Buon compleanno Tom Hanks: 10 ruoli simbolo per l’eroe della porta accanto

Dai primi successi degli anni Ottanta alle sue collaborazioni con Steven Spielberg, passando per le prove da Oscar in Philadelphia e Forrest Gump, Tom Hanks si è imposto come uno dei volti più amati del cinema americano; e per festeggiare i suoi 60 anni, ripercorriamo dieci tappe fondamentali della sua strepitosa carriera.

Buon compleanno Tom Hanks: 10 ruoli simbolo per...
Tom Hanks
Tom Hanks

60 anni, attore, produttore, regista

"Quando le persone chiedono alle grandi star del football o del cricket cosa gli mancherà di più quando arriverà il tempo di ritirarsi, loro ti diranno che si tratta del momento in cui gli arriva la palla. In quel momento c'è quella meravigliosa ansia, quella sensazione tipo "Ti prego, non farmi rovinare tutto". Se io non avessi la possibilità di fare quello che faccio, questo è ciò che mi mancherebbe più di ogni altra cosa. Quel terrore è ciò che mi fa sentire vivo. È una sensazione meravigliosa, come nient'altro al mondo."

Saving Mr. Banks: Tom Hanks sorride sulla giostra in una scena del film

E nell'arco di una carriera che ormai va avanti da oltre trentacinque anni, e che conta quasi una cinquantina di film e un gran numero di partecipazioni a serie TV e di esperienze da doppiatore, di momenti d'ansia Tom Hanks deve averne provati davvero parecchi. In compenso l'attore californiano, arrivato al successo all'improvviso nel 1980 come co-protagonista della sitcom televisiva Henry e Kip, ha dimostrato di possedere il talento, l'umiltà e l'intelligenza necessari a non "perdere la palla", per continuare con la metafora sportiva.

Da Splash all'Inferno, i sessant'anni di Tom Hanks

Tom Hanks impugna l'Oscar conquistato con Philadelphia

A partire dal 1984, l'anno in cui divenne una superstar del grande schermo grazie alle commedie Splash - Una sirena a Manhattan e Bachelor Party - Addio al celibato, Tom Hanks si è costruito una delle filmografie più invidiabili di Hollywood, in cui dai ruoli brillanti dei suoi trent'anni è passato, negli anni Novanta, alle indimenticabili prove drammatiche per le quali è tutt'oggi uno degli interpreti più stimati e premiati del cinema americano, senza dimenticare i cimenti da regista e soprattutto da doppiatore (da citare almeno lo Sceriffo Woody nella trilogia animata di Toy Story). Reduce dai consensi ricevuti per Il ponte delle spie, il dramma storico diretto da Steven Spielberg e in lizza alla scorsa edizione degli Oscar, e archiviato il flop di A Hologram for the King (passato del tutto inosservato negli USA), dal prossimo settembre Hanks tornerà a far parlare di sé recitando nella parte di un eroico pilota d'aereo in Sully, il nuovo film di Clint Eastwood, tratto da una storia vera.

Inferno: Tom Hanks e Felicity Jones in una foto del film

Da ottobre, invece, Tom Hanks sarà ancora sugli schermi indossando per la terza volta i panni dell'esperto di simbologia Robert Langdon in Inferno, trasposizione dell'omonimo thriller di Dan Brown, sempre per la regia di Ron Howard (ovvero il regista che, nel 1984, lo aveva lanciato con Splash). Oggi, intanto, celebriamo il sessantesimo compleanno di questo eterno "bravo ragazzo" del cinema americano, erede naturale di attori come Cary Grant e Gregory Peck: un 'eroe' gentile, rassicurante, con il volto di un attore che sa incarnare alla perfezione gli everyman di ieri e di oggi. Un aspetto che, in qualche modo, lega fra loro tutti i personaggi più celebri di Tom Hanks, che ripercorriamo ora in questa Top 10 dedicata appunto ai suoi ruoli più belli.

10. La guerra di Charlie Wilson

Julia Roberts e Tom Hanks in una foto del film La guerra di Charlie Wilson (Charlie Wilson's War, 2007)

Nell'ultimo film diretto dal grande Mike Nichols, nel 2007, Tom Hanks si confronta con un protagonista per lui un po' atipico: Charlie Wilson, deputato democratico del Texas nell'epoca di Ronald Reagan, è infatti un uomo che si crogiola nei vizi dell'alta società, tra mondanità sfrenata, donne e cocaina. Wilson, tuttavia, saprà distinguersi per la sua abilità nell'operare dietro le quinte, in collaborazione con la CIA, allo scopo di intervenire sul conflitto in Afghanistan, scacchiera cruciale nell'ambito della Guerra Fredda. In questo dramma politico narrato con cadenze di commedia, Hanks riesce a trasferire sulla figura di Charlie Wilson il carisma e la simpatia che lo contraddistinguono; al suo fianco due comprimari eccellenti come Julia Roberts e Philip Seymour Hoffman.

