Facebook

Quentin Tarantino: le migliori 10 serie tv da vedere assolutamente secondo il regista

Quentin Tarantino ha stilato una lista raccogliendo quelle che dal suo punto di vista sono le 10 serie tv più grandi di sempre. Quante ne conoscete?

Quentin Tarantino: le migliori 10 serie tv da vedere assolutamente secondo il regista

Un dei tratti più celebri di Quentin Tarantino è la sua vasta conoscenza del mondo del cinema, nonché la sua memoria enciclopedica. Non tutti sanno, però, che è anche un grande amante delle serie tv, ritrovando questo particolare amore anche in alcuni dei suoi lavori più celebri. Ragionando sull'importanza del piccolo schermo e sul modo in cui ha influito, in particolare, sulla sua stessa generazione, quella degli anni '70, ha deciso di raccogliere una lista che riunisce i 10 show televisivi che raccomanda assolutamente.

Partendo dai prodotti più datati all'interno di questa lista stilata da Quentin Tarantino troviamo prodotti come Gunsmoke (1955 -1975), una delle storie western del piccolo schermo più longeve della storia in America, al cui centro troviamo il personaggio di Marshall Matt Dillon (James Arness), un uomo vicinissimo alla legge il cui obiettivo è quello di fronteggiare le ombre di Dodge City. Sempre sullo stesso filone Quentin Tarantino suggerisce di vedere Bonanza (1959-1973), una serie western che concentra la propria scrittura sulle dinamiche familiari e sulle questioni sociali. Al centro di tutto troviamo la famiglia Cartwright intenta a lottare e a difendere il loro ranch in Nevada negli anni prima della guerra civile.

Restando ancora nel Western il regista suggerisce Lancer (1968-1970), una storia dalle caratteristiche strettamente familiari in cui Murdoch Lancer (Andrew Duggan) e i suoi figli dovranno cercare di restare uniti pur combattendo contro alcune ombre che minacciano il ranch di famiglia.

Nella lista di Quentin Tarantino si trovano anche prodotti più recenti, come ad esempio E alla fine arriva mamma, celebre sit-com (2005- 2014), The Newsroom (2012.2014), un political drama che sviluppa la sua trama nel dietro le quinte di un canale immaginario ce ricorda la CNN, [SERIETV=/serietv/la-regina-degli-scacchi_6721/]La regina degli scacchi/SERIETV, incentrata sulla storia di una campionessa di scacchi interpretata da un'Anya Taylor-Joy perfettamente in parte, offrendo uno spaccato di vita che parte da una storia difficile per svilupparsi in una vera e propria sfida contro il mondo.

Parlando sempre di prodotti recenti, nella lista troviamo anche Billions (2016-), una serie tv costruita intorno al mondo della ricchezza contemporanea, nello specifico parla della rivalità tra Chuck Rhoades, un procuratore distrettuale (Paul Giamatti) e il losco manager Bobby Axelrod (Damian Lewis).

Seguendo il gusto di Quentin Tarantino, questo viaggio nei meandri degli show televisivi che raccomanda comincia a toccare anche altri generi: trovando al suo interno opere come Speed Racer (1967-1968), uno dei primissimi grandi successi dell'animazione giapponese in America. Racconta le avventure di Speed, un pilota, e la sua lotta contro Carl Hater. Poi troviamo Kung Fu (1972-1975), una storia di arti marziali ambientata in occidente al cui centro troviamo Kwai Chang Caine (David Carradine) un monaco viaggiatore, e in fine Dove vai Bronson? (1969-1970), una serie che si basa sul lungo viaggio del protagonista Michael Parks a seguito del suicidio del suo amico Nick.

Quante di queste serie conoscete? Siete in grado di trovare tutte le citazioni di queste serie nei film del regista? Le avete mai notate?