Il diario di Bridget Jones

2001, Commedia

Il ritorno di Bridget Jones

In cantiere un nuovo capitolo delle avventure della bionda e sboccata inglesina, ormai alla soglia dei quaranta e in preda al desiderio di maternità.

Grande notizia per le fumatrici cicciotelle, un po' sciatte e sfigate con gli uomini. La Working Title ha messo in cantiere un terzo episodio della saga di Bridget Jones che vedrà protagonista, ancora una volta, la texana Renée Zellweger. La nuova pellicola, ancora priva di titolo, è in fase preliminare di ideazione e, con molta probabilità, non entrerà in produzione fino alla fine del prossimo anno. Il film, che segue Il diario di Bridget Jones (2001) e Che pasticcio, Bridget Jones! (2004), sarà basato su una serie di articoli scritti nel 2005 dall'autrice dei romanzi Helen Fielding e pubblicati sull'Independent dove Bridget Jones, ormai sulla quarantina, prova ad avere un figlio prima che sia troppo tardi. Il film, prodotto da Eric Fellner e Tim Bevan, al momento è ancora privo di sceneggiatore e regista.

La fortunatissima saga di Bridget Jones ha lanciato nell'olimpo delle star l'interprete Renée Zellweger che, dopo tanto superlavoro, ha deciso di prendersi una lunga pausa dal set, pausa che potrebbe terminare l'anno prossimo proprio con il terzo capitolo della saga di Bridget Jones. Mentre la bionda attrice si gode il meritato riposo sono in arrivo nele sale numerosi progetti che la vedono protagonista. Stanno per uscire, infatti, il cupo horror Case 39 (in sala a dicembre) dove l'attrice sarà affiancata dal piccolo prodigio Jodelle Ferland e dall'affascinante Bradley Cooper, il road movie anni '50 My One and Only, la commedia sentimentale New in Town e lo struggente My Own Love Song.

Il ritorno di Bridget Jones
Privacy Policy