Bella e perduta

2015, Documentario

3.9
Bella e perduta (2015)
Genere
Documentario
Durata
Regista
Uscita ITA

Un racconto elegiaco che si propone di riscoprire il senso più profondo della nostra identità nazionale a partire dalla storia, dalla letteratura e dal patrimonio culturale. Il regista attraversa l'Italia, raccontando luoghi e storie che tratteggiano la geografia peninsulare e la memoria del Paese. Alcune interviste si concentrano poi sul presente d'Italia, le spinte particolaristiche e l'individualismo crescente, sintomo di una diffusa perdita del senso della collettività.



#BellaePerduta documentario poetico, #PietroMarcello racconta l'Italia di oggi attraverso la trasfigurazione fiabesca
Perché ci piace
  • Il talento di Pietro Marcello dà vita a una pellicola simbolica e suggestiva che fonde miti arcaici, suggestioni visive e riflessioni sul presente.
  • Il regista porta all'attenzione del grande pubblico la vicenda di un luogo storico come la Reggia di Carditello.
  • La dimensione arcaico/fiabesca nasconde uno sguardo lucido sui problemi della Campania.
Cosa non va
  • L'impronta artistica e intellettuale rischia di rendere il documentario un prodotto di nicchia.

Le vostre recensioni