Twin Peaks, Brett Gelman: "Avevo paura di chiedere a David Lynch del mio personaggio"

L'interprete del direttore del casinò Burns ha raccontato la sua esperienza nello show cult di Showtime, dal provino atipico, al clima sul set fino alle domande irrisolte sul suo personaggio.

Brett Gelman è arrivato sul set di I segreti di Twin Peaks per interpretare Burns, il direttore di un casinò dove uno stordito Dale Cooper (Kyle MacLachlan) inizia a vincere un jackpot dietro l'altro. I 18 nuovissimi episodi della serie cult di David Lynch sono stati circondati da uno spesso alone di segretezza, e anche gli attori sono stati tenuti all'oscuro di tutto, Gelman ha raccontato la sua esperienza a Indiewire:

Leggi anche: Twin Peaks: David Lynch sfrutta la nostra nostalgia e ci prende in giro. E ben ci sta!

"Il provino è stato solo una chiacchierata rilassata, non ho dovuto leggere nulla e Lynch non era presente. Non avevo idea di cosa si trattasse, è stata solo una conversazione. Qualche giorno dopo mi hanno detto che ero stato preso per il ruolo del direttore Burns. Non sapevo cosa volesse dire, non so come il signor Lynch mi abbia selezionato ed ero troppo intimidito da lui per chiederglielo."

I segreti di Twin Peaks: David Lynch discute con Miguel Ferrer e Chrysta Bell

Qualche giorno prima delle riprese, Gelman ha ricevuto la sceneggiatura, ma solo le scene in cui sarebbe dovuto comparire accompagnate da una nota per sottolineare quanto fosse fondamentale non divulgare nulla, neanche la sua stessa partecipazione allo show. Alla fine di ogni scena, la produzione avrebbe ritirato i fogli distribuiti per poi distruggerli e farli sparire dalla circolazione. Gelman ha raccontato del sorprendente clima sul set:

"Non c'era nessuna ansia, era tutto molto rilassato e aperto. Tutti erano molto felici di far parte di Twin Peaks. Per molti era un vero e proprio sogno e Lynch è una persona intensamente positiva. Molte volte gli attori comici sono discriminati, la gente pensa che non riescano a fare altro invece di pensare che ciò che facciamo di solito sia davvero difficile."

Leggi anche: Mulholland Drive: è davvero il miglior film del 21esimo secolo?

Riguardo il lavoro con Lynch, Gelman afferma:

"Mi ha detto 'Sei in grande pericolo. Quest'uomo sta sbancando nel tuo casino. Non sai cosa sta accadendo e come faccia a vincere tutto. Devi provare a capirlo ma non puoi'. Lynch è un eroe, trovo che i suoi lavori siano inquietanti e divertenti, ma molti vedono solo il lato disturbante dei suoi film. Non sapevo in che episodio sarei comparso, sto seguendo la serie in tv e finora è pura arte surrealista in televisione, ancora più delle altre stagioni."

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Twin Peaks, Brett Gelman: "Avevo paura di...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Twin Peaks: il gelato italiano ispirato alla Loggia Nera conquista Kyle MacLachlan
Twin Peaks a Cannes: applausi in sala e David Lynch si commuove