Biografia

Cenni biografici di Aaron Paul


I produttori di Breaking bad non lo volevano nella serie, perchè lo giudicavano "troppo attraente" per la parte di Jesse Pinkman. Contro questa quanto mai curiosa motivazione il creatore del serial Vince Gilligan si è battuto duramente ed alla fine è riuscito a scritturare l'attore, che voleva fortemente per quel ruolo. E' decollata in questo modo la carriera di Aaron Paul, che grazie alla sua magistrale interpretazione in una delle serie più amate di tutti i tempi è passato da produzioni di seconda categoria a spettacoli di serie A, sia in televisione che al cinema.

Aaron Paul Sturtevant è figlio di un sacerdote battista ed è il più giovane di cinque fratelli. Giovanissimo, frequenta l'ambiente religioso del padre e le sue prime esperienze sul palcoscenico avvengono grazie a piccoli spettacoli locali. Frequenta la Centennial High School a Boise, in Idaho, e proprio qui matura l'idea di diventare attore. Inizia a studiare recitazione e finita la scuola si trasferisce a Los Angeles in cerca di fortuna. Inizialmente si mantiene facendo l'assistente negli studi della Universal e lavora anche come mascotte per una stazione radiofonica.

Nello stesso periodo esordisce anche al cinema in una commedia adolescenziale dal titolo Costi quel che costi e poco dopo è tra i concorrenti del quiz tv The price is right. In televisione partecipa anche a numerosi spot di prodotti alimentari e fa le sue prime comparse in serie tv come Beverly Hills 90210, Melrose Place e X-Files. E' grazie a quest'ultima serie che conosce Samaire Armstrong, una delle sue prime fidanzate famose.

La carriera prosegue senza guizzi, con piccole partecipazioni tra cinema e tv, quando nel 2008 arriva la svolta: Vince Gilligan lo vuole nei panni di Pinkman in Breaking bad. Il suo personaggio doveva morire circa a metà della serie, ma Gilligan rimane così colpito dall'alchimia tra Aaron e l'attore protagonista Bryan Cranston che decide di tenere in vita il personaggio. Grazie a Breaking bad Aaron non solo vince due Emmy Awards come miglior attore non protagonista in una serie drammatica, ma raggiunge anche la fama a livello internazionale.

Nel frattempo ha avuto una relazione con le colleghe Jessica Lowndes e Lauren Corinne Parsekian. Quest'ultima, conosciuta ad un festival musicale, diverrà sua moglie nel 2013, in una cerimonia a tema, ispirata alla Parigi degli anni '20. Coppia dal cuore d'oro, lo stesso anno delle nozze gli sposini donano un'ingente somma ad un'associazione in lotta contro il fenomeno del bullismo.

Oggi per Aaron la strada è spianata anche al cinema: ha ottenuto un ruolo come protagonista assoluto in Need for speed, adattamento cinematografico dell'omonimo videogame, e si prepara ad uscire nelle sale con il nuovo attesissimo kolossal di Ridley Scott Exodus.

Sergio Piccinini