I 10 migliori film sui Presidenti degli Stati Uniti

In occasione delle prossime elezioni presidenziali, cogliamo l'occasione per parlare dei migliori film sui Presidenti degli Stati Uniti, da Lincoln a Gli intrighi del potere - Nixon.

CLASSIFICA di 19/02/2020
Robin Williams in una scena de L'uomo dell'anno (2006)
Robin Williams in una scena de L'uomo dell'anno (2006)

Negli Stati Uniti ogni quattro anni i cittadini americani vengono chiamati alle urne per eleggere il nuovo Presidente. Non a caso, la campagna elettorale americana è una delle più interessanti, per energia, mole di lavoro, colpi di scena e molto altro. Momenti che vengono presi in esame in tutto il mondo, alle prese con la speranza che vinca il migliore e che possa essere un valore aggiunto per il benessere americano e mondiale.

Kevin Bacon e Frank Langella in una scena del film Frost/Nixon
Kevin Bacon e Frank Langella in una scena del film Frost/Nixon

Così, in vista delle prossime elezioni che si terranno a novembre, cogliamo l'occasione per capire quali siano i migliori film sui Presidenti degli Stati Uniti, pellicole che hanno voluto analizzare aspetti nascosti di alcuni presidenti, che hanno messo in mostra i loro lati più oscuri o che hanno semplicemente raccontato la loro vita.

1. Lincoln (2012)

Daniel Day-Lewis è il 16esimo Presidente degli Stati Uniti in Lincoln
Daniel Day-Lewis è il 16esimo Presidente degli Stati Uniti in Lincoln

A partire dal 4 luglio del 1776 fino ad oggi, tra i Presidenti più ricordati dagli americani e in tutto il mondo c'è sicuramente Abraham Lincoln. Su di lui è stato realizzato Lincoln, un biopic di Steven Spielberg interpretato da uno strabiliante Daniel Day-Lewis. Incentrato sugli ultimi mesi di vita del Presidente, il film è ambientato nel 1865, con Lincoln che è appena stato rieletto per un secondo mandato e che cerca di far approvare alla Camera il XIII Emendamento, così da abolire la schiavitù. Al fine di riuscire nel suo intento, Lincoln cerca unità nel partito repubblicano e l'approvazione dell'ala più radicale, guidata da Thaddeus Stevens con cui non ha un bel rapporto. Inoltre, il Presidente deve cercare di ottenere i voti dei democratici, che cerca per vie del tutto traverse. A ciò, si aggiunge la nevrosi di sua moglie Mary e la ribellione di suo figlio Robert (interpretati rispettivamente da Sally Field e Joseph Gordon-Levitt) che vorrebbe abbandonare gli studi imposti dal padre.

Lincoln: le magie della make up designer Lois Burwell

2. Frost/Nixon - Il duello (2008)

Frank Langella e Michael Sheen in un'immagine del film Frost/Nixon
Frank Langella e Michael Sheen in un'immagine del film Frost/Nixon

Un Presidente più conosciuto per le sue dimissioni che per i suoi mandati, è senza dubbio Richard Nixon. Sulla storia dei suoi incarichi e dello scandalo Watergate si sono versati fiumi di inchiostro e si sono realizzati moltissimi film. Uno di questi è Frost/Nixon - Il duello: il film di Ron Howard mette in mostra l'ex presidente Nixon (Frank Langella) tre anni dopo le dimissioni forzate dovute allo scandalo Watergate, quando si trova a parlare di questo (e molto altro) in un'intervista televisiva. Quello che si vedrà in televisione sarà che il duello tra Nixon e il giornalista britannico David Frost (interpretato da Michael Sheen) unito al suo team di giornalisti di punta.

Oliver Stone: da Platoon a Nixon, la coscienza sporca degli USA in 5 grandi film

3. Air Force One (1997)

Gary Oldman e Harrison Ford in Air Force One
Gary Oldman e Harrison Ford in Air Force One

C'è qualcosa di più presidenziale dell'Air Force One? Oltre che essere il nome dell'aereo che trasporta il Presidente degli Stati Uniti in giro per il mondo, questo è anche il titolo del film del 1997, diretto da Wolfgang Petersen. In Air Force One il Presidente James Marshall (interpretato da Harrison Ford) si prepara a tornare in America dopo aver festeggiato la cattura del dittatore del Kazakistan, Alexander Radek. A bordo del suo aereo, però, tra i suoi più stretti familiari e il suo staff si nascondono anche i seguaci di Radek, guidati da Ivan Korshunov (che ha il volto di Gary Oldman). Quest'ultimo e i suoi complici assaltano l'aereo: il personale militare viene ucciso, mentre i civili vengono tenuti in ostaggio. Il presidente, vero obiettivo dei terroristi, viene condotto verso una capsula di salvataggio: ma egli, veterano del Vietnam, si nasconde in stiva e cercherà di fermare i terroristi che, nel frattempo, hanno uccido i piloti e dirottato l'aereo verso il Kazakistan.

