Infinity Comics and Games, 10 film per sentirsi a Lucca dal proprio divano

Giusto in tempo per il weekend di Lucca Comics & Games, ecco 10 film tratti da giochi e fumetti da trovare e riscoprire su Infinity.

CLASSIFICA di 29/10/2021
Sin City - Una donna per cui uccidere: un primo piano della glaciale Eva Green
Sin City - Una donna per cui uccidere: un primo piano della glaciale Eva Green

L'ultimo weekend di Ottobre rimane il preferito da parte degli appassionati di videogiochi e fumetti. Quest'anno, in particolare, lo è ancora di più. Perché, dopo un anno con la manifestazione virtuale, Lucca Comics & Games 2021 si svolgerà regolarmente come ha sempre fatto. Sono giorni in cui, tra cosplayer ed ospiti d'eccezione, tra annunci e anteprime esclusive, si pensa a celebrare la cultura pop in tutte le sue forme. La febbre per l'evento si misura anche nel numero di biglietti venduti, con le giornate andate velocemente sold-out, lasciando a molti il desiderio di esserci almeno l'anno prossimo. Per fortuna, l'amore e la passione verso il mondo celebrato alla fiera di Lucca travalica i confini della città e della manifestazione. Quale occasione migliore se non quella del weekend più atteso dell'anno per consigliarvi 10 film per sentirsi a Lucca dal proprio divano grazie al catalogo presente su Infinity e alla Collection pensata per l'occasione dal titolo Fumetti e giochi, tra classici contemporanei e visioni da riscoprire.

1. Flash Gordon (1980)

Ornella Muti in Flash Gordon
Ornella Muti in Flash Gordon

Conosciamo tutti il tema musicale a firma dei Queen di questo film del 1980 basato sulla popolare striscia disegnata da Alex Raymond nel 1934. A vederlo oggi Flash Gordon può far sorridere per la sua dimensione camp e l'ingenuità della messa in scena, ma si tratta di un'opera che, con il tempo, è diventata un vero e proprio cult del cinema di fantascienza, da parte degli appassionati. Se Sam Jones nel ruolo del protagonista non ha convinto molti, l'Imperatore Ming interpretato da Max von Sydow dona al film una marcia in più. Per campanilismo vale la pena ricordare la presenza di Ornella Muti nel ruolo della Principessa Aura. Prodotto da Dino De Laurentiis, il film non fece grossi incassi. Ideale per una serata tra amici cultori del genere, Flash Gordon è un lungometraggio da riscoprire, pur attraverso i suoi limiti.

2. Dredd - La legge sono io (1995)

La locandina di Dredd - La legge sono io
La locandina di Dredd - La legge sono io

Se parliamo di film cult non possiamo non citare Dredd - La legge sono io. Era molto complesso portare sullo schermo un fumetto anarchico e sopra le righe, iperviolento e grottesco come Judge Dredd. Nato dalla penna di John Wagner e Carlos Ezquerra, da un'idea di Pat Mills, creatore anche di Slaine, e comparso per la prima volta sulle pagine della rivista inglese 2000AD, il Giudice qui interpretato da Sylvester Stallone è un personaggio che vive all'interno di una città distopica, dall'impianto post-apocalittico, dove gran parte della Terra si è trasformata in un deserto. Consapevole che la normale legge degli uomini ormai non può più essere valida, Dredd è il Giudice più duro e violento di Megacity, la città dove opera. Il film snatura un po' il personaggio originale adattandosi all'eroe stalloniano, ma viene ricordato per il variegato cast che comprende anche Rob Schneider e Diane Lane.

