Nat e il segreto di Eleonora

2009, Animazione

Recensione Nat e il segreto di Eleonora (2009)

Il regista francese e l'animazione italiana danno vita a un film grazioso e divertente, in cui la battaglia di Nat per superare i propri limiti si fa portavoce di una necessità universale: quella di non dimenticare l'importanza della fantasia, e di non sottovalutare la ricchezza della diversità.

Un piccolo passo per un bambino, un grande passo per l'umanità

Quando si diventa adulti, spesso ci si dimentica che, da piccoli, le favole non servivano semplicemente a farci addormentare. Creavano un vero e proprio mondo, più vivo e colorato di quello reale, nel quale era facile perdersi ed immaginarsi protagonisti di storie altrettanto fantastiche di quelle lette sui libri. Allo stesso modo, i personaggi di cui erano popolate diventavano dei veri e propri amici, con sogni e sentimenti come i nostri, e destini tutti ancora da determinare, non certo risolti da qualche riga di inchiostro sulla pagina.
Sarà proprio per preservare il futuro dei protagonisti delle favole che sarà chiamato in causa il giovane Nat, appassionato ascoltatore dei libri di fiabe ma, per la disperazione della madre e il divertimento della sorella, ancora incapace di leggerli autonomamente. Eppure è a lui che sarà lasciata in eredità la "stanza segreta" dell'amata zia Eleonora, che il ragazzino scoprirà essere per l'appunto piena zeppa dei più svariati volumi. Alla delusione per non poter godere del dono concessogli, però, lascerà presto spazio la sorpresa di vedersi investito di autorità da un'Alice, una Bella Addormentata e un Orco tutto fuorché immaginari.

Una scena del cartoon Nat e il segreto di Eleonora, in cartellone al Festival del Film di Roma 2009
Usciti dai loro tomi di appartenenza e dotati di tangibilità fisica, anche se di dimensioni ridotte, i personaggi delle fiabe che da sempre ama affidano a Nat, nuovo custode della biblioteca, il compito di leggere la formula magica che ne assicurerà la sopravvivenza, ignorando il fatto che il ragazzino non abbia ancora imparato a destreggiarsi con la parola scritta. Ma nonostante la strega cattiva non nutra alcuna speranza sulle possibilità di Nat di riuscire a leggere la formula in tempo, e anzi per punizione lo riduca alla sua stessa minuscola taglia, lui non si darà per vinto, e cercherà di scongiurare la minaccia che grava sui suoi amici, e che condannerebbe tutti i bimbi della terra a dover ascoltare soltanto storie vere.
Forse definire epica l'avventura di Nat e dei suoi piccoli compagni di viaggio potrebbe sembrare esagerato, ma, come un altro classico della letteratura per giovanissimi ci ha insegnato, l'oblio e il dominio del Nulla costituiscono un destino ben peggiore della morte. Il giovane protagonista, lottando per il diritto all'esistenza di personaggi che già occupano un ruolo sempre più irrilevante e sono condannati a sbiadire, combatte una battaglia non solo per se stesso, ma per tutti noi. Un mondo senza fantasia, senza sogni, è un mondo senza possibilità, dove niente potrà mai cambiare, e anche se Nat e il segreto di Eleonora è un film diretto prevalentemente ad un pubblico infantile, il concetto a cui fa capo può essere illuminante anche per gli accompagnatori adulti.

Una scena del cartoon Nat e il segreto di Eleonora, in cartellone al Festival di Roma 2009
Il percorso di Nat verso il superamento delle proprie difficoltà viene affrontato solo grazie all'intervento dei suoi compagni, tanto più preziosi perché diversi da lui, capaci di fargli vedere le cose da una diversa prospettiva; allo stesso modo, sarà il piccolo umano a disvelare la bontà nascosta anche nel più insospettabile dei cattivi romanzeschi. Lo sviluppo della storia e la caratterizzazione dei personaggi, inoltre, sono aspetti gestiti con la dovuta cura da Dominique Monfery, già collaboratore a progetti importanti quali il Tarzan e l'Hercules disneyani: tanto gli umani quanto gli abitanti del regno della fantasia sono tratteggiati con delicata ironia, e l'animazione, affidata allo studio italiano Lanterna Magica, non fa che accentuare il carattere fiabesco e garbato della pellicola. Il character design, che rimanda da vicino alle illustrazioni dei libri per l'infanzia, fa infatti del disegno a mano la sua arma vincente: un'altra buona occasione per lasciarsi andare all'atmosfera magica della storia di Nat, riscoprendo, insieme all'estetica del nostro passato, una lezione sempre valida per il futuro.

Recensione Nat e il segreto di Eleonora (2009)
Privacy Policy