Facebook

Destinazione Tirana, da Giffoni all'Albania: torna il progetto dedicato ai giovani

Al via la seconda parte di Destinazione Tirana, il progetto rivolto ai giovani tra laboratori, incontri e startup che avrà inizio il 9 novembre.

Destinazione Tirana, da Giffoni all'Albania: torna il progetto dedicato ai giovani

Destinazione Tirana, il progetto promosso dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il servizio civile universale, nasce per regalare ai giovani di Italia e Albania nuove opportunità.

Il legame con l'Albania nasce nel 1984, quando Giffoni presentò la prima rassegna di cinema albanese offrendo al pubblico la possibilità di osservare più da vicino ciò che il Paese ha sempre avuto da offrire.

Un progetto diviso in due parti, quello che coinvolge dunque l'Italia e l'Albania, la cui prima parte ha avuto luogo durante il #Giffoni2022 quando hai ragazzi tra i 18 e i 30 è stata data l'opportunità di incontrare volti influenti del mondo della cultura, dello spettacolo e della scienza. Alla sezione Impact ha infatti partecipato anche il cittadino di Tirana, Erion Veliaj e alcuni dirigenti della capitale.

La seconda parte di Destinazione Tirana avrà inizio mercoledì 9 novembre e si concluderà il giorno 11. A questa seconda fase, che avrà luogo a Tirana, prenderà parte una delegazione di giffoner italiani, oltre ad una rappresentanza degli Ambassador dell'Anno Europeo dei Giovani 2022.

Tra i momenti più attesi: NEET MEDITERRANEI, un approfondimento verso un tema di cui Giffoni ha scelto di occuparsi da tempo legato a quei giovani che non studiano e non lavorano che, purtroppo, costituiscono ancora un'ampia percentuale.

Nel corso della seconda parte, elemento centrale sarà IL VIDEOGIOCO COME APPRENDIMENTO. Il game based learning e la gamification nell'ambito dell'istruzione.

Anche la musica avrà il suo ruolo nel corso del progetto con la presenza di Federica Carta che incontrerà i giffoner i quali avranno, inoltre, la possibilità di sfidare sé stessi dando vita ad una vera e propria startup.

"Siamo molto soddisfatti - ha dichiarato Jacopo Gubitosi, direttore generale di Giffoni - che il Ministero per lo Sport e i Giovani abbia deciso di investire sul nostro progetto. L'obiettivo è favorire dinamiche virtuose finalizzate a determinare cambiamenti sociali, culturali e politici di cui solo i giovani possono essere protagonisti. Abbiamo scelto l'Albania, un Paese con cui Giffoni ha da quarant'anni un rapporto di grande collaborazione, una nazione che ha un legame altrettanto stretto con l'Italia e si caratterizza per una vivacità e un fermento culturale che ben si coniuga con il mondo di Giffoni".