Russell Crowe, è morto suo padre: "Era il più gentile tra gli uomini"

Il padre di Russell Crowe, John Alexander Crowe è morto il 30 marzo 2021 all'età di 85 anni: a dare la notizia è stato suo figlio attraverso il suo profilo Twitter

NOTIZIA di 30/03/2021

Il padre di Russell Crowe è morto a 85 anni il 30 marzo 2021. A dare la notizia della sua scomparsa è stato l'attore, che ha condiviso il suo ricordo del padre attraverso Twitter.

Per annunciare la morte di suo padre, Russell Crowe ha condiviso tre post su Twitter. Il primo è molto tradizionale e reca la data di nascita e di morte di John Alexander Crowe, oltre al nome del luogo in cui è deceduto. Nel secondo e nel terzo tweet, il protagonista de Il Gladiatore ha scritto: "Condivido la notizia in questo modo perché, probabilmente, scrivere sui social è il metodo più veloce per fare circolare un'informazione oggi giorno. Moltissime persone lo conoscevano e ne sentiranno la mancanza. Oggi il sole brilla nel cielo e non piove più. Nonostante ciò, nei miei ricordi, il 30 marzo sarà sempre un giorno triste. Il mio caro vecchio papà, il mio meraviglioso papà, il più gentile tra gli uomini, è deceduto oggi".

John Alexander Crowe è nato nel 1936 in Nuova Zelanda ed è deceduto a Coffs Harbour. L'uomo ha lasciato la moglie Jocelyn e i figli Terry e Russell. La famiglia Crowe si è trasferita dalla Nuova Zelanda a Sidney quando Russell aveva 4 anni. All'epoca, i suoi genitori si occupavano dei servizi di catering sui set cinematografici. John, inoltre, lavorava anche come manager di hotel. La passione per il cinema ha sempre caratterizzato il DNA della famiglia Crowe e l'attore ha ottenuto il suo primo ruolo all'età di 6 anni. In modo particolare, il clan familiare è sempre stato affezionato a Dallas. A proposito di suo padre, Russell Crowe ha dichiarato di non averlo mai visto perdere la pazienza fino a quando aveva 16 anni. Secondo l'attore, il genitore ha sempre esercitato la sua leadership in modo lieve e gentile.

Per stare più vicino ai suoi genitori, Russell Crowe ha trascorso il primo lockdown nella tenuta familiare in Nuova Zelanda. Proprio lo scorso aprile, l'attore aveva condiviso sul suo profilo Instagram una foto che ritraeva suo padre John Alexander e aveva scritto: "Isolato con il vecchio di 84 anni che indossa un cappello che gli ho dato durante le riprese di A Beautiful Mind".

Come riportato dal Daily Mail, Russell Crowe ha commentato il periodo di isolamento insieme ai genitori in occasione di una puntata di The Tonight Show Starring Jimmy Fallon e ha rivelato di aver invitato anche i suoi figli che, però, hanno preferito rimanere a Sidney. L'attore ha dichiarato: "Ho invitato anche i miei figli ma hanno rifiutato. Peccato, hanno preferito la città a una zona in aperta campagna. I miei figli sostengono che sia stato meglio trascorrere la quarantena in una zona isolata. In realtà, il più piccolo ha detto la verità. L'elemento che li ha convinti a rimanere a Sidney è stato Uber Eats". In occasione di una chiacchierata con Sunrise, invece, Crowe ha raccontato: "Beh, i miei figli hanno preferito Uber Eats al mio affetto. Ci sono abituato!".