La spia che venne dal freddo

1965, Drammatico

MGM e la domenica delle Spy Stories

Dal primo gennaio il canale 320 di Sky dedica la domenica ad un ciclo di film di intreccio spionistico. Da La spia che venne dal freddo di Martin Ritt a La conversazione di Francis Ford Coppola, passando per Il decimo uomo di Jack Gold, Circolo vizioso di Alvin Rakoff e Cinque colpi di pistola di Roger Corman.

Intrighi, complotti, fitti misteri e sorprendenti colpi di scena per il ciclo di spy stories che MGM (Sky Canale 320) propone ogni domenica di gennaio. Pellicole ad alta tensione che terranno lo spettatore incollato allo schermo e col fiato sospeso.
Si parte con La spia che venne dal freddo, tratto dal romanzo di John Le Carré e diretto da Martin Ritt. Protagonista della pellicola è l'indimenticabile Richard Burton che veste i panni di un agente segreto inglese che, inviato nella Germania dell'Est per catturare un suo vecchio antagonista, rimarrà invece incastrato egli stesso, tradito dai suoi superiori.

Sarà poi la volta di uno dei più acclamati film made in USA anni '70 firmato dal grande Francis Ford Coppola, un thriller antesignano delle mode e dei tempi, La conversazione. Nei panni dell'antieroe Gene Hackman, che interpreta uno specialista in intercettazioni sempre immerso nel lavoro che scoprirà di avere una coscienza e quindi la responsabilità delle sue azioni, che lo rendono prima complice e poi vittima. La pellicola si è aggiudicata la Palma d'oro a Cannes.

Si prosegue con il magnetico Anthony Hopkins protagonista, accanto a Kristin Scott Thomas, de Il decimo uomo, pellicola in cui riveste il ruolo di un prigioniero di guerra condannato a morte che baratta tutti i suoi averi con la vita di un altro prigioniero.

Si avanti con i complotti di Circolo vizioso, diretto da Alvin Rakoff ed interpretato dall'affascinante Roger Moore. La conversazione tra un gruppo di terroristi che cospira per uccidere un capo di Stato Africano viene accidentalmente ascoltata da una giovane modella che da quel momento diventa un bersaglio. Accorre in suo aiuto un giovane agente pubblicitario che, improvvisatosi detective, riesce a sgominare la banda e a tirar fuori dai guai la ragazza.

Si chiude con Roger Corman che dirige la pellicola Cinque colpi di pistola, ambientata nell'America della guerra di secessione. Un gruppo di banditi, assoldati dai confederati, si mette alla caccia di una spia e del denaro che porta con sé su una diligenza. Scoppia una lite furibonda tra il gruppo di malviventi che porterà il loro capo, che in realtà è un militare, a catturare la spia e consegnarla ai superiori.

MGM e la domenica delle Spy Stories

Fonte: Comunicato Stampa

Privacy Policy