Dracula

1931, Horror

Dracula: stasera lo speciale su RaiStoria

Il conte transilvano nato dalla penna di Bram Stoker, e altri vampiri, sono protagonisti della puntata di Dixit in onda stasera su RaiStoria, alle ore 21.00.

Un divo nel mondo dell'ignoto, né morto, né vivo. Crudele ma anche romantico, assetato di sangue umano, prigioniero dello spazio intermedio di un tempo senza fine. Dracula, il conte transilvano nato dalla penna di Bram Stoker è il più amato tra i "mostri" dell'immaginario letterario di tutti i tempi ed il protagonista della puntata di Dixit in onda martedì 16 aprile alle 21.00 su Rai Storia.
Il cinema lo ingaggia fin dagli albori. Già nel 1922 F.W. Murnau gli regala il primo volto spettrale in attesa che Hollywood con Bela Lugosi lo consacri per sempre come mito dell'horror, il conte oscuro e terribile che di notte esce dal suo sepolcro a terrorizzare i vivi. Dice Massimo Introvigne, studioso delle religioni: "La storia di Dracula è tipica del mondo protestante e ortodosso: Germania e Paesi baltici. Mondi dove non esiste il purgatorio, quale territorio di mezzo."

Da tutti è condivisa tuttavia la paura dell'ignoto e il mistero del vampiro è destinato a scatenare una vera e propria mania. Di Dracula si impossessano maestri del cinema come Herzog, Polanski, Coppola, solo per citarne alcuni e il nostro Dario Argento con il suo Dracula 3D è l'ultimo a celebrarlo con l'aiuto della più avanzata tecnologia: "Mi sono ispirato al libro di Stoker, ma l'ho tradito dando una mia interpretazione. Per me erano importanti le creature in cui si trasformava..."

Non più mostruoso, non più oscuro principe della notte, il vampiro ha continuato a sbancare i botteghini. La saga di Twilight è un successo mondiale. Il vampiro "innamorato" non fa più paura ma diventa il mito romantico dei teenager, l'eroe buono. "In fondo - afferma Ada Neiger sociologa della letteratura - il vampiro è un archetipo, qualcosa di innato che si trova dentro ognuno di noi. Noi abbiamo gli stessi bisogni e gli stessi desideri dei vampiri, vogliamo affascinare...".
Se ancora oggi il mito sussiste significa che, come dice il giornalista e critico letterario Pietro Dorfles, "abbiamo ancora bisogno di sapere che chi è diverso da noi non è necessariamente peggio di noi".



Backstage Esclusivo - Dracula 3D

Dracula: stasera lo speciale su RaiStoria
Privacy Policy