Anime nere

2014, Drammatico

3.6
Anime nere (2014)
Genere
Drammatico
Durata
Regista
Uscita ITA

Anime Nere è la storia di tre fratelli, figli di pastori, vicini alla ndrangheta, e della loro anima scissa. Luigi, il più giovane, è un trafficante internazionale di droga. Rocco, milanese adottivo, dalle apparenze borghesi, imprenditore grazie ai soldi sporchi del primo. Luciano, il più anziano, che coltiva per sé l’illusione patologica di una Calabria preindustriale, instaurando un malinconico e solitario dialogo con i morti. Leo, suo figlio ventenne, è la generazione perduta, senza identità. Dagli avi ha ereditato solo il rancore e il futuro è un treno che per lui sembra già passato. Per una lite banale compie un atto intimidatorio contro un bar protetto dal clan rivale. In qualsiasi altra terra, sarebbe solo una ragazzata. Non in Calabria, tantomeno in Aspromonte. È la scintilla che fa divampare l’incendio. Per Luciano è di nuovo il dramma che si riaffaccia dopo tanti anni dall’uccisione del padre. In una dimensione sospesa tra l’arcaico e il moderno i personaggi si spingono fino agli archetipi della tragedia.



#AnimeNere è un ottimo esempio di gangster movie all'italiana
Perché ci piace
  • Francesco Munzi costruisce un universo cupo e violento senza scivolare nei cliché dei film legati alla criminalità organizzata.
  • L'uso degli ambienti e dei dialetti diversi è perfettamente funzionale alla creazione di un'identità filmica propria.
  • Gli interpreti sono tutti bravissimi, in particolare il giovane protagonista.
Cosa non va
  • Chi non ama leggere i sottotitoli potrebbe non apprezzare l'uso del dialetto.

Le vostre recensioni