The Trip to Italy

2014, Commedia

Trailer della settimana: Annie e This is Where I Leave You

Famiglie disfunzionali, problemi adolescenziali e voglia di conquistare l'affetto di un "padre" putativo. Tutto unito da The Trip to Italy, un viaggio dal carattere comico e gastronomico attraverso le molte tentazioni del nostro paese

Siete pronti ad affrontare un viaggio culinario in Italia, magari con le melodie di un famoso musical di Broadway come sottofondo e con la compagnia di una famiglia complicata ma indimenticabile che discute sui legami affettivi e, perché no, anche del ritorno dietro la macchina da presa di Gabriele Salvatores? Bene, se la risposta è affermativa, potete mettervi comodi e guardare i trailer di questa settimana in cui vengono riassunte armoniosamente tutte queste suggestioni. Stiamo parlando di The Trip to Italy, diretto da Michael Winterbottom e della commedia familiare, sempre a metà strada tra ironia e commozione, This Is Where I Leave You, trasposizione cinematografica del romanzo omonimo di Jonathan Tropper. Per completare il quadro, poi, aggiungiamo anche Annie, rifacimento per il grande schermo del famoso musical, e il teaser de Il ragazzo invisibile, con cui Salvatores torna ad un racconto intimo e italiano.

The Trip to Italy

Squadra che vince non si cambia. Questo deve aver pensato Michael Winterbottom dopo aver visto interagire Steve Coogan, conosciuto dal pubblico italiano soprattutto per la sua interpretazione nel poetico Philomena, e Rob Brydon in The Trip, una sitcom dal carattere gastronomico in cui i due portano a termine un tour attraverso i ristoranti dell'Inghilterra del Nord e le loro differenze caratteriali. Oggi, dopo aver trasformato il progetto in un film presentato nel 2010 al Festival di Toronto, la strana coppia torna a fare i bagagli e si rimette in viaggio con The Trip to Italy. Come si può ben capire dal titolo, questa volta ad essere prese in considerazioni sono le bellezze paesaggistiche, culinarie, e non solo, del nostro paese. Un luogo che, come il trailer mostra chiaramente risaltando l'aspetto ironico della relazione tra i due compagni di viaggio, mette a dura prova con le sue svariate tentazioni. Così, dalla Liguria a Capri, i due seguono le tracce dei grandi poeti romantici mentre Brydon ottiene un ruolo in un film di Michael Mann. Anzi, reinterpretando loro stessi ancora una volta, riportano in vita il sense of humor tipicamente british di A Cock and Bull Story, sempre diretto da Winterbottm.

This is Where I Leave You

Come affrontare la perdita improvvisa di un padre e un marito? Per la famiglia Foxman, formata da quattro fratelli combattivi e da una madre che, sul viale della maturità, ha deciso di ringiovanire le sue forme, la risposta è nel trascorrere una settimana nella casa di famiglia pregando Shiva. In realtà, nonostante l'apparente eccentricità della situazione, Jason Bateman, Tina Fey, Corey Stoll e una frizzante Jane Fonda daranno vita ad un carosello di sentimenti ed emotività in cui l'unione di una famiglia disfunzionale giocherà un ruolo importantissimo nell'accettazione di se e dei propri limiti. Tutto questo, come si può chiaramente notare dal trailer e dallo sguardo comicamente perso di Bateman, protagonista e voce narrante, è raccontato con il tocco leggero di Shawn Levy (Una notte al museo) che prende in prestito le pagine di Jonathan Tropper per spiegare un concetto molto semplice. Non c'è nulla come il tornare a casa per fare i conti con i propri fallimenti e riderci su. Nonostante tutto.

Annie

Dai fumetti a Broadway per poi arrivare sul grande schermo. La lunga strada percorsa da Annie, personaggio della striscia Piccola Orfana Annie, apparso per la prima volta sul Daily News nel 1924, sembra non avere mai fine. Così, dopo esser stata trasformata in un musical di successo e aver ricevuto il battesimo del grande schermo nel 1982 con il film omonimo diretto da John Huston, l'orfana dai capelli rossi torna a raccontare la sua storia con una produzione moderna dietro la quale c'è lo zampino di Jay-Z e Will Smith. In un primo momento si era vociferato che Willow Smith, figlia dell'ex principe di Bel - Air, avrebbe ottenuto la parte della protagonista ma, successivamente, la scelta è caduta su Quvenzhané Wallis, la combattiva protagonista di Re della terra selvaggia candidata all'Oscar come miglior protagonista a solo nove anni.

Dietro la macchina da presa Will Gluck costruisce intorno a questa vicenda senza tempo una ambientazione attuale mantenendo intatta la struttura principale della storia con tanto di miliardario filantropo, interpretato da Jamie Foxx, e della perfida Miss Agatha Hannigan, direttrice alcolizzata dell'orfanotrofio riportata sullo schermo da Cameron Diaz. Insomma, come si può capire dal trailer, in cui vengono presentati chiaramente personaggi, situazioni e la cornice moderna e indimenticabile di New York, Annie si prepara a diventare il perfetto film di Natale dove i buoni sentimenti creati da Thomas Meehan nel musical originali si mixano con i ritmi e le forme del mondo moderno.

Il ragazzo invisibile

Conoscete il detto "purché se ne parli"? In un certo senso può essere applicato anche al cinema e ai film, soprattutto quando, come nel caso del prossimo film di Gabriele Salvatores, il teaser trailer non concede poi molto, se non nulla, alle immagini ma diventa un motivo per accendere la curiosità dello spettatore su di una storia che sembra collocarsi tra il fantastico e l'intimista. Ma di cosa si tratta esattamente? Dopo Educazione Siberiana, con cui il regista si era dedicato ad una storia dal carattere più internazionale, Il ragazzo invisibile riporta ad un ambiante nostrano mettendo al centro di tutta la vicenda Michele, un ragazzino di tredici anni incompreso dalla madre (Valeria Golino), dal suo psicologo (Fabrizio Bentivoglio) e preso di mira dai bulli della scuola. Insomma, ordinaria amministrazione verrebbe da dire, se non fosse per il fatto che Ludovico Girardello, il giovane protagonista alla sua prima apparizione sul grande schermo, scopre improvvisamente di essere diventato invisibile, una condizione allo stesso tempo metaforica e reale. In questo modo inizia la più incedibile avventura della sua vita che lo farà entrare tra i "supereroi" con evidenti problemi di adattamento.

Trailer della settimana: Annie e This is Where I...
Privacy Policy