My Salinger Year, la recensione: Margaret Qualley nel mondo letterario dei ‘90

La nostra recensione di My Salinger Year, film con Margaret Qualley e Sigourney Weaver che ha aperto Berlino 2020 e sarà in sala la prossima stagione per Academy Two.

RECENSIONE di 20/02/2020
My Salinger Year 7
Un anno con Salinger: una scena del film con Margaret Qualley

Quel che vi racconteremo in questa recensione di My Salinger Year non è solo bravura e carisma di due attrici appartenenti a generazioni diverse come Margaret Qualley e Sigourney Weaver, ma anche il tocco delicato e intelligente con cui Philippe Falardeau, candidato all'Oscar per Monsier Lazhar, riesce a tratteggiare il mondo dell'editoria in cui si muovono, adattando con umorismo e delicatezza il romanzo "Un anno con Salinger" di Joanna Rakoff. Un film delicato che ha aperto l'edizione 2020 del Festival di Berlino in attesa di sbarcare nelle sale italiane la prossima stagione grazie ad Academy Two.

Di autori e altri demoni

Un Anno Con Salinger 8
Un anno con Salinger: Margaret Qualley in una scena del film

My Salinger Year ci porta a New York negli anni '90 per seguire Joanna, giovane brillante che sceglie di lasciare l'università per inseguire il sogno proibito di diventare scrittrice. L'essere assunta nell'agenzia letteraria dell'inflessibile Margaret, tra i cui clienti figura un autore di spicco come J.D. Salinger, appare il modo giusto per iniziare un cammino nel mondo dell'editoria. Tra i suoi compiti, passare in rassegna la corposa corrispondenza indirizzata al popolare autore de Il giovane Holden, fornendo le risposte predefinite che le vengono fornite per le più disparate possibilità, ma la ragazza non riesce a mantenere l'impostazione impersonale che le è stata indicata e inizia a personalizzare le risposte con conseguenze imprevedibili.

Joanna e Margaret, l'incontro di due donne

Un Anno Con Salinger 10
Un anno con Salinger: Sigourney Weaver in una scena del film

Con i suoi modi sostenuti, l'eleganza e l'atteggiamento inflessibile, la Margaret di Sigourney Weaver è un personaggio che catalizza l'attenzione sin dalle prime battute, ma non per questo Margaret Qualley, che dà vita a Joanna, la protagonista di My Salinger Year, sfigura al suo fianco. È infatti nel loro incontro e nel rapporto che si viene a creare che lo script costruisce l'evoluzione e crescita del personaggio della Qualley, il suo percorso di consapevolezza e sicurezza nell'ambiente lavorativo, che la giovane attrice riesce a descrivere con dolcezza e brio.

Img 8066
My Salinger Year: Yanic Truesdale al photocall

Ed è proprio attraverso il suo sguardo curioso che il regista ci racconta quel mondo, muovendosi con equilibrio tra delicatezza e umorismo nel tratteggiare non solo l'ambiente editoriale ma uno spaccato della società di quegli anni. Poco spazio hanno i comprimari, decisamente in secondo piano rispetto a due attrici così carismatiche che fanno riferimento a due diverse generazioni. Va comunque citata la presenza di Douglas Booth nel ruolo di Don e soprattutto di Yanic Truesdale, l'indimenticabile Michel di Una mamma per amica.

Semplicità e delicatezza

My Salinger Year 6
Un anno con Salinger: una scena del film con Sigourney Weaver

Quel che colpisce di My Salinger Year e del lavoro di Philippe Falardeau è l'efficacia con cui riesce ad accogliere lo spettatore nella storia di Joanna e del suo anno a contatto con quella realtà, con tocco delicato e una semplicità che non scivola mai nel banale. Le situazioni che mette in scena funzionano, sia che si affidi al tono più umoristico che alla componente più emotiva della storia, con fluidità, attenzione ai dettagli e un'accortezza nella gestione dei tempi narrativi che mantiene con sicurezza il fluire del racconto delle esperienze della ragazza.

Conclusioni

In conclusione di questa recensione di My Salinger Year ribadiamo l’efficacia del racconto orchestrato da Philippe Falardeau, che racconta la storia di Joanna con semplicità ed equilibrio tra toni diversi, oltre che con un’attenzione per i dettagli e la messa in scena delle singole situazioni che accoglie lo spettatore. Buone le prove delle due protagoniste Sigourney Weaver e Margaret Qualley, appartenenti a due generazioni diverse ma affiatate a carismatiche.

Movieplayer.it

3.5/5

Voto medio

3.0/5

Perché ci piace

  • La prova delle due protagoniste Sigourney Weaver e Margaret Qualley, carismatiche e capaci di costruire una buona alchimia.
  • L’equilibrio dei toni nel racconto di Philippe Falardeau nel tratteggiare il contesto della storia.
  • La semplicità che riesce ad accogliere lo spettatore e accompagnarlo nell’evoluzione della storia senza scivolare nel banale.

Cosa non va

  • Il ruolo dei comprimari, poco incisivo rispetto alle figure centrali del racconto.
  • Può deludere chi cerca un maggior approfondimento.