10 fiabe travisate dalla Disney

Da La sirenetta a La bella addormentata nel bosco: ecco tutte le fiabe travisate dalla Disney che, se si fosse attenuta al materiale originale, sarebbero diventate film molto diversi (e decisamente non adatti ai più piccini).

CLASSIFICA di 20/10/2020
Una scena di Biancaneve e i sette nani
Una scena di Biancaneve e i sette nani

Che la Disney abbia adattato le fiabe della tradizione nei suoi film per renderle più digeribili al pubblico dei più piccini è cosa nota: il "...e vissero felici e contenti" con cui siamo abituati a chiudere le storie più conosciute, nelle favole scritte da Hans Christian Andersen, dei fratelli Grimm e da tutti gli altri andrebbe infatti spesso sostituito con morti improvvise, mutilazioni, inganni e torture. In questo articolo abbiamo deciso di indagare su come sarebbero stati i Classici della casa del Topo se si fossero attenuti un po' di più al materiale originale: da La Sirenetta a Biancaneve, da La bella addormentata a Rapunzel, ecco 10 fiabe travisate dalla Disney.

1. La Sirenetta (1989)

Una scena del film d'animazione La sirenetta
Una scena del film d'animazione La sirenetta

Cominciamo la nostra lista di fiabe travisate dalla Disney con uno dei loro Classici più conosciuti ed amati: La Sirentetta. L'omonima favola di Hans Christian Andersen è decisamente più dark e violenta della versione immaginata dalla Casa del Topo. Nella versione originale Ariel (che si chiama semplicemente "la Sirenetta") non perde solo la voce, ma addirittura la lingua, inoltre per lei il prezzo per avere le gambe è estremamente salato: camminare sarà come essere trafitta da dei coltelli. Il principe oggetto del suo desiderio, a differenza di quanto accade nel film Disney, si innamora però di un altra ragazza, la principessa di un regno vicino, spezzando il cuore alla nostra Sirenetta. Alla protagonista non resta che una scelta: uccidere il principe (versandosi il suo sangue sui piedi e riavere così la coda) o uccidersi. Ovviamente la Sirenetta sceglierà il suicidio, per non far del male al suo amato, e si getterà nel mare, trasformandosi poi in schiuma marina. Un finale decisamente molto lontano dall'happy ending del Classico Disney.

La Sirenetta
Un'illustrazione della fiaba La Sirenetta

2. Cenerentola (1950)

Cenerentola
Un'illustrazione della fiaba Cenerentola

Cenerentola, ispirato alla fiaba di Charles Perrault (ma di cui esistevano altre versioni, come La Gatta Cenerentola di Giambattista Basile e quella dei fratelli Grimm), è un'altra di quelle storie ad essersi cristallizzata nella memoria di tutti nella versione realizzata dalla Disney. In realtà il Classico dell'animazione è piuttosto simile all'originale, ma vi si differenzia in maniera piuttosto violenta (e sanguinaria) nel finale. Le sorellastre di Cenerentola, per riuscire a mettersi la scarpetta - troppo piccola - della ragazza, sotto consiglio della madre si tagliano i talloni (tanto non avrebbero bisogno di camminare se una di loro fosse diventata regina). Ovviamente l'inganno viene scoperto (per il sangue copioso che macchia le loro calze) e Cenerentola può finalmente sposare il suo principe. Se nella versione di Perrault, la nuova, magnanima, regina perdonerà sia la matrigna che le sorellastre, in quella dei fratelli Grimm gli farà cavare gli occhi da due colombe (punendole con la cecità per essere stata malvagie). Severa ma giusta.

Cenerentola: i 15 migliori adattamenti

Cenerentola al ballo del principe, vestita in modo magnifico
Cenerentola al ballo del principe, vestita in modo magnifico

3. La bella addormentata nel bosco (1959)

Il celebre bacio tra Aurora e Filippo nel film d'animazione La bella addormentata nel bosco ( 1959 )
Il celebre bacio tra Aurora e Filippo nel film d'animazione La bella addormentata nel bosco ( 1959 )

Anche nel caso de La bella addormentata nel bosco le versioni originali - che sono parecchie, di diversi autori - sono decisamente diverse da quella della Disney. Nel racconto di Giambattista Basile (della prima metà del '600), che può considerarsi alla base di tutte le versioni più moderne, la principessa cade in un sonno profondo dopo essersi infilata una scheggia nel dito. L'arrivo del principe per lei sarà decisamente più traumatico rispetto a come è stato raccontato nel Classico del 1959: nella storia di Basile un re si imbatte nel corpo della principessa e, non facendosi frenare dal piccolo particolare che sia addormentata, decide di metterla incinta e di tornare poi nel suo regno. Dopo nove mesi la ragazza, senza svegliarsi, da alla luce due gemelli: uno dei due le succhia un dito e, involontariamente, estrae la scheggia maledetta, svegliando così la madre (immaginatevi lo shock). Dopo parecchie disavventure la bella addormentata riuscirà, infine, a farsi sposare dal padre dei suoi bambini.

