Sangue e cemento

2009, Documentario

Al cinema, un meraviglioso weekend di colpi di fulmine... e d'accetta

La nostra Italia è protagonista del weekend cinematografico di Pasqua, tra morti bianche, terremoti, e storie d'amore. Ma per i Vanzina, 'La vita è una cosa meravigliosa'. In sala dal 2 aprile anche il 'Colpo di Fulmine' tra McGregor e Carrey, lo slasher 'Hatchet' e il fantascientifico 'Gamer'. Per i più piccoli sarà un fine settimana fantasioso con il piccolo Nicolas e Nat.

Si preannuncia un weekend davvero ricco di nuove uscite, per chi ha deciso di trascorrere la Pasqua al cinema: non solo film dedicati a tutta la famiglia, come prevedibile, ma pellicole di tutti i generi e riservate quasi ad ogni target di pubblico. Non manca infatti l'horror, la fantascienza, la gay comedy, il documentario di denuncia e l'immancabile commedia in salsa tricolore, interpretata da un cast brillante già collaudato.

Solitamente in questo periodo, si inizia a pensare già alle vacanze estive e a sognare di essere già al mare: Alessandro D'Alatri ci regala un anticipo d'estate con il suo ultimo film, Sul mare, che vede protagonisti attori emergenti da lui selezionati con attenzione particolare al curriculum: Dario Castiglio, Martina Codecasa, Nunzia Schiano, Vincenzo Merolla e Raffaele Vassallo, già visto in Fortapasc. Il film racconta la storia di Salvatore, un giovane di Ventotene che ama il mare e in estate accompagna i turisti con la sua barca, e d'inverno lavora in nero come muratore in un cantiere di Formia. Un'estate incontra Martina, una ragazza di Genova appassionata di immersioni subacquee, con la quale nascerà una storia d'amore. Proprio quando i due iniziano a fare progetti di vita e d'amore, Martina riparte per Genova e si rende irreperibile. (Leggi la recensione di Sul mare e l'intervista ad Alatri e al cast del film)
D'Alatri con il suo film, tocca anche il tema delle morti bianche, una delle questioni più vergognose e dolorose dell'attualità nostrana, che riempiono le pagine dei giornali ma ad oggi, restano restano irrisolte, come tante cose. Si parla ancora di attualità, ma con toni diversi, in pellicole come Sangue e Cemento e La vita è una cosa meravigliosa. Nel documentario realizzato dal Gruppo Zero, un collettivo di giornalisti, cineasti e comunicatori che producono documentari d'inchiesta per un'informazione corretta e libera da manipolazione, si riflette su numerose questioni che non hanno trovato risposta a un anno esatto dal sisma che ha distrutto L'Aquila e raso al suolo le cittadine limitrofe. Ci si chiede come mai il capoluogo abruzzese non sia stato inserito nella fascia 1 di pericolosità sismica, e in generale perchè non siano state disposte misure di sicurezza adeguate, neanche dopo l'inizio dello sciame sismico, pochi mesi prima. Perchè si continua a costruire con materiali scadenti, e a permettere le infiltrazioni della criminalità organizzata in zone sismiche e come mai le imprese che hanno costruito gli edifici crollati, vengono incaricate nuovamente di occuparsi della ricostruzione. Ma soprattutto, come mai la notte del 6 aprile 2009 siano morte 299 persone.