3. Matrix (1999)

Matrix   Da 20 Anni Nella Tana Del Bianconiglio Apsjvtx
Trinity e Neo in una scena iconica del film

Diciamocelo chiaramente: un film come Matrix non stanca mai. Soprattutto se è in arrivo un quarto episodio con l'inizio dell'anno nuovo, è bene ripassare uno dei più grandi capolavori recenti. Un film che separa i due millenni così come costituisce una cesura netta nel cinema action e di fantascienza. Inventore del bullet time, Matrix, pur non appartenendo a nessun videogioco o nessun fumetto, è riuscito a inserirsi nella memoria collettiva, attraverso un'estetica cyberpunk dando vita a un universo condiviso attraverso diversi media. Al primo intramontabile capitolo sono seguiti dei cortometraggi in animazione (raccolti dentro il lungometraggio Animatrix), due (tra poco tre) sequel live-action, una serie a fumetti e due videogiochi canonici che proseguono e approfondiscono alcune vicende della saga. Uno dei film più conosciuti e celebrati. L'intera trilogia è disponibile nel catalogo di Infinity, situazione ideale per una maratona lungo un weekend.

Matrix: da 20 anni nella Tana del Bianconiglio

4. 300 (2007)

L'attore scozzese Gerard Butler in una scena del film 300
L'attore scozzese Gerard Butler in una scena del film 300

Le pagine del fumetto di Frank Miller e Lynn Varley prendono vita nell'adattamento diretto da Zack Snyder. Un esperimento ricolmo di digitale che ha definito l'estetica del regista americano e ha esaltato platee di spettatori all'urlo di "Questa è Sparta!". 300, considerato da molti come il capolavoro di Snyder, è un racconto epico sulla battaglia delle Termopili che vede trecento spartani, ricolmi di onore e orgoglio, difendersi dall'avanzata delle truppe dei persiani di Serse, l'uomo fatto dio. Con immagini potentissime ed evocative e un finale travolgente, 300 è il perfetto racconto da gustarsi in piedi sul divano, ancora una volta, affinché l'impresa di Leonida non venga dimenticata.

5. Adele e l'enigma del faraone (2010)

Primo piano per  Louise Bourgoin da Adele e l'enigma del faraone
Primo piano per Louise Bourgoin da Adele e l'enigma del faraone

Non solo classici del fumetto americano e non solo protagonisti che assomigliano, pur non essendoli, a supereroi. Adele e l'enigma del faraone è una deliziosa pellicola diretta da Luc Besson, tratta dal fumetto francese Le straordinarie avventure di Adèle Blanc-Sec (in particolare il film adatta il primo e il quarto volume), scritto da Jacques Tardi. Interpretata da una magnetica Louise Bourgoin, l'eroina in questione è un'intrepida giornalista che viaggerà in Egitto alla ricerca di una mummia che pare avere poteri curativi. Non mancherà l'avventura più appassionante in questo film dal ritmo elevatissimo che riesce a catapultare lo spettatore in un tripudio di eventi, azione e divertimento.

6. Pacific Rim (2013)

Pacific Rim: uno dei giganteschi robot pilotati dagli umani in una scena del film
Pacific Rim: uno dei giganteschi robot pilotati dagli umani in una scena del film

Anche in questo caso non si tratta di un adattamento particolare di un videogioco o un fumetto, anche se le opere che hanno ispirato uno dei film più visivamente incredibili di Guillermo del Toro si riconoscono in fretta. In Pacific Rim ci si ritrova nel mondo degli anime di Go Nagai attraverso questo scontro tra robot pilotati da umani e potenti e giganteschi kaiju che provengono dal sottosuolo. Una vera e propria esperienza visiva che vi farà sentire lo schermo televisivo davvero inadatto a contenere queste forze mastodontiche che combattono sotto il diluvio, illuminati dai neon di Hong Kong (e che meraviglia la fotografia di Guillermo Navarro!). Meno banale di quanto ci si potrebbe aspettare (tutta la tematica del doppio pilota non è scontata e apre a interessanti riflessioni), Pacific Rim offre soprattutto un grande spettacolo, nonché del sano divertimento.

