Denise Pipitone: la storia della bambina scomparsa fino ad oggi

Denise Pipitone è scomparsa una mattina di settembre del 2004: a quasi 17 anni il caso non è stato ancora risolto nonostante avvistamenti e processi, fino alla pista russa di questi giorni.

NOTIZIA di 07/04/2021

Di Denise Pipitone si sono perse le tracce il primo settembre del 2004: da allora ci sono stati processi contro familiari e avvistamenti ma il caso è ancora irrisolto. Riepiloghiamo la storia della bambina scomparsa, fino agli aggiornamenti più recenti.

La scomparsa di Denise Pipitone

Denise Pipitone 4Mgz6Mz
Una foto di Denise Pipitone

Denise Pipitone è figlia di Toni Pipitone e Piera Maggio. Lui muratore, lei casalinga, all'epoca dei fatti i due coniugi hanno rispettivamente 40 anni e 35 anni ed un altro figlio, Kevin di 11 anni. Denise Pipitone, nata il 26 ottobre del 2000, ha solo quattro anni quando sparisce la mattina dell'1 settembre 2004, alle ore 11.40, a Mazara del Vallo. La piccola, pochi minuti prima della sparizione, era a giocare con i cugini nel giardino della casa della nonna materna, e da quel momento nessuno la vedrà più.

Le indagini subito dopo la scomparsa di Denise

Piera Maggio
Piera Maggio, madre di Denise Pipitone

A pochi minuti dall'ultimo avvistamento di Denise i genitori segnalano la scomparsa della piccola e la macchina delle ricerche si mette in moto. Gli inquirenti e i volontari cercano la piccola per tutta Mazara del Vallo, la polizia non tralascia nessuna ipotesi: dai nomadi ai pedofili, dalla messe nere al traffico di organi umani, ogni pista seguita dagli inquirenti si interrompe e la scomparsa di Denise resta avvolta nel mistero.

Le rivelazioni sulla paternità di Denise Pipitone e le indagini sui familiari

Piera Maggio Piero Pulizzi
Piera Maggio con Piero Pulizzi

Piera Maggio confessa agli inquirenti che Denise è nata da una relazione extraconiugale: la piccola non è figlia di Toni Pipitone ma di Piero Pulizzi. Gli inquirenti indagano sulla famiglia del padre biologico di Denise, e la prima a finire nel mirino degli investigatori è Anna Corona, ex moglie di Piero Pulizzi, ma la donna ha un alibi inattaccabile: alle 11:40 dell'1 settembre si trovava al lavoro. I riflettori si spostano su Jessica Pulizzi, figlia minorenne di Piero e sorellastra di Denise. La ragazza è indagata per sequestro e nelle indagini viene coinvolto anche il suo fidanzato, che viene accusato di falsa testimonianza. Un'intercettazione ambientale aggrava la posizione della ragazza: mentre si trova nella stazione della polizia, viene intercettata mentre dichiara: "Tu di queste cose non devi parlare" rispondendo alla madre che le chiede "L'hai uccisa tu a Denise?".

Il processo a Jessica Pulizzi

Jessica Pulizzi
una foto di Jessica Pulizzi

Gli inquirenti sono convinti che Jessica Pulizzi abbia rapito Denise Pipitone con l'aiuto del fidanzato Gaspare. Il movente sarebbe una questione di "vendetta e gelosia, perché Denise e Jessica Pulizzi sono figlie dello stesso padre, Piero Pulizzi". Quest'ultimo si costituisce al processo come parte civile, scegliendo di stare al fianco di Piera Maggio. Nel processo di primo grado la Procura di Marsala sostiene che Jessica quella mattina portò Denise a casa del padre per chiedergli se la piccola fosse realmente sua figlia, e non trovandolo decise di consegnare Denise a persone non identificate. Jessica viene assolta per insufficienza di prove in tutti e tre i gradi di processo: il 19 aprile 2017 la Cassazione conferma in via definitiva l'assoluzione di Jessica Pulizzi.

Le segnalazioni su Denise Pipitone, da Danas a Olesya Rostova

Olesya Rostova
Una foto di Olesya Rostova

Il 18 ottobre 2004 una guardia giurata vede una bambina con alcuni rom vicino ad una banca, l'uomo la trattiene solo per pochi minuti e nel frattempo la filma. La bimba che viene chiamata Danas dal gruppo che la accompagna, sparisce e nelle immagini filmate e trasmesse in televisione si nota una somiglianza con Denise.

L'11 settembre 2008, a 14 anni dalla sparizione di Denise Pipitone, a Kos, un'isola della Grecia, viene fermata una bambina che parla italiano ed è in compagnia di un rom albanese. Il Dna non corrisponde a quello di Denise.

Lo scorso 31 marzo la trasmissione Chi l'ha visto? riporta la segnalazione di una telespettatrice che riferisce che a Mosca c'è una giovane donna, Olesya Rostova, che ha la stessa età di Denise e che somiglia moltissimo a Piera Maggio, la mamma della piccola scomparsa 17 anni fa. La ragazza venne trovata in un campo nel 2005 e, non sapendo chi sia la sua vera madre, è andata in una trasmissione tv russa per mostrare il suo volto e lanciare a sua volta un appello alla vera famiglia.