Il 18° Future Film Festival dà il benvenuto agli alieni!


Un programma "extra" per festeggiare la maggiore età della rassegna bolognese dedicata al fantastico. In programma l'anteprima della pellicola d'animazione Extraordinary Tales.

Il 18° Future Film Festival dà il benvenuto agli...

Il FUTURE FILM FESTIVAL - primo e più importante evento in Italia dedicato alle tecnologie applicate all'animazione, al cinema, ai videogame e ai new media - diventa maggiorenne e annuncia il motto della 18. edizione, in programma a Bologna dal 3 all'8 maggio 2016: WELCOME ALIENS!

La terrificante 'Cosa' del film di Carpenter

E gli extraterrestri, a Bologna, saranno non soltanto i benvenuti (sul grande schermo così come nei laboratori per i più piccoli, nelle cinecene "a tema", nella maratona di scrittura di Bottega Finzioni e in uno speciale contest fotografico), ma gli assoluti protagonisti di un focus che, attraverso cinque significative tappe, vuole ripercorrere come si è evoluta nel corso dei decenni la rappresentazione cinematografica del rapporto tra terrestri e alieni: con un'attenzione speciale per il decennio d'oro della sci-fi, gli anni '50 (rappresentati da due titoli misconosciuti come Invasori dall'altro mondo di Edward Cahn e Ho sposato un mostro venuto dallo spazio di Gene Fowler Jr., ma rievocati anche dallo scatenato citazionismo di Mars Attacks! di Tim Burton), fino ad arrivare a un classico moderno come La cosa di John Carpenter e al capolavoro della fantascienza liberal degli anni '80, Fratello di un altro pianeta di John Sayles.

Dagli extraterrestri all'anteprima italiana - alla presenza del regista - di Extraordinary Tales di Raúl García, uno dei più ambiziosi progetti dell'animazione europea delle ultime stagioni. Non un semplice lungometraggio, ma una "antologia animata" che rilegge cinque capolavori di Edgar Allan Poe: La caduta della casa di Usher, La verità sul caso di Mr. Valdemar, Il pozzo e il pendolo, La maschera della morte rossa e Il cuore rivelatore. Cinque storie straordinarie (e da brividi) che Garcia - già noto agli appassionati di cartoon per il suo lavoro su titoli come Fantasia 2000, Hercules, Il gobbo di Notre Dame e Aladdin- ha scelto di raccontare attingendo agli stili visivi più diversi, ispirandosi ai maestri dell'arte del Novecento (da Egon Schiele a Roy Lichtenstein) per arrivare al cuore dell'universo di Poe. E affidando le voci del film a un cast "all star": dalle icone dell'horror Christopher Lee e Bela Lugosi ai registi Roger Corman e Guillermo del Toro.

Per informazioni: www.futurefilmfestival.org.

Gli alieni sullo schermo: 10 volti di esseri ostili e amichevoli
Dagli antieroi dark a Big Eyes: la Top 10 delle migliori performance nel cinema di Tim Burton
Privacy Policy