Meryl Streep: i tanti volti di un'attrice senza eguali

Una carriera incredibile per l'attrice, che oggi soffia su 65 candeline. Da 'Manhattan' a 'The Doubt' un viaggio fotografico attraverso i suoi film più importanti e amati.

L'abbiamo vista nei panni di un'operaia e in quelli della temibile editrice di un importante magazine di moda, ma anche in quelli di una sopravvissuta all'Olocausto e quelli di una madre accusata di un delitto orribile. A 65 anni - li compie proprio oggi - Meryl Streep ci ha stregati con interpretazioni ormai leggendarie, per le quali ha indossato ogni volta i panni di donne diversissime tra di loro: rassicuranti o irrequiete, romantiche e avventurose, ambigue e gelide, ambiziose e frivole. Non staremo qui a parlare di quante volte sia stata candidata agli Oscar, ma ci limiteremo a dare spazio alle immagini delle sue interpetazioni più importanti - o comunque quelle che in qualche modo hanno lasciato il segno.

L'Academy non dovrebbe neanche più nominare Meryl Streep. Dovrebbero darle un premio ogni anno. Anzi, dovrebbe esserci una categoria riservata a Meryl Streep. (Sandra Bullock)

Leggi anche:
Le signore degli Oscar: Meryl e le altre
Tutti pazzi per Meryl

Si parte da Manhattan e Il cacciatore, i due film con i quali si è imposta all'attenzione della critica internazionale, e poi il viaggio prosegue con le pellicole più celebri tra quelle interpretate nei decenni successivi, fino ad oggi. Mentre Meryl si prepara ad interpretare Maria Callas - almeno secondo le ultime indiscrezioni questo dovrebbe essere uno dei suoi prossimi ruoli - riscopriamo i ruoli più rappresentativi della sua carriera.


Meryl Streep, i tanti volti di un'attrice senza eguali (15 foto)

1 di 15 Manhattan e Il cacciatoreCon Michael Cimino e Woody Allen, Meryl Streep si impone ufficialmente all'attenzione della critica e interpreta i suoi primi film importanti. Sul set de Il cacciatore dimostra di avere carattere e talento (prende le difese di John Cazale, che stava per essere licenziato dalla produzione solo perchè gravemente malato) e riceve la sua prima candidatura agli Oscar. Per Manhattan non ebbe nessuna candidatura, ma in compenso lo stesso anno vinse per Kramer contro Kramer e soffiò la statuetta a Mariel Hemingway, che ovviamente era candidata per il film di Allen in cui recitava anche lei.


Meryl Streep: i tanti volti di un'attrice senza...
Privacy Policy