James Cromwell si incolla le mani a un bancone di Starbucks durante una protesta di PETA

James Cromwell, attore e attivista ambientalista di PETA, si è incollato le mani a un bancone di Starbucks in protesta contro le politiche della compagnia.

NOTIZIA di 11/05/2022

La star James Cromwell e altri membri di PETA hanno inscenato una spettacolare protesta a un locale di Starbucks di Manhattan contro la compagnia. Cromwell ha incollato le mani sul bancone con una potente colla contro le politiche della compagnia.

"Più di 13.000 clienti ve lo hanno chiesto", ha dichiarato James Cromwell nel corso della protesta. "Ora ci chiediamo: smetterete di far pagare di più per il latte vegano? Quando smetterete di incassare enormi profitti mentre i clienti, gli animali e l'ambiente soffrono?"

"Le mucche producono latte per lo stesso motivo per cui lo fanno gli umani: per nutrire i loro piccoli. Ma nell'industria lattiero-casearia partoriscono e i loro piccoli vengono presi quasi immediatamente in modo che il loro latte possa essere venduto. Le mucche madri piangono per i loro piccoli per giorni" ha aggiunto Cromwell, che indossava una maglietta nera con la scritta 'Liberate gli animali'. "Soffrono non meno di quanto farebbero le madri umane".

Mentre Cromwell e gli altri manifestanti inneggiavano alla salvezza del pianeta e delle mucche, l'attività di Starbucks è proseguita fino all'arrivo della polizia.

James Cromwell arrestato durante una protesta al SeaWorld di San Diego

"Rispettiamo i diritti dei nostri clienti di esprimere rispettosamente le loro opinioni purché non interrompano le operazioni del nostro negozio", ha affermato un portavoce di Starbucks in una dichiarazione. "I clienti possono personalizzare qualsiasi bevanda nel menu con un latte non caseario, inclusi soia, cocco, mandorle e avena a un costo aggiuntivo (simile ad altre personalizzazioni di bevande come un caffè espresso). Il prezzo varia da mercato a mercato".

PETA ha esortato Starbucks a invertire la sua politica per anni. In una dichiarazione sul suo sito web, l'organizzazione osserva che molte altre catene, tra cui Wawa, Panera Bread e Philz Coffee non fanno pagare un sovrapprezzo per il latte non caseario.