Maps to the Stars

2014, Drammatico

3.2
Maps to the Stars (2014)
Genere
Drammatico
Durata
Regista
Uscita ITA

La famiglia Weiss è l'archetipo della dinastia made in Hollywood: Il padre Sanford è un analista e allenatore che ha fatto una fortuna con i suoi manuali di auto-aiuto; la madre Christina segue soprattutto la carriera del figlio Benjie, 13 anni, un attore bambino. Uno dei clienti di Sanford, Avana, è un'attrice che sogna di girare un remake del film che ha reso la madre, Clarice, una star negli anni '60. Clarice è morta, ma le visioni di lei perseguitano Havana di notte. Alla miscela tossica si aggiunge Benjie appena venuto fuori da un programma di riabilitazione in cui è entrato quando aveva 9 anni e sua sorella, Agatha, recentemente rilasciata da un istituto psichiatrico dove è stata curata per piromania.



#MapsToTheStars è un tipico film di Cronenberg, forte e spietato, questa volta ambientato a Hollywood.
Perché ci piace
  • David Cronenberg racconta il lato oscuro di Hollywood con il suo consueto mix di humour nerissimo ed immagini forti, abbandonando per una volta l'amata Toronto per girare veramente a Los Angeles.
  • Il cast intero è ottimo, ma meritano una menzione d'onore le due protagoniste femminili, Mia Wasikowska e Julianne Moore (quest'ultima giustamente premiata a Cannes).
Cosa non va
  • L'elemento satiro per quanto divertente e a tratti anche feroce non va fino in fondo.
  • La storia principale è forse un po' priva di mordente.
  • Gli elementi più perversi dell'intreccio non andranno giù a tutti, come sempre nel cinema di Cronenberg.

Le vostre recensioni