La Belle Au Bois Dormant   Sixth Of Six Engravings By Gustave Dore
Un'illustrazione della fiaba La bella addormentata

4. Biancaneve e i sette nani (1937)

Il celebre bacio tra Biancaneve e il principe nel film Biancaneve e i sette nani ( 1937 )
Il celebre bacio tra Biancaneve e il principe nel film Biancaneve e i sette nani ( 1937 )

Continuiamo questa nostra classifica di fiabe travisate dalla Disney con una delle più famose di sempre: Biancaneve e i sette nani (che è anche il primo Classico della Casa del Topo). Ispirato alla fiaba dei fratelli Grimm (che si rifà a sua volta ad una storia di Giambattista Basile), il film della Disney omette le parti più cruente del racconto originale: le Regina cattiva aveva chiesto al cacciatore di uccidere Biancaneve e di riportarne i polmoni ed il fegato come prova della sua morte (e per mangiarseli). Come sappiamo però il cacciatore si fa intenerire e, in questa versione della storia, le consegna le viscere di un maiale. Nel racconto dei fratelli Grimm la Regina cerca di uccidere Biancaneve per ben tre volte: prima la stringe in un corsetto così stretto da farla svenire, poi le pettina i capelli con un pettine avvelenato (che la fa cadere in uno stato di sonno profondo da cui viene salvata dai nani, che rimuovono il pettine), infine l'avvelena con la famosa mela, che la fa precipitare in uno status di morte apparente. Quando il principe la vede se ne innamora a prima vista e decide di portarla via con sé, spostandola, però, le cade il pezzo di mela avvelenata dalla bocca e Biancaneve si risveglia. La parte più truce di questa storia? La punizione inflitta alla regina, che verrà costretta a ballare indossando scarpe di ferro bollenti fino alla morte.

Franz Juttner Schneewittchen 3
Biancaneve e i sette nani: un'illustrazione della fiaba

5. Rapunzel - L'intreccio della torre (2010)

La protagonista del film d'animazione Rapunzel tenta la fuga in groppa ai suoi lunghi capelli
La protagonista del film d'animazione Rapunzel tenta la fuga in groppa ai suoi lunghi capelli

Rapunzel - L'intreccio della torre, basata sulla fiaba dei fratelli Grimm, racconta una storia molto diversa da quella che l'ha ispirata: innanzitutto la bambina non era figlia di un re, ma di una donna comune che, mandando il marito a rubare delle piante di raperonzolo (da qui il nome dato alla protagonista) quando era incinta nel giardino di una strega l'aveva fatta infuriare. In cambio delle piante la coppia viene costretta a prometterle la figlia, che comunque la strega cresce con amore (anche se durante l'adolescenza decide di rinchiuderla in un'altissima torre). Un principe, passando vicino alla torre, si innamora della ragazza e riesce con l'inganno ad arrampicarsi, utilizzando i suoi lunghissimi capelli come fune: invaghitasi di lui Raperonzolo si fa mettere incinta. Scoperta la cosa, la matrigna si infuria, le taglia i capelli e l'abbandona nel deserto. Poi, fatto precipitare il principe dalla torre, lo acceca. Ritrovatosi a vagare per anni, un giorno l'uomo sente la voce di Raperonzolo e i due si ritrovano. Lieto fine per la sfortunatissima coppia? Piangendo sul volto dell'amato Raperonzolo gli restituisce la vista!

8F4Fdfe0A7D91Acd3231Ccb66Bed256F
Raperonzolo: un'illustrazione della fiaba

6. Mulan (1998)

Mulan
Mulan: una scena del film animato

Mulan non è ispirato ad una fiaba ma ad un racconto popolare cinese ambientato tra il quarto ed il quinto secolo d.C., la cui fonte principale è una canzone popolare chiamata La Ballata di Mulan. Come nel film Disney, la ragazza decide di arruolarsi fingendosi uomo per impedire al padre, molto anziano, di dover andare in guerra. Mulan combatte nell'esercito per una decina d'anni, guadagnandosi il rispetto di tutti, e fa finalmente a ritorno alla sua città natale, dove però trova una realtà completamente diversa da quella che aveva lasciato. Il padre è morto da tempo e la madre si è risposata. Per non rassegnarsi ad destino tipicamente femminile (diventare la concubina dell'imperatore invasore, come lui vorrebbe), Mulan decide di suicidarsi. Niente finale felice e storia d'amore con il bel capitano dell'esercito, come nella versione della Casa del Topo.

