Alba Parietti: "Tinto Brass? Gli dissi di no, troppo hard"

Alba Parietti ha raccontato di aver rifiutato un film di Tinto Brass e alcuni retroscena sul film Il Macellaio, che la vedeva protagonista.

NOTIZIA di 04/06/2019

Alba Parietti ha rifiutato un film di Tinto Brass che le aveva proposto di recitare in una pellicola al limite dell'hard come Così fan tutte. Lo ha raccontato a Belve, la trasmissione di Francesca Fagnani, spiegando anche le ragioni del suo rifiuto.

Alba Parietti nei giorni scorsi è stata ospite di Belve, il programma in onda sul canale Nove dove la conduttrice Francesca Fagnani intervista le donne che hanno guadagnato un loro posto nella società. La poliedrica Alba ha svelato alcuni aspetti inediti della sua vita professionale tra i quali i motivi del suo rifiuto ad accettare il ruolo di protagonista in Così fan tutte diretto dal maestro del cinema erotico Tinto Brass. L'attrice, presentatrice e showgirl ha detto "avevo un figlio piccolo, Così fan tutte andava oltre", e così il ruolo andò a Claudia Koll.

Alba Parietti e Miki Manojlovic in una scena calda de Il macellaio
Alba Parietti e Miki Manojlovic in una scena calda de Il macellaio

Nel 1998 Alba Parietti fu la protagonista de Il Macellaio diretto da Aurelio Grimaldi. Ironizzando sul film "passato in tv, più de La passione di Cristo", la Parietti ha detto "la mia famosa patata al forno non si vede mai, proprio per contratto, addirittura faticammo a farci dare il divieto ai 18", aggiungendo che la troupe preferiva vedere le partite alla scena di sesso che stavano girando.

15 film con le scene hot più belle del 2018

Con gli anni Alba Parietti si è sempre più affermata come personaggio televisivo, uno dei suoi grandi rimpianti è legato proprio al mondo del piccolo schermo e al suo rifiuto a lavorare per Berlusconi per nove miliardi, la Parietti ha raccontato anche dello scontro in televisione con Selvaggia Lucarelli durante la trasmissione Ballando con le stelle del 2017 finito in tribunale con querele e denunce reciproche sia in sede civile che penale.