Facebook

House of The Dragon: Emma d'Arcy risponde alle critiche sulla scena del parto

La star di House of The Dragon, Emma d'Arcy, ha affermato che la scena del parto di Rhaenyra è stata "brutale ma necessaria"

House of The Dragon: Emma d'Arcy risponde alle critiche sulla scena del parto

Con la fine della stagione di debutto di House of The Dragon sono nate alcune polemiche che riguardano alcune scene particolarmente cruente. Nelle 10 puntate che compongono la serie abbiamo assistito a una rappresentazione brutale e violenta dei fatti, perfettamente in linea con quanto visto ne Il Trono di Spade, ma non sono solo le battaglie i massacri a far discutere, quanto piuttosto le scene che riguardano il parto femminile.

Le donne sono risultate le vere protagoniste della serie, che ne analizza punti di forza e debolezze in un mondo governato da uomini e da una politica prettamente maschile, ed elementi come la sessualità e il parto risultano centrali nella storia di Rhaenyra e Alicent. Molti fan hanno però criticato a gran voce la violenza rappresentata in House of the Dragon, in particolare i risultati spesso mortali del parto medievale

Emma d'Arcy difende la rappresentazione veritiera di un momento intimo come il parto

È proprio Emma D'Arcy, che nella serie dà il volto a Rhaenyra, a interpretare una delle scene di parto più cruente e violente di tutta la stagione. Ed è sempre lei a rispondere alle polemiche in un'intervista a GQ, andando contro "l'idea che non dovremmo vedere le donne in travaglio rappresentate con un realismo grintoso, con sangue e placenta". Il parto è sì in molti casi un evento felice, un "miracolo della vita" e una bellissima esperienza, ma l'atto fisico del parto può essere brutale, traumatico e fisicamente logorante.

House of the Dragon come Succession: l'eredità per il Trono si gioca in famiglia

Molte donne hanno parti sereni, gestibili e senza intoppi, ma per molte altre purtroppo l'esperienza è più simile a quanto raffigurato in House of The Dragon di quanto si immagini. Emma d'Arcy si è quindi stupita e arrabbiata con le critiche mosse da questo punto di vista alla serie, sottolineando come uno dei principali punti di forza di House of The Dragon (e del Trono di Spade) sia sempre stato quello di "includere grandi e cruente sequenze di battaglie". "Sembra quindi - prosegue l'attrice - che vogliamo le donne si conformino a una certa immagine".

A volte la vita porta con sé difficoltà incommensurabili e il parto è una di queste per molte persone. Emma d'Arcy prosegue parlando del suo approccio alle scene di parto: "Trovo che sia interessante, per quel che mi riguarda dal punto vista della recitazione, perché c'è inoltre molto divertimento nel dover intepretare le sequenze davvero fisiche, che ti richiedono un grande impegno fisico. Ed è interessante che forse alle volte non venga concesso ai personaggi femminili."