9. Prova a prendermi

Prova a prendermi: Tom Hanks in una scena del film

È più unico che raro pensare di vedere Tom Hanks in un ruolo da antagonista, e in effetti anche il suo personaggio in Prova a prendermi, film di Steven Spielberg campione d'incassi nel 2002, non è certo un classico villain: al contrario, Carl Hanratty è un agente dell'FBI e uno strenuo difensore della legge, tanto da sacrificare ogni sua energia al fine di catturare finalmente il giovane truffatore Frank Abagnale Jr, impersonato invece da un magnetico Leonardo DiCaprio. In una delle commedie più acute, vivaci e sottilmente amare della produzione di Spielberg, Hanks si offre come l'ideale nemesi del piccolo genio trasformista Abagnale: un uomo assorbito dalla propria professione, ma in grado anche di instaurare un'inattesa empatia con il ragazzo a cui dà la caccia.

Leggi anche: Incredibile ma vero: 10 film basati su eventi reali ai limiti dell'inverosimile

8. Apollo 13

Una scena di Apollo 13

Tom Hanks nella sua comfort zone, ovvero alle prese con quella tipologia di personaggi con cui, dalla metà degli anni Novanta, il pubblico ha iniziato a identificarlo: il marito e/o padre di famiglia affettuoso con il coraggio per compiere grandi imprese e una nobiltà d'animo tale da costituire un perfetto modello di riferimento. È il caso di Jim Lovell, altro ruolo biografico per l'attore: l'astronauta della NASA che, nell'aprile 1970, guidò la missione Apollo 13, con l'obiettivo di compiere un nuovo allunaggio. Lo sfortunato viaggio spaziale venne però funestato da un grave incidente, che per giorni interi avrebbe tenuto il mondo con il fiato sospeso per la sorte dell'equipaggio. Nel film diretto dal sodale Ron Howard, enorme successo di critica e di pubblico del 1995, Hanks dà vita a una prova molto intensa, confermandosi fra gli attori più quotati della sua generazione.

Leggi anche: Apollo 13 e gli altri, dispersi nello spazio alla ricerca di noi stessi

Contenuto pubblicitario
Apollo 13: un primo piano di Tom Hanks

7. Il ponte delle spie

Il ponte delle spie: Tom Hanks in una scena del film

È un altro "eroe discreto", quello interpretato l'anno scorso da Tom Hanks ne Il ponte delle spie di Steven Spielberg: James B. Donovan, avvocato presso un rinomato studio legale di New York e premuroso family man, è solo l'ultimo - in ordine di tempo - nella galleria di personaggi determinati e idealisti nel repertorio dell'attore. Ambientato tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Sessanta, durante una delle fasi più incandescenti della Guerra Fredda, il film di Spielberg racconta l'azione diplomatica intrapresa in gran segreto da Donovan, inviato dalla CIA in una Berlino appena lacerata dalla costruzione del muro, nello strenuo tentativo di salvare tre vite umane usando le armi della ragionevolezza e della solidarietà. Magistrali i duetti fra il Donovan di Tom Hanks e la spia sovietica Rudolf Abel di Mark Rylance (premiato con l'Oscar).

6. Cast Away

Cast Away: Tom Hanks in una scena del film

È un moderno Robinson Crusoe il Chuck Noland interpretato da Tom Hanks in Cast Away, altro film campione d'incassi, diretto da Robert Zemeckis nel 2000: un dirigente di un'agenzia di spedizioni il cui futuro radioso (Chuck è in procinto di sposare la fidanzata Kelly) si infrange all'improvviso durante un viaggio di lavoro in Malesia, quando un incidente aereo lo conduce su un'isola deserta nel bel mezzo dell'oceano. La lunga e logorante lotta per la sopravvivenza dell'uomo, completamente solo in un ambiente sconosciuto che dovrà diventare la sua casa, costituisce una delle performance più impegnative ed estreme di Tom Hanks, mattatore assoluto della pellicola. Una prova che gli è valsa il Golden Globe come miglior attore, il quarto della sua carriera, e la sua quinta (e finora ultima) nomination all'Oscar.

Leggi anche: Dalla cima dell'Everest alle terre selvagge: 10 film sul duello fra uomo e natura

5. Captain Phillips - Attacco in mare aperto

Captain Phillips - Attacco in mare aperto: Tom Hanks in una scena del film è il Capitano Richard Phillips

È il film che, nel 2013, ha segnato il ritorno di Tom Hanks al genere drammatico in cui è sempre stato un attore eccelso, e ancora una volta nella parte di un "eroe per caso" la cui vicenda è modellata su una storia vera: Richard Phillips, comandante di una nave mercantile, la Maersk Alabama, diretta in Africa orientale per una missione umanitaria. La pellicola, Captain Phillips, per la regia di Paul Greengrass, segue l'avventura vissuta da Phillips e dal suo equipaggio: l'assalto da parte di una ciurma di pirati somali che, nell'aprile 2009, presero possesso della nave, minacciando la vita dell'ufficiale e dei suoi marinai. In un'opera caratterizzata da suspense e colpi di scena, Hanks si immedesima in un personaggio costretto a mantenere il sangue freddo in una situazione di massimo pericolo, e pronto a tutto pur di garantire l'incolumità dei propri compagni di viaggio.