Mulan: la storia che ha reso l'eroina cinese una leggenda

Mulan
La protagonista de La Ballata di Mulan

7. Le avventure di Peter Pan (1953)

Il protagonista e la fata Trilli in una scena del film d'animazione Le avventure di Peter Pan
Il protagonista e la fata Trilli in una scena del film d'animazione Le avventure di Peter Pan

Peter Pan è un personaggio letterario creato dallo scrittore britannico James Matthew Barrie, che troviamo ne L'uccellino bianco (1902) poi nella piece teatrale Peter e Wendy (1904) e ne Peter Pan nei Giardini di Kensington (1906) , opere originariamente pensate per un pubblico adulto. Il protagonista del film Disney Le avventure di Peter Pan è quindi molto diverso da quello inizialmente immaginato da Berry, il ragazzino che non voleva crescere ci prende infatti molto gusto nell'uccidere pirati e nel vantarsi crudelmente di aver tagliato la mano di Capitan Uncino. Una particolare frase dell'opera originale, dalla difficile interpretazione, dipinge un'immagine molto lontana del personaggio da quello che abbiamo conosciuto nel Classico Disney: non accettando che i bambini perduti potessero crescere, pare che Peter preferisse ucciderli piuttosto che lasciarli diventare adulti.

8. Il Gobbo di Notre Dame (1996)

Il Gobbo Di Notre Dame 582B5B02Da0C7
Quasimodo in una scena del film

Proseguiamo con Il Gobbo di Notre Dame, basato sul romanzo Notre-Dame de Paris di Victor Hugo. Nella storia originale, Frollo, Arcidiacono di Notre Dame, è ossessionato da Esmeralda, e per questo ordina a Quasimodo e ad altri banditi di catturarla. A loro volta, però, loro vengono fatti prigionieri da Phoebus, Capitano degli arcieri reali, e dai suoi (salvando così Esmeralda). Il povero Quasimodo, che viene torturato ed esposto alla pubblica gogna, viene aiutato da Esmeralda, che gli porta dell'acqua (e lo farà così innamorare di lei). Phoebus convince poi la ragazza ad un incontro amoroso in una locanda, Frollo riesce ad estorcere dettagli al Capitano e lo convince a lasciarlo assistere di nascosto: prima che il rapporto si consumi, però, pazzo di gelosia il religioso pugnala Phoebus (che però non muore, ma fugge), e incolpa Esmeralda dell'omicidio. Sottoposta ad un processo dell'inquisizione e torturata, la ragazza confessa il crimine che non ha commesso (a cui si aggiunge, tanto per non farsi mancare nulla, un'accusa di stregoneria). La condanna a morte diventa così inevitabile. Frollo le offre infine la libertà in cambio di concedersi a lui, lei però rifiuta disgustata: furioso, l'Arcidiacono la farà impiccare. Quasimodo, per vendicarla, lo getterà dalla cattedrale, infine, si lascerà morire vicino al corpo dell'amata. Una storia che mette decisamente di buon umore.

Il Gobbo Di Notre Dame  Laikc8B
Il gobbo di Notre Dame, una scena del film d'animazione

9. Pocahontas (1995)

Pocahontas 870X600
Una scena di Pocahontas

In questo caso non ci rifacciamo ad una fiaba, Pocahontas si basa infatti sulla storia vera di una principessa Powhetan della Virginia. Le fonti di quel periodo non sono particolarmente affidabili, infatti si pensa che la versione di John Smith (sopratutto rispetto al famoso salvataggio dall'esecuzione) sia stata creata posteriormente, inoltre non ci sono evidenze in nessun documento storico riguardo al fatto che il colono inglese e Pocahontas fossero amanti. Quando la ragazza aveva circa diciassette anni venne catturata dagli inglesi e tenuta prigioniera in un'insediamento di coloni. Non venendo mai riscattata dal padre e dalla sua tribù si convertì al cristianesimo e fu battezzata: nello stesso periodo conobbe anche John Rolfe, un coltivatore di tabacco inglese, con cui successivamente si sposò. La coppia, che nel frattempo ha anche un figlio, viene chiamata in Inghilterra, dove Pocahontas viene presentata come esempio del "selvaggio domato". Dopo due anni passati nel Vecchio Continente, però, la donna si ammala e muore (non è chiaro di quale malattia, c'è addirittura chi pensa sia stata uccisa per aver appreso le intenzioni inglesi di cancellare le tribù indiane native e di prendersi le loro terre). Aveva solo 22 anni.

Unnamed
Una scena di Pocahontas

10. Il libro della giungla (1967)

Il libro della giungla: Mowgli insieme al pitone delle rocce Kaa in una scena
Il libro della giungla: Mowgli insieme al pitone delle rocce Kaa in una scena

Concludiamo la nostra lista con Il libro della giungla, ispirato all'opera omonima dello scrittore inglese Rudyard Kipling. Nella storia originale Mowgli viene reinserito in una città che non lo accetta e lo rifiuta, per questo è costretto a tornare di nuovo nella giungla. Per l'odio che cova dentro chiederà all'elefante Hathi di vendicarsi sugli esseri umani radendo al suolo il loro villaggio...