Stefano Accorsi e Miriam Leone: concluse le riprese del loro nuovo film Marilyn ha gli occhi neri

Le riprese del film Marylin ha gli occhi neri, con protagonisti Stefano Accorsi e Miriam Leone, si sono ufficialmente concluse.

NOTIZIA di 21/12/2020

Stefano Accorsi e Miriam Leone sono i protagonisti del nuovo film Marylin ha gli occhi neri, diretto da Simone Godano (Moglie e Marito, Croce e Delizia), progetto di cui oggi si sono concluse le riprese.
Il lavoro sul set si è concluso nella città di Roma al termine di sette settimane di ciak.

Mhgon B3A6440Ok2 Riccardo Ghilardi
Marylin ha gli occhi neri: Stefano Accorsi e Miriam Leone in una foto del film

Il film Marylin ha gli occhi neri racconterà la storia di Clara (Miriam Leone), talmente brava a mentire che è la prima a credere alle sue bugie. Vitale e caotica, ha qualche problema a tenere a freno le sue pulsioni. Diego (Stefano Accorsi) è il suo esatto contrario, un uomo provato dagli eventi, con varie psicosi e continui attacchi d'ira.
Si ritrovano in un Centro Diurno per il rehab di persone disturbate. La prova che li attende sembra impossibile: devono gestire un ristorante del Centro evitando qualsiasi conflitto con il resto del gruppo. Peccato che non abbiano alcun tipo di attitudine per le imprese di successo. Ma i due inizieranno presto a scoprire che l'unione può portare a risultati incredibili. E chissà, magari anche all'amore.

Nel cast anche Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari e Marco Messeri.
La fotografia del film è di Matteo Carlesimo, la scenografia di Tonino Zera e i costumi di Sonu Mishra.

Il film è stato scritto da Giulia Steigerwalt, prodotto da Matteo Rovere, una produzione Groenlandia con Rai Cinema.
Rovere ha dichiarato: "L' elemento di originalità di questa storia è quello di affrontare l'istanza della diversità in maniera divertente ma profonda. Con Groenlandia vogliamo continuare a raccontare storie che escono dalle categorie e dagli schemi perché la vera grandezza sta nel sentirsi liberi di essere ciò che si è anche quando non è né facile né possibile per la società".