La Marvel e i finali nascosti: tutte le scene dopo i titoli di coda!

Guida alle sequenza bonus "post-credits", quelle mostrate in coda ai film prodotti dai Marvel Studios, da Iron Man fino a Civil War.

La Marvel e i finali nascosti: tutte le scene...

Nell'industria cinematografica, la scena post-credits, nota anche come stinger, è stata tradizionalmente impiegata a scopo comico, un regalo buffo e irriverente per quella fetta di pubblico rimasta in sala a vedere tutto il film, titoli di coda compresi. Tra gli esempi più celebri possiamo citare L'aereo più pazzo del mondo, Gremlins 2 - La nuova stirpe, Fusi di testa e, in tempi più recenti, tutti i film della saga di Pirati dei Caraibi.

Nel genere supereroistico, invece, l'after credits ha una funzione narrativa ben precisa, quella di creare un legame tra il film appena visto e quelli che verranno. In questo articolo, costantemente aggiornato, parleremo esclusivamente delle scene post-credits nei film della Marvel Studios, la vera innovatrice nell'uso di queste sequenze. Va però detto che anche la Fox e la Sony hanno fatto uso di questo espediente nei loro adattamenti Marvel (vedi, per esempio, Daredevil, The Amazing Spider-Man e X-Men: Conflitto Finale), così come la Warner Bros. per Constantine e Lanterna verde, tratti dai fumetti DC.

Ci teniamo inoltre a precisare che vi saranno spoiler per tutti i film della Marvel Studios, per ovvie ragioni. Se ne sconsiglia dunque la lettura a chi non ha visto le pellicole in questione.

Fase Uno

Iron Man

Iron Man

2008 – Azione
3.4 3.4

Il primo film del Marvel Cinematic Universe, diretto da Jon Favreau, inaugura la tradizione della scena post-credits come ponte tra un film e l'altro, attraverso una sequenza scritta da Brian Michael Bendis, celebre autore di svariati fumetti Marvel. E' soprattutto ricordata come la sequenza che segna il debutto cinematografico del direttore dello S.H.I.E.L.D., Nick Fury, interpretato da Samuel L. Jackson, il quale dice a Tony Stark (Robert Downey Jr.): "Fai parte di un universo più grande, ma non lo sai ancora."

Iron Man: Samuel L. Jackson come Nick Fury nella scena post-credits

Battuta ovviamente autoreferenziale, seguita da: "Sono qui per parlarti della Avenger Initiative." Si allude dunque fin dall'inizio sia alla struttura generale dell'intera saga, quella che i fan chiamano MCU, ma anche, nello specifico, a The Avengers, annunciato ufficialmente dopo il successo al botteghino di Iron Man ma che arriverà sul grande schermo soltanto quattro anni dopo. D'altronde, prima ci sono tanti altri supereroi da presentare.
Da notare che l'adattamento a fumetti del film contiene una versione estesa di questa scena.

L'incredibile Hulk

L'incredibile Hulk

2008 – Azione
3.1 3.1

Non è un post-credits di per sé, ma dato che è preceduto da uno stacco al nero ci permettiamo di considerarlo tale. Abbiamo lasciato Bruce Banner (Edward Norton) al suo destino, mentre il generale Ross (William Hurt) cerca di consolarsi con l'alcool. Ad un tratto appare al suo fianco Tony Stark, sempre con il volto di Downey Jr., con una proposta: "E se le dicessi che stiamo mettendo su una squadra?".

Rispetto a quanto visto in Iron Man, questa sequenza ha l'aria un po' raffazzonata, come se fosse stata messa in piedi all'ultimo minuto per esplicitare il legame tra i due film. Difatti la Marvel ha aggiustato il tiro con Iron Man 2 e un cortometraggio allegato al Blu-ray di Thor, dove tutta la scena viene ripresa con un'ottica diversa.

Iron Man 2

Iron Man 2

2010 – Azione
3.1 3.1

Altra tradizione dei post-credits della Marvel: nella maggior parte dei casi, li dirige chi si occupa del film successivo. Perciò, quando l'agente dello S.H.I.E.L.D. Phil Coulson (Clark Gregg) si reca in Nuovo Messico per indagare su un fenomeno paranormale e trova un martello conficcato nel terreno, dietro la macchina da presa non c'era Jon Favreau, bensì Kenneth Branagh, il regista del successivo Thor.
Da un punto di vista narrativo, la presenza di Mjolnir annuncia quindi l'arrivo del dio del tuono.

