Isekai: benvenuti nel vostro nuovo mondo

Isekai: da Sword Art Online a Vita da Slime, scopriamo il nuovo genere dell'animazione giapponese che sta conquistando il mondo.

APPROFONDIMENTO di MASSIMILIANO CIOTOLA 14/02/2020
Sword Art Online. Ordinal Scale – The Movie: una scena del film d'animazione
Sword Art Online. Ordinal Scale – The Movie: una scena del film d'animazione

Il rutilante mondo degli anime, i "cartoni animati giapponesi", funziona a ondate: temi che incontrano il favore del pubblico e diventano rappresentativi dell'intero genere. Tra gli anni '70 e '80 fu la volta dei robot giganti, poi toccò alle maghette, poi venne il periodo delle commedie sentimentali... Se siete appassionati di animazione e videogiochi giapponesi, se siete tra quelli che attendono con ansia l'ultima stagione di Sword Art Online, saprete che adesso è il turno degli Isekai (letteralmente "mondo diverso"), un fenomeno letteralmente esploso negli ultimi anni e che rappresenta, al momento, la fetta più consistente della sterminata produzione di anime televisivi (e cinematografici), manga, light novel... per tacere dei videogames e del merchandising correlato. Se invece gli Isekai sono per voi un "mondo distante" (pun intended!), ma volete capire cosa sta appassionando milioni di spettatori e giocatori in tutto il mondo, eccovi una rapida guida introduttiva al genere e ai suoi esponenti più famosi... e bizzarri!

Cos'è un Isekai?

Ready Player One: un momento d'azione del film
Ready Player One: un momento d'azione del film

L'Isekai è un sottogenere del genere fantastico. Principalmente fantasy, ma non si disdegna qualche puntata nella fantascienza. Si tratta di una storia ambientata in un altro mondo, spesso un mondo magico, in cui il nostro (o la nostra) protagonista si ritrova catapultato suo malgrado. Il "nuovo mondo" può essere una dimensione alternativa a tutti gli effetti, o anche una realtà virtuale perfettamente simulata, in cui l'eroe/eroina dovrà acquisire e utilizzare nuove abilità e armi speciali per sopravvivere. In Occidente abbiamo avuto diversi esponenti di questo tipo di racconto. Possiamo citare, giocando un po' con la definizione, Alice nel Paese delle Meraviglie, la saga del Mondo di Oz, e persino Uno yankee alla corte di Re Artù di Mark Twain. In ambito cinematografico, a parte i vari film in cui un giovane teenager americano finisce nella Cina delle leggende (come ne Il Regno Proibito, con Jackie Chan e Jet Li), gli esempi più evidenti di Isekai, sebbene in chiave fantascientifica, sono senza dubbio Tron e il più recente Ready Player One di Steven Spielberg.

Ready Player One: tutti gli omaggi, le citazioni e gli Easter Eggs nel film

Magic
Magic Knight Rayearth: un'immagine dell'anime

Ma è dal Giappone che arriva l'ondata più consistente: se il primo esempio di "protagonista umano che combatte in un mondo parallelo" può essere individuato già in Aura Battler Dunbine, creato nel 1983 da Yoshiyuki Tomino, il genere inizia a diventare famoso tra la fine degli anni '80 e la metà degli anni '90, con titoli come El Hazard, Magic Knight Rayearth o Mashin Hero Wataru, per essere infine "codificato" nei suoi elementi principali dalla serie di videogiochi ed anime .hack ed esplodere definitivamente con SAO, altrimenti universalmente noto come Sword Art Online. Quello che differenzia un Isekai da un fantasy "classico", come ad esempio È sbagliato cercare di incontrare ragazze in dungeon? (che comunque condivide molti aspetti di un Isekai) è una dichiarata dicotomia tra due mondi distinti: da una parte il mondo "vero", dall'altra una realtà fantastica in cui il protagonista si ritrova, volontariamente o meno. Un' altra delle particolarità del genere Isekai sta nel fatto che, di solito, il protagonista passa da una condizione di disadattamento più o meno grave nel mondo "reale" (spesso si tratta di nerd, geek o anche hikikomori che vivono isolati nelle proprie stanze, totalmente dediti a videogame e anime) a impersonare un grandioso eroe - o una micidiale macchina di distruzione - nella nuova realtà.

