Roberto Aguirre-Sacasa lancia un appello: "Non ho notizie di mio padre da 10 giorni, arrestato in Nicaragua"

Roberto Aguirre-Sacasa, lo showrunner di Riverdale, ha lanciato un appello per avere informazioni sul padre che è stato arrestato in Nicaragua.

NOTIZIA di 06/08/2021

Roberto Aguirre-Sacasa ha lanciato un appello nella speranza che qualcuno abbia delle informazioni su quanto accaduto al padre, scomparso da dieci giorni in Nicaragua e probabilmente tenuto in custodia dalle autorità.
Francisco Aguirre-Sacasa è stato dal 1997 al 2000 l'ambasciatore del Nicaragua negli Stati Uniti e ha poi avuto il ruolo di ministro degli esteri.

Lo showrunner di Riverdale ha dichiarato: "Mio padre ha avuto una carriera politica e recentemente ha lavorato come esperto e giornalista occupandosi dello stato del Nicaragua e i suoi rapporti con altre nazioni. Ha criticato apertamente l'attuale regime del Presidente Daniel Ortega che insieme a sua moglie sta governando con l'incarico di vicepresidente".
Roberto Aguirre-Sacasa ha sottolineato: "Circa 10 giorni fa stavo tornando a Los Angeles dall'East Coast dove stavo valutando delle location da usare per le riprese di Pretty Little Liars quando ho ricevuto una chiamata di emergenza da parte di mia sorella Georgiana. Mi ha detto che mio padre era stato arrestato o rapito mentre stava guidando con mia madre verso il Costa Rica per imbarcarsi su un volo con destinazione Washington, dove mio padre dovrebbe sottoporsi a un'operazione chirurgica".

La situazione sembra piuttosto grave perché il passaporto di Francisco Aguirre-Sacasa è stato sequestrato dalle autorità al confine, come ha raccontato Georgiana: "Dopo 15-20 minuti è stato diffuso un comunicato in cui si dichiarava che nostro padre era indagato per tradimento ed era un nemico dello stato".
Il padre di Roberto sarebbe dovuto tornare a casa, per attendere gli sviluppi del caso, ma è stato invece fermato dalla polizia e arrestato. Da quel momento i figli e la famiglia non hanno più avuto informazioni e la moglie ha trovato la casa completamente sottosopra, scoprendo inoltre che i loro documenti e computer erano stati portati via dagli agenti di polizia.

Il produttore ha aggiunto: "Crediamo che sia in stato di fermo come prigioniero politico come circa altre 30 persone che sono state arrestate negli ultimi mesi in modo simile dopo le elezioni avvenute a novembre. L'attuale amministrazione sta arrestando chiunque abbia cercato di andare contro Ortega o abbia parlato in modo negativo di lui o richiesto un'elezione democratica. Sono scomparsi. Crediamo si trovi nella famigerata prigione chiamata El Chipote dove mia madre è andata ogni giorno portando cibo, acqua e medicine per mio padre. Ogni volta le viene negata la possibilità di incontrarlo e rifiutano il cibo e i medicinali".

La famiglia ha cercato di coinvolgere le autorità americane e le organizzazioni che si occupano di diritti umani. Roberto Aguirre-Sacasa ha sottolineato inoltre che sta cercando di portare al centro dell'attenzione quello che sta accadendo in Nicaragua, con la speranza che a suo padre vengano concessi gli arresti domiciliari e che gli permettano di assumere le medicine: "Nostro padre è anche un nonno, un fratello e un figlio. Vogliamo che vada a casa in sicurezza".