Vincenzo Salemme sul set del film La vita è una cosa meravigliosa
Toni diversi, dicevamo, per gli argomenti di attualità al centro della commedia vanziniana La vita è una cosa meravigliosa. Starà poi al pubblico decidere se è il caso di accettare il punto di vista dei due registi italiani, che per l'occasione hanno messo insieme un cast formato da Gigi Proietti, Nancy Brilli, Vincenzo Salemme, Enrico Brignano e Luisa Ranieri. Il film vede protagonisti diversi personaggi le cui vicende si intrecciano: Cesare, un poliziotto che si occupa d'intercettazioni e vive spiando le vite degli altri; Antonio, presidente di un importante gruppo bancario, al quale i politici chiedono con insistenza fondi neri per finanziare i loro impicci. Un'indagine unisce Antonio e Cesare ad altri personaggi, tra cui la figlia di Antonio, un giovane elettricista e una massaggiatrice innamorata di Cesare. (Leggi la recensione del film e l'intervista ai Vanzina e al cast)
Si resta nell'ambito dell'illegalità come spunto comico per il film Colpo di fulmine - Il mago della truffa, diretto da Glenn Ficarra e John Requa, che arriva finalmente nelle nostre sale dopo numerose traversie distributive. Il film racconta la vera storia di Steven Russell, che conduce una vita piuttosto ordinaria - è un poliziotto felicemente sposato e suona l'organo nella chiesa del paese in cui vive - fino a quando non si rende conto di essere gay, e di voler vivere la sua vita al massimo, anche a costo di infrangere la legge. Iniziando a vivere la sua nuova vita stravagante, Steven non esiterà ad imbrogliare chiunque per sbarcare il lunario, e alla fine verrà spedito al Penitenziario di Stato dove incontrerà l'amore della sua vita, un uomo sensibile e dai modi gentili che si chiama Phillip Morris. La sua determinazione a far uscire Phillip di prigione e a costruire una vita perfetta insieme, lo spingeranno a tentare, con successo, una serie di colpi impossibili. Fanno parte del cast del film Jim Carrey, Ewan McGregor, Leslie Mann e Rodrigo Santoro. (Leggi la recensione di Colpo di Fulmine e il nostro approfondimento sul cinema gay da Brokeback Mountain a oggi)

Gerard Butler in un'immagine tratta dal film Gamer
Si cambia completamente registro con Hatchet, l'omaggio agli slasher-movie degli anni '70 e '80 firmato da Adam Green e interpretato da un cast giovane impreziosito da camei di sicuro appeal, come quello di Robert Englund. E' la storia di un gruppo di ragazzi che nel giorno di Martedì Grasso, si imbarca per visitare le tetre paludi della Louisiana, che secondo la leggenda, sono infestate dallo spettro di Victor Crowley, un uomo gigantesco, orribilmente sfigurato, che fu ucciso per errore da suo padre. (Leggi la recensione di Hatchet)
Gli amanti del genere sci-fi possono invece puntare su Gamer, il film di Mark Neveldine e Brian Taylor che vede tra i suoi protagonisti Milo Ventimiglia, Gerard Butler, Michael C. Hall, John Leguizamo, Alison Lohman, Kyra Sedgwick e Amber Valletta. Ambientata in un cupo futuro dominato da ogni forma di tecnologia, la pellicola è incentrata su un'elite che controlla gli esseri umani attraverso elaborati e costosissimi videogames via web. Il miliardario Ken Castle è l'ideatore del controverso Slayers, un videogame che permette a milioni di persone di realizzare le loro fantasie più sfrenate davanti al pubblico della rete. Il gioco però si evolve in modo da portare al controllo e alla manipolazione della mente. (Leggi la recensione di Gamer)

Una scena del cartoon Nat e il segreto di Eleonora
Sono dedicati ai più piccoli invece (e non solo) due pellicole francesi in uscita domani: Nat e il segreto di Eleonora di Dominique Monfery e Il piccolo Nicolas e i suoi genitori, di Laurent Tirard. Protagonista del film d'animazione di Monfery, è Nat, che riceve in eredità da sua zia Eleonora una biblioteca ricca di volumi davvero particolari. Da ogni libro infatti, la notte fuoriescono i personaggi protagonisti della letteratura per bambini, che Nat dovrà proteggere. Se i personaggi dovessero lasciare la biblioteca, le loro storie potrebbero andare perdute per sempre e anche loro potrebbero sparire. Le cose si complicano quando i genitori di Nat decidono di vendere i libri. (Leggi la recensione del film)
Il piccolo Nicolas invece conduce un'esistenza tranquilla fino a quando intuisce che sua madre possa essere in dolce attesa. Preso dal panico, il ragazzino è convinto che l'arrivo del nascituro non consentirà ai suoi genitori di occuparsi di lui come hanno sempre fatto, e si vedranno costretti ad abbandonarlo in un bosco come Pollicino. nel cast della pellicola figurano Maxime Godart, Kad Merad, Valérie Lemercier, Sandrine Kiberlain e François-Xavier Demaison. (Leggi la recensione de Il piccolo Nicolas)

Colpo di fulmine - Il mago della truffa - Trailer Italiano

Al cinema, un meraviglioso weekend di colpi di...
Privacy Policy