Sword Art Online: Il protagonista Kirito
Sword Art Online: Il protagonista Kirito

Insomma: vuoi perché sfrutta il vantaggio di un pensiero moderno e scientifico, o perché conosce a menadito tutti i "meccanismi" del genere, o perché viene favorito da un Potere Supremo (la famosa questione del "Prescelto") o semplicemente per colossali colpi di fortuna, il protagonista si trasforma rapidamente da sfigato qualsiasi a entità più pericolosa e potente di quel mondo. O qualcosa che ci va molto vicino. Probabilmente uno dei motivi del grande successo di questo tipo di storia consiste nell'aver dato ad almeno un paio di generazioni di smanettoni l'idea che la valanga di nozioni accumulate nel corso di anni da nerd possano essere effettivamente utili. Se non in questo mondo, almeno in un altro.
Ovviamente su questo canovaccio iniziale possono essere imbastite decine di variazioni sul tema, ed è esattamente quello che gli autori giapponesi stanno facendo.

Sword Art Online

Sword Art Online. Ordinal Scale – The Movie: un'immagine del film animato
Sword Art Online. Ordinal Scale – The Movie: un'immagine del film animato

Nel 2002 un giovane autore giapponese, Reki Kawahara, inizia la pubblicazione di una web novel con le illustrazioni dell'artista abec. Quello che non può immaginare è che nell'arco di pochi anni la sua creazione diventerà un fenomeno commerciale da 20 milioni di copie, diverse serie d'animazione, film per il cinema e addirittura una serie live-action nei piani di Netflix. Il protagonista è Kazuto Kirigaya, un normale studente delle superiori nell'anno 2022, che attraverso il suo avatar "Kirito" vive diverse avventure in un nuovo ed eccezionale MMORPG virtuale (Massively Multiplayer Online Role-Playing Game), Sword Art Online, appena lanciato sul mercato e ancora in fase di Beta Testing. Ma SAO è in realtà una micidiale trappola orchestrata, per fini ignoti, dal suo creatore Akihiko Kayaba: una volta iniziato il gioco vero e proprio, ai giocatori non sarà concesso di disconnettersi. Per di più, la morte all'interno del gioco equivale alla morte anche del proprio corpo fisico! Così, in un mondo che pullula di mostri e terribili minacce, Kirito sarà costretto a battersi per trovare una via di fuga. Al suo fianco, per fortuna, ci sarà la bellissima Asuna Yuuki, soprannominata "La Saetta" per la sua straordinaria abilità di spadaccina, con il quale Kirito stringerà un profondo legame affettivo. Grazie al grande successo di pubblico, la serie Sword Art Online si è arricchita di sequel e spin-off, allargando la cerchia dei personaggi e dei mondi virtuali in altri reami fantasy o di guerriglia urbana con lo spin-off Gun Gale Online, includendo persino la Realtà Aumentata nel film per il grande schermo Ordinal Scale. Attualmente in Giappone sono in attesa della conclusione della terza serie di Sword Art Online: Alicization, in cui viene ulteriormente approfondito il concetto di "Vita virtuale artificiale" che era già apparso in precedenza, mentre in Italia la serie è disponibile su Netflix (SAO, Gun Gale Online e il film Ordinal Scale) e su Amazon Prime Video (Alicization).

