Torno da mia madre: quarantenni in panne

Eric Lavaine affida alla leggerezza della commedia francese il racconto della cosiddetta "generazione boomerang", quarantenni costretti a tornare a vivere con i genitori dopo un licenziamento o un fallimento sentimentale. Peccato che non riesca a osare fino in fondo.

Torno da mia madre: quarantenni in panne
Torno da mia madre

2016 – Commedia
2.8 2.8

Quarantenni disoccupati, spesso con un matrimonio fallito alle spalle, figli da mantenere e costretti a fare ritorno al nido materno con una vita da rimettere in piedi e un'identità da riconquistare. Li hanno definiti "generazione boomerang", un fenomeno che oggi investe soprattutto i paesi del Sud Europa a partire dalla Francia dove ha coinvolto fino ad oggi almeno quattrocentomila adulti, l'esatto opposto della "generazione Tanguy", quelli che invece dal focolare domestico proprio non hanno voglia di separarsi.

Torno da mia madre: Alexandra Lamy e (di spalle) Josiane Balasko in una scena del film

A raccontarcela è Eric Lavaine con Torno da mia madre che affida i toni della narrazione alla compostezza della commedia francese e ancora una volta come nel precedente Barbecue, in cui i protagonisti sono un gruppo di amici, ad interessarlo sono le relazioni tra i personaggi, ma qui il campo di battaglia per la resa dei conti è il tradizionale nucleo familiare.

Contenuto pubblicitario

Comiche convivenze

Torno da mia madre: Alexandra Lamy in un momento del film

Elemento catalizzatore di duelli, schermaglie e rivelazioni catastrofiche è Stephanie (Alexandra Lamy) 40 anni, architetta, donna di successo, che dopo il divorzio e all'improvviso senza lavoro si ritrova a dover tornare a vivere dalla madre Jacqueline (Josiane Balasko), eccentrica signora che riempie le proprie giornate ascoltando Francis Cabrel e giocando a Scarabeo. Una convivenza che presto la metterà a dura prova tra caffè solubili, l'ingombrante presenza di un gatto, spazi da ridefinire, colazioni da 'programmare' secondo precisi rituali e una casa troppo calda per le sue abitudini, senza contare i bizzarri comportamenti della madre, piccole bugie che si riveleranno necessarie a Jacqueline per nascondere ai propri figli la sua rinata vita sessuale con un nuovo compagno.

Torno da mia madre: Alexandra Lamy e Josiane Balasko in un'immagine tratta dal film

La prima parte del film scorre così senza intoppi puntando sul registro comico interamente consegnato agli spumeggianti siparietti tra le due attrici: il duetto regala i momenti più riusciti del film, un mix di grazia e ironia che raggiunge l'apice in alcune scene non molto distanti dal reale quotidiano come quella in cui Stephanie insegna alla propria madre a usare una email. In scena Lamy e Balasko si rincorrono, si fanno da spalla a turno, dettano ritmi e tempi della messa in scena, strappano risate rivelando un'empatia di rara finezza, e non potrebbe essere diversamente se come ci confessa la stessa Lamy: "Veniamo dalla stessa scuola, abbiamo fatto entrambe molte commedie. Io e Josiane abbiamo lo stesso ritmo, andiamo veloci e insieme facevamo sempre delle proposte sul set". Chapeau.

Torno da mia madre: Josiane Balasko e Didier Flamand in una scena del film

Fratelli coltelli: verso il melo familiare

Torno da mia madre: Mathilde Seigner, Alexandra Lamy e Philippe Lefebvre in una scena del film

Peccato che il tono del film nella seconda parte viri bruscamente sul melò familiare senza una soluzione di continuità sacrificando la schiettezza delle premesse e abbandonando la dimensione realistica a favore di un regolamento di conti in quel microcosmo di piccole faide che a volte è la famiglia. Così davanti una tavola imbandita per il pranzo di Pasqua che riunirà tutti i fratelli, i conflitti irrisolti, le fragilità di madre e figli e i segreti taciuti per decenni dopo la morte del padre, genereranno un cortocircuito che condurrà dritti verso un happy ending catartico. Vanificando in parte lo sforzo di spregiudicato realismo tentato dalla scrittura durante la prima parte della storia.

Elisabetta Bartucca
Redattore
2.5 2.5
Non sposate le mie figlie! e gli altri fenomeni francesi degli ultimi dieci anni
Torno da mia madre, clip esclusiva del film di Éric Lavaine
Privacy Policy