Thor

Thor

2011 – Avventura
3.2 3.2

Mentre girava The Avengers, Joss Whedon ha anche scritto e diretto lo stinger di Thor, che vede protagonista ancora una volta Samuel L. Jackson ed il suo Nick Fury.

La sequenza funge da preludio a due film: da un lato, l'introduzione del Tesseract (o cubo cosmico che dir si voglia) si ricollega alla trama di Captain America: il primo vendicatore; dall'altro, la rivelazione che Loki (Tom Hiddleston) è ancora vivo e capace di influenzare Erik Selvig (Stellan Skarsgård) porta direttamente al prologo di The Avengers.

Captain America: il primo vendicatore

Captain America: il primo vendicatore

2011 – Avventura
3.0 3.0

Ancora Joss Whedon, ma questa volta non ha girato una sequenza aggiuntiva: il post-credits è semplicemente il primo teaser ufficiale di The Avengers, con l'incontro-scontro fra Iron Man, Thor (Chris Hemsworth), Captain America (Chris Evans) e Hulk (Mark Ruffalo). Può trarre in inganno la prima parte del teaser, con Cap che si allena e Nick Fury che gli propone una missione, ma anche questa è solo un frammento di quanto si vedrà in The Avengers.

The Avengers

The Avengers

2012 – Azione
4.0 4.0

Questo film inaugura una nuova tradizione, quella di due sequenze bonus: una mid-credits, l'altra post-credits. Entrambe sono dirette da Joss Whedon. Nel mid-credits assistiamo a una conversazione tra l'Altro (Alexis Denisof) e il suo misterioso padrone. Quando questi si gira verso la macchina da presa, scopriamo che si tratta di Thanos, uno dei villains più temibili dell'universo Marvel. Il personaggio, che in questa scena non parla ed è interpretato dallo stuntman Damon Poitier, riappare in Guardiani della Galassia, con le fattezze e la voce di Josh Brolin. Non sappiamo ancora quando darà del filo da torcere ad Iron Man e compagnia bella.

Il post-credits, invece, non è legato a nessun capitolo futuro del Marvel Cinematic Universe: serve solo a far ridere. Vediamo, infatti, gli Avengers che si abbuffano in un ristorante di Shawarma, dopo la battaglia di New York ma prima degli addii provvisori a Central Park. La sequenza, girata dopo la première ufficiale del film, è disponibile solo nelle copie proiettate in America. Da notare che Captain America non mangia: Chris Evans si era fatto crescere la barba per le riprese di Snowpiercer, e la protesi facciale gli impediva di nutrirsi come gli altri.

Leggi anche:
Joss Whedon: undici follie per un autore di culto

Contenuto pubblicitario

Fase Due

Iron Man 3

Iron Man 3

2013 – Azione
3.6 3.6

Solo una scena post-credits per il terzo lungometraggio dedicato ad Iron Man, e anche in questo caso il suo scopo è puramente comico: in puro stile Shane Black (regista e co-sceneggiatore del film), veniamo a sapere che la voce narrante di Tony Stark presente nell'intero film faceva in realtà parte di una conversazione tra lo stesso Stark e il suo, improvvisato, psichiatra: Bruce Banner (Mark Ruffalo).
Peccato che questi si sia addormentato dopo i primi cinque minuti e che non abbia quindi ascoltato assolutamente nulla della sua storia...

Thor: The Dark World

Thor: The Dark World

2013 – Azione
3.4 3.4

Questo è il mid-credits che ha creato molta confusione negli spettatori che conoscono la Marvel solo tramite i film. Ma considerato la piega che prenderà l'intera saga nel prossimo futuro, è forse anche il più importante.