Sword Art Online: 5 cose che (forse) non sapete sulla saga a tema videoludico

Overlord

Overlord
Overlord: Un'immagine tratta dall'anime

Uno dei più famosi videogiochi online, Yggdrasil, sta per chiudere i battenti. Uno dei suoi storici giocatori, che nel videogame è un potentissimo mago non-morto (un Lich, se siete cultori del genere) di nome Momonga, aspetta fino all'ultimo secondo prima di chiudere definitivamente la sessione. Alla chiusura dei server, Momonga scopre di essere ancora all'interno del gioco, e per di più di essere praticamente bloccato nel suo avatar virtuale. A capo della sua spaventosa gilda di mostri, che lo adora come se fosse una divinità, Momonga inizia così la sua scalata per diventare un vero Signore Oscuro e incontrastato dominatore del mondo. Se in SAO il protagonista è il classico eroe senza macchia e senza paura (a volte anche troppo perfettino), in questo caso abbiamo un protagonista che, libero dai limiti etici e morali del "mondo reale", si lancia in piani machiavellici e oscuri complotti pur di affermare il proprio potere, senza farsi troppi scrupoli a eliminare chiunque gli si ponga davanti. La serie riesce a miscelare bene sia l'aspetto più comico con momenti drammatici e infarciti di pura, grottesca cattiveria. Anche Overlord nasce come serie di light novel creata da Satoshi Oshio, e illustrata da Hugin Miyama, e anche in questo caso parliamo di uno straordinario successo di pubblico. In Italia Overlord è disponibile su Netflix.

Netflix: 23 serie anime da vedere e rivedere

Saga of Tanya of the Evil

Tanya Of The Evil 2
Saga of Tanya of the Evil: un'immagine tratta dall'anime

Se pensavate che il protagonista di Overlord fosse un Vero Cattivo, preparatevi a fare la conoscenza della piccola Tanya! Dietro l'ingannevole apparenza di una fragile e minuta ragazzina bionda si nasconde infatti un vero e proprio mostro assetato di sangue e potere. Nel Giappone contemporaneo un dispotico dirigente d'ufficio, ateo convinto, muore a causa di un incidente e viene condannato da una divinità, da lui denominata "Essere X", a reincarnarsi in un altro mondo per pentirsi delle sue malefatte e accettare la sua condizione di inferiorità nei confronti del Divino. Questo nuovo mondo è una sorta di versione fantasy e steam-punk dell'Europa alle porte della Prima Guerra Mondiale, in cui la magia esiste e viene sfruttata come risorsa dai vari eserciti, un periodo pieno di pericoli e difficoltà. Ma le cose non vanno per nulla come programmato: la piccola Tanya, infatti, si guarda bene dall'accettare passivamente la punizione divina e decide di usare ogni mezzo per sottrarsi al giudizio dell'Essere X. Grazie alle sue incredibili doti magiche, alle sue tattiche spregiudicate e soprattutto alla sua granitica determinazione che spesso sfocia in una sadica violenza irrefrenabile, Tanya scalerà rapidamente i vertici militari dell'Impero, applicando tattiche e strategie innovative pur di annientare tutti i suoi nemici. L'ideatore di Yojo Senki - The Saga of Tanya the evil, è Carlo Zen, coadiuvato dalle splendide quanto inquietanti illustrazioni di Shinobu Shinotsuki.

Drifters

Drifters 2
Drifter: Un'immagine dell'anime

Proseguiamo la carrellata dei "bad boys" con Drifters, manga creato da Kouta Hirano, già autore del violentissimo Hellsing. In questo caso il "mondo distante" è un mondo fantasy, popolato da elfi, nani e altre creature, nel quale vengono inviati più micidiali condottieri e combattenti del nostro mondo. Nel momento della loro morte, infatti, questi personaggi vengono selezionati come "Drifters" da un inquietante e laconico impiegato, e trasportati in questa nuova e strana realtà dove dovranno unire le loro forze per impedire ai malvagi "Ends" di provocare la distruzione di tutto. Il punto di forza di Drifters, sia il manga che la serie animata, disponibile su Amazon Prime Video, è sicuramente il ricchissimo parterre di personaggi - dal samurai Toyohisa Shimazu al celeberrimo Nobunaga Oda, da Scipione l'Africano a Butch Cassidy - fino a un'inquietante figura dai contorni messianici e le mani piagate da stimmate -, oltre a una frenetica sequenza di scontri sempre più estremi e violenti.