4. Salvate il soldato Ryan

Tom Hanks in una scena di Salvate il soldato Ryan

La prima collaborazione fra Tom Hanks e Steven Spielberg in uno dei più importanti e stupefacenti film bellici negli annali del cinema: Salvate il soldato Ryan, imponente ricostruzione dello sbarco in Normandia da parte delle truppe degli Alleati nel giugno del 1944. Accolto da uno strepitoso successo e ricompensato con cinque premi Oscar, Salvate il soldato Ryan vede Tom Hanks capofila di un cast superlativo nella parte di John Miller, Capitano di un battaglione di Ranger statunitensi, impegnato insieme ai suoi soldati nella missione di recuperare il giovane paracadutista James Francis Ryan (Matt Damon). Coraggioso, saggio, autorevole, ma soprattutto dotato di un profondo senso di umanità, il John Miller di Tom Hanks (candidato all'Oscar come miglior attore) rimane uno dei memorabili eroi del cinema spielberghiano.

3. Era mio padre

Era mio padre: un primo piano di Tom Hanks

Incredibile a dirsi, eppure Tom Hanks è riuscito a catturare l'empatia del pubblico perfino quando si è trovato a dover impersonare il più improbabile degli eroi: un killer professionista al soldo della malavita. È questo il ruolo ricoperto infatti dall'attore nel 2002 in Era mio padre, splendida opera seconda di Sam Mendes, ambientata nell'Illinois degli anni Trenta: l'emozionante racconto del rapporto tra un padre, Michael Sullivan, sicario al servizio dell'anziano boss John Rooney (un superbo Paul Newman), e il suo figlio dodicenne, Michael Jr (Tyler Hoechlin), testimone involontario di una delle 'esecuzioni' consumate dal padre. In un film ammantato di un classicismo vibrante e mai accademico, Hanks esprime tutta la complessità del suo controverso protagonista, sfoderando una performance misuratissima e di innegabile impatto.

2. Forrest Gump

Non è solo il ruolo simbolo nella carriera di Tom Hanks, ma anche uno dei personaggi più famosi e amati del cinema americano, al punto da poter essere considerato un'autentica icona: si tratta di Forrest Gump, un ragazzo affetto da una deficienza cognitiva, testimone - e, in molti casi, protagonista - di alcuni dei principali eventi della storia americana dagli anni Cinquanta agli anni Settanta, incluso il conflitto in Vietnam. Basato sul romanzo di Winston Groom e diretto nel 1994 da Robert Zemeckis, Forrest Gump è stato uno dei principali eventi cinematografici di fine millennio: un'opera entrata nell'immaginario collettivo e premiata con sei Oscar, tra cui miglior film. Anche grazie alla prova di Tom Hanks, il quale conferisce al suo buffo eroe un'aura di candore e di ingenuità, e che per la sua prova si è aggiudicato il Golden Globe e il suo secondo Oscar consecutivo come miglior attore.

Forrest Gump: un primo piano di Tom Hanks

1. Philadelphia

Tom Hanks e Antonio Banderas in una scena di Philadelphia

Incredibile a dirsi, ma un anno prima dell'uscita di Forrest Gump Tom Hanks aveva regalato al pubblico un'interpretazione ancora più potente, probabilmente la sua migliore prova di sempre, in un altro film diventato da subito un cult: Philadelphia. Diretto nel 1993 da Jonathan Demme, Philadelphia è la storia della battaglia legale condotta da Andrew Beckett, un avvocato molto stimato ma licenziato di colpo dal proprio studio legale poiché malato di AIDS, il quale ricorrerà all'assistenza di un collega, Joseph Miller (Denzel Washington), per combattere la sua battaglia in tribunale. Nella parte di Beckett, vittima delle discriminazioni e dei pregiudizi del proprio ambiente di lavoro sia a causa del suo stato di salute, sia per la sua omosessualità, Hanks raggiunge livelli di intensità e di pathos stupefacenti, in un'opera con la quale per la prima volta Hollywood prese di patto alcuni dei tabù della società americana; mentre il commovente ritratto di Andrew Beckett ha fatto guadagnare all'attore il premio Oscar, il Golden Globe e l'Orso d'Oro al Festival di Berlino, consacrandolo definitivamente fra gli irrinunciabili talenti della sua generazione.

Leggi anche: AIDS, da Philadelphia a Dallas Buyers Club, nastro rosso sul grande schermo

Philadelphia: un primo piano di Tom Hanks
Il ponte delle spie: 5 motivi per rivivere con il blu-ray (e i suoi extra) il clima da guerra fredda
Inferno: il nuovo trailer, anche in italiano, del film con Tom Hanks
Privacy Policy