4. Il presidente - Una storia d'amore (1995)

Il presidente - Una storia d'amore: Michael Douglas e Annette Bening
Il presidente - Una storia d'amore: Michael Douglas e Annette Bening

Essere Presidente degli Stati Uniti non vuol dire avere vita facile, anzi. Il ruolo è già di per sé complicato e ad esso si aggiungono anche i problemi della vita di tutti i giorni. Il presidente - Una storia d'amore cerca di raccontare l'uomo dietro il capo politico: il presidente degli Usa, Andrew Sheperd (interpretato da Michael Douglas) è una persona molto amata dai suoi cittadini perché è prima di tutto un uomo, più che un'autorità. Oltre alla sua carica politica, è un padre vedovo che cerca di crescere da solo la figlia dodicenne e i suoi problemi, di uomo e di leader, si fanno più grossi quando si innamora (contraccambiato) di Sydney Ellen Wade (Annette Bening). La donna è un avvocato ambientalista che appartiene alla lobby che ha appoggiato il presidente nella nomina: ciò scatena la stampa e Bob Rumson, l'avversario politico delle imminenti elezioni presidenziali.

5. Dave - Presidente per un giorno (1993)

Presidente Per Un Giorno
Dave - Presidente per un giorno: una scena del film

Nel 1993 uscì Dave - Presidente per un giorno, un film di Ivan Reitman alquanto originale. Questo lungometraggio, che vede protagonisti Kevin Kline e Sigourney Weaver, segue la storia di Dave Kovic, titolare di un ufficio di collocamento che viene assunto come sosia del presidente degli Stati Uniti William Harrison Mitchell, colpito da ictus durante una scappatella con la segretaria. Per evitare scandali, Kovic assume le sembianze del Presidente in tutto e per tutto, mentre alla First Lady viene taciuta l'intera vicenda, facendole credere di avere davanti il marito. Così, mentre il vero presidente viene ricoverato in un ospedale protetto e il vice-presidente viene mandato in un tour in Africa, il consigliere Bob Alexander assume il potere decisivo.

6. Indipendence Day (1996)

Independence Day: Mae Whitman e Bill Pullman in una scena del film
Independence Day: Mae Whitman e Bill Pullman in una scena del film

Non solo un leader politico, ma anche un motivatore per il proprio popolo. È così che viene identificato il Presidente degli Stati Uniti in Indipendence Day, film del 1996 di Roland Emmerich. Alla vigilia dell'anniversario dell'indipendenza americana, un'enorme astronave aliena entra in orbita attorno alla terra e da essa delle astronavi-figlie si posizionano su alcune zone del pianeta. Il segnale da loro mandato viene decodificato dal tecnico satellitare ed esperto di telecomunicazioni David Levinson (Jeff Goldblum) che, grazie all'aiuto dell'ex moglie, riesce a raggiungere la Casa Bianca e ad avvertire il presidente Thomas J. Whitmore (interpretato da Bill Pullman). Gli alieni sono dichiaratamente ostili e sebbene il presidente cerchi di emanare l'immediata evacuazione di alcune città oscurate dalle navicelle, la loro distruzione è immediata. Whitmore, che raggiunge l'Area 51 a bordo dell'Air Force One, viene in contatto con il capitano Steve Hiller (Will Smith), che è riuscito ad abbattere uno degli alieni che lo attaccava, così da studiare una nuova strategia da condividere con i propri compatrioti e il resto del mondo.