Volstagg (Ray Stevenson) e Lady Sif (Jaimie Alexander) si recano sul pianeta Knowhere, sede della dimora di Taneleer Tivan, alias il Collezionista (Benicio Del Toro). Gli consegnano l'Etere, l'arma utilizzata da Malekith, spiegando che sarebbe troppo pericoloso custodire due Pietre dell'Infinito nello stesso posto (dato che il Tesseract si trova su Asgard). Quello che loro non sanno è che lo stesso Collezionista sta cercando di radunare tutte e sei le Pietre, presumibilmente per conto di Thanos. La sequenza funge dunque da preludio a Guardiani della Galassia, e difatti è stata girata da James Gunn.

Decisamente più comprensibile, per non dire banale, il post-credits: Thor ritorna sulla Terra per stare con Jane Foster, e mentre i due si baciano vediamo un mostro asgardiano che scorrazza in giro per Londra. Una piccola curiosità: per via di altri impegni, Natalie Portman non era disponibile per girare il momento del bacio (aggiunto dopo il termine delle riprese ufficiali), ragion per cui Jane - interpretata per l'occasione da Elsa Pataky, moglie di Chris Hemsworth - appare solo di spalle.

Captain America: The Winter Soldier

Captain America: The Winter Soldier

2014 – Azione
3.8 3.8

Ritorna Joss Whedon per una scena mid-credits che funge da apripista ad Avengers: Age of Ultron. Protagonista indiscusso di questa sequenza è Thomas Kretschmann nei panni del Barone von Strucker, leader di una fazione dell'organizzazione terroristica HYDRA, parzialmente smantellata da Captain America. Egli parla dell'avvento dell'age of miracles, l'era "dei miracoli", riferendosi a due gemelli dotati di poteri sovrumani, presumibilmente in seguito ad esperimenti vari: lui è Quicksilver, dotato di supervelocità e interpretato da Aaron Taylor-Johnson; lei è Scarlet Witch, capace di alterare la realtà, e ha le fattezze di Elizabeth Olsen.

Captain America: The Winter Soldier: Aaron Taylor-Johnson ed Elizabeth Olsen nella scena mid-credits

Il post-credits è invece diretto dai fratelli Russo, e suggerisce una delle possibili strade narrative per il terzo capitolo delle avventure in solitario di Captain America. Winter Soldier (Sebastian Stan), recatosi al museo dedicato alle gesta del Super-soldato, scopre che Cap gli ha detto la verità: egli è davvero Bucky Barnes, amico d'infanzia di Steve Rogers, dato per morto da quasi settant'anni.

Guardiani della Galassia

Guardiani della Galassia

2014 – Fantascienza
3.9 3.9

Dato che si tratta di un film che rompe con la precedente tradizione Marvel (ambientato nello spazio, niente apparizioni degli Avengers, apertura al lato più esplicitamente cosmico del Marvel Cinematic Universe), era lecito aspettarsi che il regista James Gunn facesse di testa sua con gli stingers, entrambi autoconclusivi e per nulla legati alla continuità più vasta del franchise.

Il mid-credits appare subito dopo la scritta "i Guardiani della Galassia ritorneranno", e mostra il piccolo Groot, rinato e in fase di crescita, che balla sulle note di I Want You Back dei Jackson 5. Un piccolo intermezzo comico avente per protagonista il personaggio più amato del film, con in più la partecipazione di Dave Bautista nei panni di Drax. Questa scena è stata girata senza Vin Diesel: i movimenti di Groot, per esplicita ammissione del diretto interessato, sono basati su quelli del regista, il quale balla così nella vita di tutti i giorni.

Leggi anche: Le dieci migliori scene "musicali" sul grande schermo nel 2014

Nel post-credits ritroviamo invece il Collezionista, sconsolato dopo la distruzione del suo museo. Mentre il cane Cosmo cerca di tirargli su il morale, sentiamo una voce: "Perché gli permetti di leccarti in quel modo? Che schifo!". A pronunciare questa battuta, seduto in una teca distrutta e con un drink in mano (e la voce di Seth Green), è Howard il Papero, personaggio tristemente noto al pubblico cinematografico come protagonista del film Howard e il destino del mondo, un fallimento al botteghino e dal punto di vista della critica. Lo rivedremo in Guardiani della Galassia 2?

