Robin Wright debutta alla regia di un film con "Land"

Robin Wright debutterà alla regia di un lungometraggio in occasione di Land, di cui sarà anche protagonista.

NOTIZIA di 30/04/2019

Robin Wright debutterà alla regia di un lungometraggio in occasione di Land, film di cui sarà anche protagonista.
Il progetto è stato scritto da Liz Hannah, già nominata ai Golden Globes per il lavoro compiuto con The Post.

In Land l'attrice Robin Wright avrà il ruolo di una donna consumata dal dolore, di professione avvocato, che decide di allontanarsi totalmente dalla vita che ha vissuto fino a quel momento e "scompare". Edee decide infatti di seguire i consigli pubblicati online dagli esperti in sopravvivenza e si trasferisce nell'area meno popolata degli Stati Uniti, vivendo in un casolare situato nella Shoshone National Forest in Wyoming. La donna deve imparare, completamente da sola, a cacciare, pescare e coltivare mentre affronta inverni brutali, un paesaggio pieno di sfide e una fauna locale che potrebbe ucciderla in ogni momento. Edee incontra poi Joseph, un nativo americano, e inizia a confrontarsi con i suoi demoni e sorprendersi con il proprio desiderio di sopravvivere.

Le riprese si svolgeranno nel corso di un anno nell'area della British Columbia e il film è stato già acquistato da HanWay Films che si occuperà delle vendite a livello internazionale. Gabrielle Stewart, a capo della società, ha dichiarato: "Robin ha dimostrato di essere in grado di gestire le difficoltà rappresentate dal dividersi dietro e davanti la macchina da presa in occasione della serie House of Cards. Parla in modo molto convincente e pieno di passione del suo desiderio di raccontare la storia del percorso di una donna attraverso la perdita e il dolore, immergendosi in una natura in cui può seguire il proprio cammino all'insegna della pace interiore e della redenzione. Si tratta di un'esperienza cinematografica unica molto ambiziosa e al tempo stesso parla del nostro bisogno primordiale per la semplicità in questo mondo caotico e rumoroso".

House of Cards, stagione 5: la commedia del potere sulle orme di Trump