Vita da Slime

Vita Da Slime
Vita da slime: Una scena dell'anime

Satoru Mikami è un normale salaryman giapponese che, per salvare un suo collega da un'aggressione, finisce accoltellato a morte. Ma la sua avventura è appena iniziata: il suo spirito viene infatti trasferito in un incredibile mondo fantasy. Solo che, anziché reincarnarsi in un forte guerriero, Satoru rinasce come... slime, uno dei più infimi e deboli mostri della tradizione fantasy. Ma Satoru non si dà per vinto e, grazie a una lunghissima sessione di grinding (per i profani: ripetere continuamente azioni basilari come l'uccisione di mostri deboli o la raccolta di risorse di base per aumentare il più possibile il proprio livello di potenza) e alla Skill "Predatore", che gli consente di acquisire i poteri delle creature che consuma, Satoru, adesso ribattezzato "Limur Tempest", diventa in breve una creatura dotata di poteri formidabili e con un gran numero di seguaci e compagni. Anche in Tensei Shitara Slime Datta Ken, serie di light novel creata da Fuse e illustrata da Mitz Vah, ritroviamo alcuni degli elementi più comuni degli Isekai, inclusa l'impostazione dichiarata da JRPG (Gioco di Ruolo Giapponese) con tanto di menù digitali richiamabili dal personaggio principale per selezionare armi, incantesimi e abilità.

E tutti gli altri...

Okaa San Online
Okaa-san Online: Un'immagine dell'anime

La lista degli Isekai è sterminata e il genere sta conoscendo, ormai da diversi anni, il suo momento d'oro, tanto da aver costretto la famosa casa editrice Kadokawa ad estrometterlo dalla lista per ricerca di nuovi titoli da pubblicare già nel 2017. Si possono trovare titoli per tutti i gusti: partendo da quelli più dichiaratamente comici e paradossali come Okaa-san Online (Do You Love Your Mom and Her Two-Hit Multi-Target Attacks?), in cui il protagonista è costretto a vivere le sue avventure in compagnia della giovane e avvenente madre, a digiuno di ogni nozione "da nerd" ma al tempo stesso incredibilmente potente, o Kemono Michi: Rise Up, anche questo disponibile si Amazon Prime Video, in cui a essere evocato come eroe è un fortissimo lottatore mascherato di wrestling giapponese, con una venerazione ossessiva per tutti gli animali, incluse naturalmente le più pericolose e letali bestie fantastiche.

Da Re-Creators a Beatless: 5 serie TV anime da vedere su Amazon Prime Video

Bofuri
Bofuri: una scena dell'anime

Se invece amate le protagoniste carine e, più in generale, l'estetica kawaii non potete perdere Bofuri (Itai no wa Iya nano de Bōgyoryoku ni Kyokufuri Shitai to Omoimasu, traducibile grossomodo come "Non voglio farmi male, per cui alzerò al massimo la difesa"), dove la tenera protagonista Kaede, alla sua prima esperienza con un gioco di ruolo virtuale, decide di utilizzare tutti i suoi punti per una sola caratteristica: la resistenza. Questo la renderà lenta, goffa e impacciata... ma assolutamente invulnerabile a ogni attacco. Se prediligete un approccio più maturo e una caratterizzazione meno manichea dei personaggi, il nostro consiglio è per lo splendido Log Horizon, in cui la componente strategica ha un ruolo rilevante, o Rise of the Shield Hero (Tate no Yusha no Nariagari), in cui al malcapitato protagonista tocca in sorte essere evocato come "Eroe dello Scudo", ovvero il più debole del gruppo degli eroi destinati a salvare il mondo, e al tempo stesso al centro di un terribile complotto che lo costringerà a una serie di terribili prove e umiliazioni. Insomma: se amate l'idea di vivere in un altro mondo, che sia popolato da draghi ed elfi o sconvolto dalla guerra, che sia un videogame in realtà virtuale o una dimensione parallela, ci sarà sicuramente un Isekai che vi soddisferà.