Quattro mosche di velluto grigio - curiosità

1971, Thriller

3.7
Curiosità e citazioni

Curiosità


  • Date di uscita e riprese - Quattro mosche di velluto grigio è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 17 Dicembre 1971; la data di uscita originale è: 21 Giugno 1973 (Francia).
    Le riprese del film si sono svolte nel periodo 20 Luglio 1971 - 22 Settembre 1971 in Italia.

    Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

    Incir De Paolis Studios, Roma, Italia
    Milano, Italia
    Roma, Italia
    Torino, Italia

    ● ● ●
  • La trilogia degli animali - La cosiddetta Trilogia degli Animali di Dario Argento è formata dalle sue prime tre pellicole degli anni Settanta: L'uccello dalle piume di cristallo, Il gatto a nove code e Quattro mosche di velluto grigio. Questi tre film non formano una "trilogia narrativa" ma hanno in comune solo gli animali presenti nei rispettivi titoli. Anche il film successivo a Quattro mosche, avrebbe dovuto avere un animale nel titolo, visto che il suo titolo provvisorio era La tigre dai denti di sciabola, poi si decise di intitolarlo Profondo Rosso.
    Considerato il successo dei primi tre film di Argento, molti thriller all'epoca furono intitolati in modo simile: La tarantola dal ventre nero, Il gatto dagli occhi di giada, Una farfalla con le ali insanguinate e così via.

    ● ● ●
  • Specifiche tecniche - Girato in: 35 mm. Proiettato in: 35 mm. Rapporto immagine: 2,35 : 1. Colore: a colori (Technicolor). Formato audio: Mono. Lingua originale: italiano.

    ● ● ●
  • Compositori - In principio Dario Argento pensò ai Deep Purple come compositori del film Quattro mosche di velluto grigio.

    ● ● ●
  • Rottura - Durante la lavorazione del film Quattro mosche di velluto grigio, Dario Argento e Ennio Morricone litigarono per l'esclusione di alcuni score chiesti dal regista. Quell'episodio segnò la fine della collaborazione di Morricone per Argento fino al 1996.

    ● ● ●
  • Un film 'samba-brasiliano' - "Un film samba-brasiliano": così Dario Argento definì, curiosamente, in un'intervista il suo film 4 mosche di velluto grigio, questo perchè l'ha diretto in un periodo in cui era molto felice e spensierato, nonostante stesse per separarsi dalla sua prima moglie Marilù Tolo.