Sergio Assisi, la vita privata dell'attore di Capri e A Napoli non piove mai

Sergio Assisi, celebre per la fiction Capri e il film A Napoli non piove mai, dopo una lunga relazione con Gabriella Pession è diventato uno vero e proprio 'scapolo d'oro'.

NOTIZIA di 10/05/2021

Sergio Assisi è nato a Napoli il 13 Maggio del 1972, si è diplomato all'Accademia d'Arte Drammatica del Teatro Bellini ed ha esordito sul grande schermo nel 1998, a 26 anni, con un film importante, Ferdinando e Carolina, di Lina Werthmuller. In seguito è divenuto famoso grazie alla fiction Capri e alla pellicola A Napoli non piove mai che ha scritto, diretto e interpretato.

Sergio Assisi e Bianca Guaccero in Assunta Spina
Sergio Assisi e Bianca Guaccero in Assunta Spina

La vita privata di Assisi richiama il profilo del classico "scapolo d'oro": non si è mai sposato, non ha mai avuto figli ed è sempre stato estremamente riservato sulle questioni che riguardano la sua sfera personale, decidendo di vivere lontano dai riflettori. Sul set di Capri l'attore ha conosciuto Gabriella Pession con cui ha avuto una relazione per ben sei anni.

In un'intervista di Vanity Fair, la Pession ha raccontato di aver deciso di porre fine alla loro relazione: "Era il mio compagno, la mia famiglia, il mio amico. Era troppo, forse ci eravamo isolati e litigavamo tanto." Nel 2016 l'attrice si è sposata con Richard Flood e, in quell'occasione, Sergio non ha mostrato alcuna amarezza nei suoi confronti: "Provo grande contentezza per Gabriella: l'affetto continua, so che lei è felice e di conseguenza lo sono anche io. Una famiglia era quello che desiderava. A me non rode e spero anche che gli altri sappiano gioire per me e i miei successi."

A Napoli non piove mai: Sergio Assisi e Valentina Corti in una scena del film
A Napoli non piove mai: Sergio Assisi e Valentina Corti in una scena del film

Ufficialmente single, ospite del salotto di "Vieni da me" lo scorso anno Sergio Assisi ha dichiarato: "Io non mi sono sposato, non ho avuto figli, faccio solo guai, faccio soffrire le persone e soffro anche io. Che devo dire? Sono un don Giovanni? Forse una volta. Io sono innamorato dell'amore e delle belle donne. Mai e poi mai, ora, potrei stare accanto a qualcuno che anche minimamente ostacoli la mia libertà, di pensiero, di espressione, di movimento, di parola. La libertà è il bene più prezioso, forse più prezioso anche dell'amore."