L'incredibile viaggio del fachiro

2018, Drammatico

L'incredibile viaggio del fachiro: giro del mondo con le tasche vuote e il cuore aperto

Una colorata favola sul tema dell'immigrazione e della solidarietà che costeggia il crinale dell'eccesso di melassa senza scivolare dall'altra parte, e riuscendo invece a divertire, a intrattenere e a consegnare un messaggio prezioso.

Quello trattato da L'incredibile viaggio del fachiro è un tema di grande attualità, impossibile girarci intorno; e potrebbe sorprendere, persino infastidire la leggerezza con cui viene affrontato un argomento tanto dolorosamente discusso non da un Aki Kaurismäki ma dal canadese Ken Scott, attore, sceneggiatore e regista di opere fino ad ora non troppo memorabili come Delivery Man e Affare fatto.
Eppure il suo film, tratto dal romanzo bestseller di Romain Puértolas L'extraordinaire voyage du fakir qui était resté coincé dans un armoire Ikea, riesce a farsi apprezzare non solo per l'amabile faccia da schiaffi del protagonista Dhanush, non solo per il fascino dell'ensemble internazionale, per la bellezza e la varietà degli scenari, ma anche per lo sguardo fresco e gioioso del regista, e per la sincerità con cui sa raccontare questa storia improbabile e toccante.

Leggi anche: Aki Kaurismäki e L'altro volto della speranza: In assenza della politica, riscoprire l'umanità

L'incredibile viaggio del fachiro: Erin Moriarty e Dhanush in una scena del film

Romanzo di un giovane povero

L'incredibile viaggio del fachiro: Hearty Singh in una scena del film

Ajatashatru Oghash Rathod è un bambino come tanti a Mumbai - vale a dire che è povero. Ma i suoi primi anni di vita, accanto alla mamma affettuosa, tosta e gran lavoratrice, è stata definita non tanto dalla scarsità di mezzo, quanto da una domanda: "È lui mio padre?". Chi è suo padre per davvero Aja lo scoprirà soltanto una volta diventato adulto, fachiro, artista di strada e ladruncolo di quartiere al momento della morte della madre, e questa scoperta lo indurrà a prendere un aereo per Parigi. La sue prima meta? Non la Tour Eiffel, né il Louvre, ma il più vicino mobilificio Ikea, alla ricerca delle fantasie di gioventù e di un vaso dignitoso per conservare le ceneri di Siringh. E se tra un Klippan e un Malm c'è in agguato anche il colpo di fulmine, l'avventura più inaspettata inizia all'interno di un armadio confortevole... e sarà assolutamente rocambolesca.

L'incredibile viaggio del fachiro: Dhanush in una scena del film

Lo Aja di Dhanush, versatile star del cinema Tamil, è un moderno Pinocchio che attraversa tre continenti a fianco degli ultimi, e finisce per incontrare a Roma la sua fata turchina, che ha le sembianze di Bérénice Bejo, la quale ha per lui un dono magico che Aja è in grado di ricambiare, iniziando appena a scoprire il significato delle decine di migliaia di monete sul fondo di Fontana di Trevi: i nostri sogni fanno parte di una costellazione, nessuna luce risplende da sola, e nessuna speranza può esistere senza le altre. E così, tra valige stracolme di contanti e viaggi in mongolfiera, Aja troverà la strada per la vera ricchezza.

Leggi anche: Contro il razzismo e l'intolleranza: i film che ci hanno aperto il cuore e la mente

L'incredibile viaggio del fachiro: Barkhad Abdi e Dhanush in una scena del film

Il paradiso sono gli altri

L'incredibile viaggio del fachiro: Bérénice Bejo e Dhanush in una scena del film

Se il lavoro di adattamento dal romanzo di Puertolas - che ha collaborato alla stesura dello script con lo sceneggiatore principale Luc Bossi e con lo stesso Ken Scott - è dignitoso, non si può non notare come il film abbia dialoghi nel complesso deboli, e come non sia sufficiente, almeno non del tutto, la cornice fiabesca a giustificare certe svolte grottesche e improbabili. Eppure il film si mantiene su un registro singolare, sul crinale dell'eccesso svenevole ma senza saltare mai dall'altra parte, grazie a una schiettezza di fondo a cui è difficile resistere, una volta riusciti a digerire qualche banalità da cartolina. Così come è difficile resistere al fascino di Dhanush, la cui personalità scoppiettante fa il paio con il buon ritmo del film.

L'incredibile viaggio del fachiro: Erin Moriarty in una scena del film

In più, L'incredibile viaggio del fachiro non si limita a impartire una lezioncina sull'importanza dell'apertura mentale e dell'empatia, ma sottolinea l'utilità, anzi l'esigenza di un approccio umile e onesto alla conoscenza del mondo e al confronto con gli altri in cui forse si trova la chiave per gestire i conflitti globali e laceranti che abbiamo appena iniziato ad affrontare.

L'incredibile viaggio del fachiro: giro del mondo...
Alessia Starace
Redattore
3.0 3.0
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Aki Kaurismäki e L'altro volto della speranza: in assenza della politica, riscoprire l'umanità
Contromano: l’atipica "crociata razziale" di Antonio Albanese