Requiem for a Dream

2000, Drammatico

4.5
Requiem for a Dream (2000)
Genere
Drammatico
Durata
Regista
Uscita ORIG
(USA)

Sara è una casalinga sola e depressa che sogna di partecipare ad uno show televisivo, il suo unico figlio, Harry, è un tossicodipendente che passa le sue giornate alla ricerca di droga insieme all'amico Tyrone. La ragazza di Harry, Maryon, è una borghese annoiata e problematica, anche lei tossicodipendente. Quattro vite ai margini, quattro storie destinate a risolversi tragicamente.



#Requiemforadream: #Aronofsky e la metafora della dissoluzione del sogno americano, al contempo sublime e lugubre
Perché ci piace
  • Una potentissima rappresentazione allegorica della dissoluzione del sogno americano e del connesso mito della seconda possibilità.
  • Il film con cui Darren Aronofsky ha affermato il proprio grande talento, dopo l’ottimo esordio di Pi greco - Il teorema del delirio. Ad oggi, forse, resta ancora il suo lavoro più riuscito.
  • La forza espressiva della lunga macro-sequenza finale di 23 minuti in cui, attraverso un serrato montaggio alternato, viene mostrato il lugubre epilogo delle vicende dei quattro protagonisti.
  • La colonna sonora di Clint Mansell e l’ipnotico refrain del motivo musicale Lux Aeterna, in seguito riutilizzato in molti trailer di altri film.
Cosa non va
  • Nel disperante universo tratteggiato da Aronofsky il riscatto è impossibile: si tratta di un film durissimo, non per tutti e che in molti hanno evitato di vedere una seconda volta.

Le vostre recensioni