7. Ready Player One (2017)

Ready Player One: Tye Sheridan in una foto del film
Ready Player One: Tye Sheridan in una foto del film

Benvenuti su Oasis! Solo Steven Spielberg poteva riuscire nell'obiettivo di portare sul grande schermo una storia come quella di Ready Player One, romanzo di culto scritto da Ernest Cline. E infatti, a vederlo bene, questo film young adult, spettacolare e divertente, sembra quasi un miracolo. Lo spettatore troverà non solo un regista settantenne che si diverte come un bambino, ma un parco giochi visivamente appagante che racchiude tutte le migliori icone della cultura pop. Quasi allo stesso tempo l'alfa e l'omega del mondo dell'intrattenimento, Ready Player One non offre solo la maniera migliore di divertirsi di fronte a uno schermo televisivo, ma si permette di narrare un'avventura che coinvolge sia la realtà tangibile che quella virtuale, avvertendoci dell'abuso della seconda, ma senza risultare conservatore. Da annali la sequenza in cui i protagonisti si ritrovano all'interno di Shining, il film di Stanley Kubrick.

Ready Player One e Matrix sono (quasi) lo stesso film

8. Bumblebee (2018)

Bumblebee 10
Bumblebee: Bumblebee e Hailee Steinfeld in una scena d'azione

Spin-off della saga di Transformers, i celebri giocattoli, Bumblebee è stato un film che non è riuscito a entrare nella memoria collettiva, anche se ha il merito di essere uno di quei film di chiara ispirazione Amblin che spesso cerchiamo. Se la saga diretta da Michael Bay si concentra sull'azione, sul tripudio di metallo e alto spettacolo, nel raccontare la storia del protagonista, qui con le sembianze del noto maggiolino Wolkswagen, il regista Travis Knight opta per un film pieno di cuore e sentimenti. Percettibile una chiara venatura nostalgica che contamina tutta la pellicola (adorata dalla critica), Bumblebee è il vero film da riscoprire, adatto per tutta la famiglia.

9. Aquaman (2019)

Aquaman 4
Aquaman: una spettacolare immagine di Jason Momoa

Quanto può cambiare le sorti di un personaggio la scelta di casting? Nel caso di Aquaman non possiamo ormai scindere l'iconografia del personaggio (che nei fumetti è totalmente diverso) con l'impronta estetica data da Jason Momoa. In questo film diretto da James Wan, che si toglie gli abiti del regista di film horror per dare vita a un film esplosivo e ricco di intuizioni visive, non mancano l'azione e il divertimento. Soprattutto, il secondo. Lontano dai film più cupi e seri del DC Extended Universe inaugurato da L'uomo d'acciaio di Zack Snyder, Aquaman è un film quasi cartoonesco che non si prende quasi mai sul serio e si fa forza sul carisma dell'attore protagonista. Straordinario successo al botteghino, capace di incassare un miliardo di dollari (niente male per un supereroe che veniva preso in giro perché "parla coi pesci"), ha dato vita a un sequel di prossima uscita.

10. Pokémon: Detective Pikachu (2019)

Detective Pikachu 24
Detective Pikachu: un'immagine del film

Chi poteva immaginarsi che un film in live action dedicato a uno dei videogiochi più amati e a uno dei personaggi più celebri di sempre potesse funzionare così bene? Pokémon: Detective Pikachu è riuscito nell'incredibile impresa di dare vita ai mostriciattoli giapponesi di casa Nintendo inserendoli in un contesto che strizza l'occhio al noir, pur non scordandosi il proprio target di riferimento. Il film riesce a intrattenere a dovere, strizzando l'occhio ai fan dei Pokémon grazie alla presenza di numerosi easter egg e riuscendo a risultare assolutamente godibile anche a chi si approccia per la prima volta al mondo di Ryme City. Dulcis in fundo, nella versione originale del film, il nostro Pikachu è stato doppiato da Ryan Reynolds che è riuscito a donargli una simpatia non scontata.

Detective Pikachu: 5 Pokémon che meriterebbero un film tutto loro