I maestri delle colonne sonore, la serie in streaming su Nexo+

La serie di Lyndy Saville, I Maestri delle Colonne Sonore, da oggi 22 aprile andrà ad arricchire l'ampio catalogo che Nexo+ dedica ai film d'autore e ai documentari sul cinema.

NOTIZIA di 22/04/2021

La serie di Lyndy Saville, I Maestri delle Colonne Sonore, da oggi 22 aprile andrà ad arricchire l'ampio catalogo che Nexo+ dedica ai film d'autore e ai documentari sul mondo e i protagonisti del grande cinema. Un appuntamento pensato in attesa della notte degli Oscar, attesa che i più appassionati potranno ingannare anche in compagnia della Playlist Orsi, Leoni, Palme e Oscar, che raccoglie, sempre in streaming su Nexo+, un'accurata selezione di film premiati in questi ultimi anni.

Il rapporto tra musica e cinema è antico quasi quanto il cinema stesso. Fin dalle origini, i registi hanno intuito il potere che la musica aveva nel creare le atmosfere più adeguate e nel rafforzare l'immedesimazione del pubblico con le emozioni dei personaggi. Con i suoi 12 episodi composti di spezzoni di film, interviste, immagini di repertorio, locandine originali, I maestri delle colonne sonore è un viaggio alla scoperta di come, oggi come ieri, le colonne sonore siano state e continuino a essere vitali per la produzione di un film, proprio quanto la sceneggiatura, l'interpretazione artistica e la realizzazione visiva.

La piattaforma Nexo+ è un progetto Nexo Digital sostenuto dai media partner Radio DEEJAY, Radio Capital, Rockol.it, Classic Voice, Danza&Danza, ARTE.it. Il primo di dodici episodi si intitola I maestri delle colonne sonore - La nascita della colonna sonora: prima dell'avvento del sonoro, spesso i film venivano accompagnati da musica suonata dal vivo, composta da artisti come Charlie Chaplin, Joseph Carl Briel, Gottfried Huppertz, Hans Erdmann e Dimitri Šostakóvič. Tra i titoli più noti ci furono Nosferatu il vampiro, Nascita di una nazione, Metropolis e Luci della Città. Per comprendere la nascita delle colonne sonore è dunque necessario che il nostro sguardo si prepari a spaziare tra paesi diversi: dalla Germania Espressionista alla Russia Post-rivoluzionaria, passando naturalmente attraverso l'America, dove negli anni '30 il cinema si stava sviluppando con sempre più energia. Proprio negli Stati Uniti, Max Steiner fu il primo a comporre integralmente, dall'inizio alla fine, una colonna sonora per un film. Si trattava del celebre King Kong del 1933. Pochi anni prima, nel 1927, aveva debuttato Il cantante di jazz, il film che aveva segnato la nascita dell'era del cinema sonoro.

Nel secondo episodio, _ I maestri delle colonne sonore - Gli anni '30, progenitori della musica nei film_, con l'avvento del nazismo in Germania, i grandi artisti che non erano ancora scappati dall'Europa cominciarono a farlo e spesso scelsero come loro meta finale proprio Hollywood. Arrivato in America già prima della guerra, nel 1914, il compositore austriaco naturalizzato statunitense Max Steiner è considerato "il padre della colonna sonora". È lui che nel 1933 firmò le musiche del King Kong. Al suo fianco, nel corso della sua carriera, l'austriaco Erich Wolfgang Korngold e l'americano Herbert Stothart.