La vita dentro lo schermo 2016: svelato il programma

Dal 5 al 15 dicembre a Roma la manifestazione organizzata dal Centro Studi Cinematografici sul rapporto tra vivere, filmare e narrare nella storia del cinema e nella cultura dei media. In programma incontri con Michele Vannucci, Pietro Marcello e con Grazia Paganelli, Giuseppe Gariazzo, Enrico Ghezzi, Roberto Silvestri, Gianluca Arcopinto, Simone Emiliani, Adriano D'Aloia, Elio Girlanda.

Un viaggio cinematografico nel rapporto complesso tra vivere, filmare e narrare: è quello che propone il Centro Studi Cinematografici con il progetto "La vita dentro lo Schermo - Il Cinema tra Tempo e Vivente", curato da Massimo Causo e Elio Girlanda, in programma a Roma dal 5 al 15 dicembre, presso la Scuola di Cinema "Sentieri Selvaggi".

La manifestazione, che si articola in una serie di proiezioni, incontri con autori e studiosi e una tavola rotonda conclusiva, è il secondo step di un progetto biennale (avviato nel 2015 a Bari) col quale il Centro Studi Cinematografici propone una riflessione sul rapporto tra vita e cinema nell'ottica di una narrazione che coinvolga le esperienze esistenziali, i vissuti emotivi e le dinamiche relazionali che da sempre si innescano tra gli Autori, gli Attori e i Personaggi. Nella linea che va dal rapporto Truffaut/Leaud/Doinel all'esperimento proposto da Richard Linklater con Boyhood, passando per le tante esperienze di narrazione e documentazione che si spingono nel tempo dei decenni, il progetto racconta quel cinema che, fin dalle origini e dalla pratica teorica di Dziga Vertov ("La vita colta sul fatto"), ha sempre ricercato, oltre i generi e i linguaggi, l'abbraccio dichiarato, simbiotico, intimo, esistenziale, praticamente organico, con la "vita" dei personaggi e degli attori che li interpretano, con i loro tempi reali, naturali, biologici, di crescita, di sviluppo e trasformazione.

Il programma di "La Vita dentro lo Schermo 2016" sarà aperto dai due incontri su "Vite e Cinema: storie di Registi, Attori e Personaggi" tenuti da due critici: lunedì 5 dicembre, alle ore 20.30, Grazia Paganelli, tra i massimi esperti del cinema herzoghiano, terrà una conversazione su "Werner, Klaus & Bruno: vite e cinema di Herzog", in cui verrà esplorato l'intreccio esistenziale e artistico che ha legato il regista tedesco a due attori per lui fondamentali come Klaus Kinski e Bruno S.. Martedì 6, sempre alle ore 20.30, il critico e programmatore Giuseppe Gariazzo interverrà invece su "Leos & Denis: vite e cinema di Carax", raccontando il profilo artistico della fondamentale relazione tra Leos Carax e il suo attore feticcio Denis Lavant.

La seconda parte della manifestazione prevede poi "Figure in transito: tra Cinema e Vita", in cui due autori racconteranno le dinamiche di relazione con i personaggi e gli interpreti dei loro film. Martedì 13 Michele Vannucci illustrerà il percorso tra vita reale e finzione cinematografica elaborato con Mirko Frezza, il protagonista di Il più grande sogno, presentato nel Concorso Orizzonti alla Mostra del Cinema di Venezia e in uscita in sala in questi giorni. Nel corso della serata verranno proiettati dei materiali tratti da questo film e anche Una storia normale, il cortometraggio del 2015 da cui è poi scaturito Il più grande sogno. Mercoledì 14, invece, sempre alle 20.30, sarà Pietro Marcello introdurrà la proiezione di Bella e perduta raccontando la genesi di un'opera in cui il tempo della vita e quello della narrazione filmica si intrecciano in maniera profonda, a partire dalla figura di Tommaso Cestrone, dalla cui esperienza esistenziale il film ha preso origine.

Il progetto si concluderà infine il 15 dicembre alle 18.00 con la tavola rotonda sul tema "La Vita dentro lo Schermo", alla quale prenderanno parte critici e studiosi chiamati ad approfondire vari aspetti del rapporto simbiotico tra Tempo e Vivente nella storia del Cinema. In particolare interverranno Enrico Ghezzi sul "Tempo dell'Autore" come relazione tra vita e tensione filmica, Roberto Silvestri su "Militanza, testimonianza, resistenza. Transizioni vita/cinema nell'avanguardia che filma", Gianluca Arcopinto su "Sparring partners. Vita da Produttore tra Film e Autore", Simone Emiliani su "Le physique du rôle. Sovrimpressioni tra Star e Personaggio", Adriano D'Aloia su "Montare il tempo. Estetiche della temporalità fra esperienza audiovisiva e vita quotidiana" e Elio Girlanda su "Contro la velocizzazione e l'alienazione del tempo. Hartmut Rosa e la risonanza".

Tutti gli appuntamenti sono in programma presso la Scuola di Cinema "Sentieri Selvaggi" (Via Carlo Botta 19) a ingresso libero.

La vita dentro lo schermo 2016: svelato il...
Bella e perduta: Pietro Marcello racconta la bellezza nella terra dei fuochi
Il più grande sogno in una realtà che porta all’incubo
Privacy Policy