Il furore della Cina colpisce ancora: il film con Bruce Lee stasera su Rai4

Stasera su Rai4 alle 21:20 torna Bruce Lee con Il furore della Cina colpisce ancora, il 'falso' secondo capitolo della saga di Cheng.

NOTIZIA di 14/05/2021

Stasera su Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) alle 21:20 continua l'appuntamento con Bruce Lee e con il ciclo Missione Oriente grazie a Il furore della Cina colpisce ancora, diretto da Lo Wei nel 1971.

Bruce Lee in una scena de Il furore della Cina colpisce ancora
Bruce Lee in una scena de Il furore della Cina colpisce ancora

Cheng (Bruce Lee), giovane emigrante cinese, va a lavorare in una fabbrica di ghiaccio a Bangkok.
Il giovane ha promesso alla famiglia di non restare coinvolto in risse o combattimenti, ma quando alcune persone intorno alla fabbrica cominciano a sparire, alcune delle quali vicine a Cheng, il giovane dovrà rompere la sua promessa...

Il furore della Cina colpisce ancora viene solitamente accreditato come secondo capitolo della 'saga di Cheng' ma si tratta di un'informazione falsa e valida solo per il mercato cinematografico occidentale.
Girato nel 1971, dunque prima rispetto al cult Dalla Cina con furore, arrivò nelle sale italiane e statunitensi solo nella primavera del 1973, sull'onda dell'incredibile successo ottenuto da Bruce Lee con quello che è a tutti gli effetti il secondo film della trilogia di Cheng (ecco anche spiegato quel "colpisce ancora" scelto dai distributori italiani, a voler suggerire un'idea di continuità rispetto a Dalla Cina con furore, che gli spettatori conoscevano già da diversi mesi).

Il furore della Cina colpisce ancora - il cui titolo originale, tradotto in inglese, è semplicemente The Big Boss -, nel 1971 fu un enorme successo in termini di incassi al botteghino di Hong Kong e Singapore, dove, si racconta, che le sale venissero letteralmente prese d'assalto da una fanbase di Lee sempre crescente.
I distributori occidentali furono inizialmente più scettici ma dovettero ricredersi - e correre ai ripari - alla notizia del successo senza precedenti che il film stava riscuotendo nelle sale di Beirut.