Marvel: a scuola lo bullizzano, ma il suo costume di Tony Stark per Halloween è fantastico e diventa virale

Alla faccia dei bulli: il giovane Evan sembra davvero un piccolo Tony Stark con il suo costume di Halloween a tema Marvel, non trovate?

NOTIZIA di 31/10/2021

I bambini possono essere davvero crudeli a volte, come nel caso del piccolo Evan, che per Halloween ha deciso di vestirsi da uno dei suoi personaggi Marvel preferiti, Tony Stark, ma una volta arrivato a scuola ha ricevuto un'accoglienza decisamente poco calorosa.

Evan, 10 anni, studente di una scuola del Missouri, lo scorso venerdì si è preparato con entusiasmo per la festa di Halloween che lo attendeva al suo arrivo in classe.
"Era davvero entusiasta" ha affermato la madre, Jill Struckman, ai microfoni di People "Credeva di avere un costume bellissimo" spiega, riferendosi al classico look alla Tony Stark che vediamo anche nei film con Robert Downey Jr., con tanto di occhiali da sole e pizzetto.

Dopotutto, quale ragazzino non sarebbe entusiasta di sentirsi un supereroe per un giorno? Peccato che una volta salito sul bus i suoi compagni di scuola abbiano iniziato a prenderlo in giro, dicendogli che "sembrava proprio uno stupido".

"20 minuti dopo ricevo una chiamata da scuola, mi dicono che Evan era nell'ufficio della preside e gli altri bambini lo stavano ricoprendo di cattiverie. Voleva che lo andassi a prendere, era molto turbato" ha continuato a raccontare la madre "Era rimasto così ferito da quei commenti che appena sceso dal bus si era precipitato in bagno per togliersi il trucco dal viso e non è voluto rimanere per la festa per cui era così eccitato quella mattina. Non lo avevo mai visto così sconvolto per qualcosa che gli avevano detto, è il tipo di ragazzo che per la foto dell'annuario si presenterebbe in smoking o in un completo elegante e se infischierebbe dell'opinione altrui"

Ma a volte è difficile sopportare la cattiveria gratuita senza farsi abbattere "Abbiamo pianto entrambi, e poi l'ho portato a mangiare il gelato. Sapeva di avere un aspetto fantastico con quel costume, ma i commenti lo hanno reso insicuro. Gli ho detto 'Stai benissimo, non lasciare che le opinioni altrui ti rovinino la festa. Forse sono solo invidiosi!'".
E mostrando molta più maturità di tanti altri compagni, Evan, rassicurato dalla madre, ha poi deciso di tornare a scuola: "Dopo un po' gli ho chiesto se volesse tornare alla festa, e lui mi ha risposto di sì".

Sistemato trucco e costume, Evan è tornato in classe "Era un po' spaventato, ma poi ha ricevuto i complimenti da altri suoi compagni, e quando è tornato a casa da scuola era di nuovo contento".
"Ha anche imparato un'importante lezione: non sarà mai il tipo di persona che ferirà gli altri con le parole. Le parole sono importanti. Stavo quasi per non scrivere 'bulli' nel post perché non ha ricevuto ferite fisiche, ma è comunque stato ferito. Le parole feriscono, hanno un valore. Se vedete che qualcuno si comporta così, aiutate chi sta venendo preso in giro" ha scritto Jill nel suo post sui social, quando ha raccontato la storia a tutto il mondo, e questa è diventata virale.