Sky Italia, Wildside e Niccolò Ammaniti per "The Miracle", serie tv sulle lacrime della Madonna

Cosa accadrebbe se il fenomeno si verificasse per davvero? Sarebbe un vero miracolo? Cosa direbbero la Chiesa e i politici? Ce lo raccontano Ammaniti, Francesco Munzi e Lucio Pellegrini.

Sky Italia espande la sua produzione di serie originali rivolte al mercato internazionale annunciando la produzione di The Miracle, serie incentrata su una statua della Madonna che improvvisamente inizia a piangere lacrime di sangue. A firmare lo show lo scrittore Niccolò Ammaniti, che fungerà anche da showrunner.

"The Miracle sarà una serie italiana, ma guarderà al modello produttivo americano, con uno sceneggiatore che si occuperà di coordinare i vari registi" ha dichiarato il capo di Andrea Scrosati.

Co-prodotta da Sky e FremantleMedia, di proprietà di Wildside, The Miracle sarà diretta da Francesco Munzi, Lucio Pellegrini e dallo stesso Ammaniti, che farà il debutto come regista.

The Miracle trae spunto dai vari casi di statue della Madonna che sono state viste piangere lacrime di sangue. "Se ti rechi in quei posti tutti ti diranno che è la verità, ma nel loro cuore sanno che non è vero. Ma cosa accadrebbe se invece la statua si mettesse a piangere sul serio?" ha spiegato Scrosati. "Come reagirebbero i politici? Cosa direbbe la Chiesa? Ci sarebbe un coinvolgimento di denaro, interessi. E i personaggi coinvolti in questi eventi, le loro vite sarebbero influenzate in vari modi".

Le riprese di The Miracle prenderanno il via in Italia nelle prossime settimane, in gran parte a Roma. I dettagli sul casting al momento sono top secret.

Leggi anche: The Young Pope un'eccezione? Che futuro per la serialità italiana?

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Sky Italia, Wildside e Niccolò Ammaniti per "The...

Mostra i vecchi commenti

Gomorra tra colpi di scena (e di pistola): le sequenze più belle della serie
The Young Pope un'eccezione? Che futuro per la serialità italiana?