destino che quando entriamo nei personaggi dobbiamo dimenticarci della competizione per lasciare spazio solo alla creatività, sfidare i limiti e puntare in alto. Con Free Fire mi sono trovato coinvolto in un gruppo di protagonisti che raramente capitano in giro, un po' western e un po' commedia anni 70, insomma un vero spasso".

Leggi anche: Free Fire: Brie Larson e Cillian Murphy nel trailer red band

Proiettili volanti

Free Fire: Brie Larson, Cillian Murphy e Armie Hammer in una scena del film

Un po' di paura, però, deve averla provata, con tutti quei proiettili in giro per la stanza: "Oramai ho capito che in questo mestiere la prima regola è la sicurezza personale. Certo, ogni tanto qualche graffietto te lo becchi e di certo non è divertente vedere esplodere i colpi a pochi centimetri dalla faccia, per non parlare del rumore assordante tutto il tempo, ma ne valeva la pena, persino quando mi costringevano per ore ad accasciarmi sul pavimento mentre gli altri personaggi erano intenti nell'azione. Per timore che nello sfondo ci fosse qualche incongruenza prima o poi toccava a tutti starsene fermi in un angolo mentre il resto dei colleghi ingaggiava uno scontro a fuoco".

Leggi anche: Da Le iene a The Hateful Eight, la violenza nel cinema di Tarantino: i momenti (cult) più scioccanti

Una Lady con la pistola

Free Fire: Sharlto Copley e Brie Larson in una scena del film

Tra tutti questi maschietti spicca un solo personaggio femminile, interpretato da Brie Larson: "Il film" - dice l'attore - "è prevalentemente per un pubblico di uomini ma fa bene la presenza di una donna che ricordi loro che fine possono fare quando si lasciano trascinare dall'ego. A volte troppo testosterone fa male e lo dice uno a cui piacciono gli sport estremi, ma ormai si è tarato sul rischio calcolato". La sfida di girare un action dentro quattro mura l'ha accettata al volo: "Abbiamo girato Free Fire per 6 settimane nella polvere, spesso disteso per terra, comunque l'essere limitato nei movimenti e nello spazio non è stato un problema. L'eco degli spari nelle orecchie invece mi ha accompagnato a lungo, al punto che nessuno di noi sentiva quando qualcun altro recitava le battute, eppure abbiamo creato un'atmosfera incredibile, con un effetto domino a volte d'improvvisazione che ha sprigionato un'energia unica". Se dovesse scegliere invece il ruolo della vita non avrebbe dubbi: "District 9 mi ha totalmente catapultato in una dimensione nuova, anche se sono grato a tutte le esperienze successive che mi hanno permesso di scavare a fondo nella mia umanità e a volte di sradicare alcuni pregiudizi".

Sharlto Copley: quanto testosterone in Free Fire
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Free Fire: Ben Wheatley, l’America e le sparatorie
Free Fire: Brie Larson e Cillian Murphy nel trailer red band