7. L'uomo dell'anno (2006)

Robin Williams è L'uomo dell'anno
Robin Williams è L'uomo dell'anno

Tra i migliori film sui Presidenti degli Stati Uniti è impossibile non citare L'uomo dell'anno. Il film di Barry Levinson con protagonista Robin Williams segue la storia di Tom Dobbs, un conduttore di talk show molto popolare che, supportato dai propri fan, decide di seguire la strada della politica. Tom è molto amato dagli americani, realizza una campagna elettorale senza necessitare di spot televisivi e negli scontri televisivi mostra di essere decisamente superiore ai suoi competitor. Così, Tom riesce a vincere le elezioni, avvenute grazie ad un software messo a punto dalla società Delacroy. In questa stessa società, però, l'impiegata Eleanor Green scopre che in realtà Tom ha vinto le elezioni a causa di un bug nel programma utilizzato. Nonostante l'azienda la licenzi e cerchi di attribuirle una brutta nomea, la donna riesce ad arrivare fino al presidente, informandolo di quanto accaduto. Se all'inizio Tom deciderà di lasciare da parte il problema, in seguito lo svelerà in diretta televisiva, poiché la vita di Eleanor è in pericolo.

8. Thirteen Days (2000)

Thirteen Days
Thirteen Days: una scena del film

Ambientato nel 1962, Thirteen Days, film di Roger Donaldson, segue il Presidente John F. Kennedy (interpretato da Bruce Greenwood) mentre si trova a pianificare un'azione insieme ai suoi consiglieri per contrastare i Sovietici. Alcune fotografie dell'U-2 rivelano che l'Unione Sovietica è in procinto di installare delle armi nucleari a Cuba: se divenissero operative, queste armi avrebbero la capacità di spazzare via l'intero Sud degli Stati Uniti. La Casa Bianca, dunque, si trova nelle condizioni di dimostrarsi superiore, iniziando a predisporre delle truppe militari per essere pronti ad invadere Cuba. Tuttavia, Kennedy non è convinto che questa sia la soluzione migliore, perché spingerebbe i Sovietici verso l'Europa. Così, la crisi che si verifica sembra non avere una via d'uscita.

9. Il dottor Stranamore, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba (1964)

Petersellersinildottorstranamore
Il Dottor Stranamore: Peter Sellers in una scena

Liberamente tratto dal romanzo Red Alert di Peter George, Il dottor Stranamore, ovvero: come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba è una brillante black comedy firmata da Stanley Kubrick, con Peter Sellers nei panni del colonnello Mandrake, del Presidente degli Stati Uniti Muffley e del dottor Stranamore. In questo film il generale Ripper si trova al comando della base aerea americana di Burpelson e ordina ai bombardieri B-52 in volo di eseguire il piano R, ovvero un contro-attacco nucleare ai danni dell'URSS.

Il Dottor Stranamore Agryeux
Peter Sellers in Il dottor Stranamore

Nel mentre, il colonnello inglese Mandrake scopre che in realtà non c'è motivo di dare vita ad un attacco del genere, ma Ripper non vuole stare a sentire, convinto di voler eliminare i comunisti e, quindi, decide di barricarsi nella base insieme a Mandrake. In tutto ciò, il Presidente degli Stati Uniti Muffley e il Pentagono vengono a conoscenza di quanto sta succedendo, decidendo di inviare la fanteria per entrare nella base militare (poiché non conoscono il codice segreto per revocare l'attacco). Ma mentre al Pentagono lo scienziato ex nazista Dottor Stranamore spiega al presidente come funzioni la bomba, la base viene espugnata e il generale Ripper si suicida per non rivelare il codice. L'operazione viene bloccata grazie al Mandrake che riesce a decifrarlo, ma uno dei bombardieri risulta inrintracciabile.

10. Gli intrighi del potere - Nixon (1996)

Gli intrighi del potere - Nixon: Anthony Hopkins e Joan Allen in una scena del film
Gli intrighi del potere - Nixon: Anthony Hopkins e Joan Allen in una scena del film

Uno dei registi che ha sempre cercato di raccontare diversi aspetti della storia americana è Oliver Stone. Nel 1996, infatti, ha diretto Gli intrighi del potere - Nixon, che racconta la storia di uno dei Presidenti statunitensi più chiacchierati: Richard Milhous Nixon (interpretato da Anthony Hopkins) era figlio di un negoziante e di una severa casalinga, cresciuto in California e sconvolto dalla morte dei suoi due fratelli. Richard divenne avvocato e in breve tempo ottenne un grande successo politico, arrivando ad essere deputato a 33 anni, fino ad assumere la carica di Presidente degli Stati Uniti nel 1968 a 55 anni. Il film racconta anche i suoi anni di presidente fino allo scandalo Watergate e alle sue dimissioni, avvenute nel 1974.