Avengers: Age of Ultron

Avengers: Age of Ultron

2015 – Fantastico
4.0 4.0

Il secondo lungometraggio dedicato agli Avengers non ha una sequenza al termine dei titoli di coda, solo una scena mid-credits, talmente breve che viene quasi da pensare che Joss Whedon si stia prendendo gioco di chi si lamenta dell'esistenza di scene supplementari dopo la fine del film, dicendogli "Ecco, adesso potete uscire dal cinema."

In questo frammento bonus, di pochi secondi, vediamo Thanos (Josh Brolin) infilarsi un guanto (quello che nei fumetti è noto come Infinity Gauntlet), dicendo: "Bene, mi toccherà fare da solo." Si riferisce al recupero delle cosiddette Infinity Stones, le pietre dell'infinito, anticipando così gli eventi di Thor: Ragnarok (dove il folle titano dovrebbe apparire, stando a quanto visto in questo film) e Avengers: Infinity War.

Leggi anche: Avengers: Age of Ultron, 10 scene che ne fanno il film Marvel definitivo

Ant-Man

Ant-Man

2015 – Azione
3.6 3.6

Dopo Age of Ultron, che aveva solo un mid-credits, torniamo alla tradizione del doppio bonus con il film più "piccolo" della Marvel. Nella prima sequenza mid-credits, Hank Pym (Michael Douglas) mostra alla figlia Hope (Evangeline Lilly) una versione aggiornata del costume di Wasp, indossato ai tempi da Janet Van Dyne. Possiamo quindi aspettarci, o alla fine della Fase Tre o nella Fase Quattro, che Hope erediti l'identità mascherata della madre.

Leggi anche: Ant-Man: il più piccolo degli Avengers sceglie la strada della commedia

Ant-Man: scena post credits

Il post-credits è invece, come già nel caso di Iron Man 2, una scena tratta dal prossimo film del Marvel Cinematic Universe, ossia Captain America: Civil War. Ritroviamo Steve Rogers e Sam Wilson (alias Falcon), i quali hanno finalmente ritrovato, dopo due anni di ricerche, Bucky Barnes, ossia Winter Soldier. Possiamo intuire dai dialoghi che la sequenza si collochi all'incirca a metà film, poiché si parla degli Accordi - presumibilmente legati ai tentativi del governo di controllare i supereroi - e viene suggerito che tra Rogers e Tony Stark non corra più buon sangue.

Leggi anche: Ant-Man: 10 cose che potreste non aver notato

Articolo | 8 mesi fa

Fase Tre

Captain America: Civil War

Captain America: Civil War: Black Panther nel primo trailer del film Marvel

Civil War si serve della propria sequenza mid-credits per chiudere una trama rimasta in sospeso, ossia il destino di Bucky, il quale accetta di sua sponte di farsi nuovamente ibernare in attesa di una cura per rimuovere gli innesti mentali somministratigli dall'HYDRA. La sequenza anticipa anche a livello visivo il contenuto del prossimo Black Panther, poiché ci viene offerto un primo assaggio del regno di T'Calla (Chadwick Boseman) nella giunga di Wakanda, con tanto di statua della Pantera Nera.

Leggi anche: La recensione di Captain America: Civil War, gli amici non tradiscono. E nemmeno la Marvel

Captain America: Civil War: Spider-Man nel trailer 2 del film

Il post-credits, invece, è più autoconclusivo e leggero, e ci mostra Peter Parker, tornato a casa dopo la trasferta in Germania, che racconta quanto accaduto a Zia May fingendo di essere stato picchiato a scuola ("Un ragazzo di nome Steve, viene da Brooklyn... E il suo amico era enorme, davvero enorme"). Dopodiché scopre di avere un Spider-segnale inserito nel nuovo lanciaragnatele fornitogli da Tony Stark, e ci viene ricordato, tramite didascalia ("Spider-Man will return"), un altro dei prossimi appuntamenti del Marvel Cinematic Universe: Spider-Man Homecoming.

Leggi anche: Grande potere, grandi responsabilità: Diamo i voti alle incarnazioni cinematografiche di Spider-Man

To be continued...

Excelsior! Alla ricerca dei camei di Stan Lee nei film e nelle serie Marvel
Marvel Cinematic Universe: la nostra guida alla saga dei supereroi
Privacy Policy