L'assedio di Sarajevo nella nuova puntata di Ossi di seppia, da oggi su RaiPlay

La nuova puntata di Ossi di seppia, quello che ricordiamo, disponibile da oggi su RaiPlay, è dedicata al lungo assedio di Sarajevo, cominciato il 5 aprile 1992 e terminato il 29 febbraio 1996

NOTIZIA di 22/03/2022

L'assedio di Sarajevo è al centro della nuova puntata di Ossi di seppia, disponibile da oggi su RaiPlay.
L'orrore comincia nella capitale della Bosnia-Erzegovina il 5 Aprile del 1992.. Lo stesso orrore si ripete, in questi giorni, in un'altra incredibile guerra. Orrore che si intuisce, senza distinzioni di tempo, nelle immagini delle bombe che fanno stragi, in quelle di famiglie distrutte, di bambini senza più sogni, di soldati armati, di città accerchiate e bombardate ubriache di disperazione e sangue.

Sarajevo Ragazza Che Corre  Mario Boccia
Saralevo Ali Pasno Polje  Mario Boccia
Sarajevo Benazir  Mario Boccia

Immagini come quelle scattate da Mario Boccia, fotoreporter di guerra, che nella puntata di Ossi di Seppia, quello che ricordiamo racconta di quella città dove il tempo sembra essersi fermato. "Riesco a tornare a Sarajevo a metà dicembre del '92 seguendo una manifestazione di pacifisti italiani. Si chiamava la marcia dei cinquecento. Era una colonna di autobus che parte dall'Italia e, dopo aver contattato tutte le parti in conflitto, ottiene il permesso di entrare nella città assediata per fare una manifestazione per la pace. La città è deserta, posti di blocco, cavalli di frisia, palazzi bucati da ogni genere di proiettili. Sarajevo in quel momento è così: c'è silenzio, interrotto da esplosioni. Ed è buio, senza luci per le strade... Facendo il fotografo, facendo il giornalista, facendo l'inviato di guerra tu sei per scelta davanti al dolore degli altri. Lo vedi. Lo puoi sentire. Lo puoi intuire. Ma la reazione è una tua scelta!".

L'assedio di Sarajevo, durato fino al 29 febbraio 1996, durante la guerra in Bosnia ed Erzegovina, è stato il più lungo nella storia bellica della fine del ventesimo secolo. Si stimano oltre 12.000 vittime e oltre 50.000 feriti. Per il grande numero di morti e per la migrazione forzata, nel 1995 la popolazione si ridusse del 64% rispetto a quella pre-bellica.