The Great Wall

2016, Avventura

The Great Wall sotto accusa, la scelta di Matt Damon è razzista?

L'attrice Constance Wu ha duramente accusato via Twitter la scelta della star per il film diretto da Zhang Yimou.

Constance Wu ha pubblicato su Twitter una dura critica alla scelta di Matt Damon come protagonista del film The Great Wall diretto da Zhang Yimou.
L'attrice ha spiegato: "Dobbiamo smetterla di portare avanti il mito razzista che solo un uomo bianco può salvare il mondo. Non si basa sulla realtà. I nostri eroi non hanno l'aspetto di Matt Damon. Sono come Malala, Ghandi, Mandela".
Constance ha poi spiegato che dare la colpa agli aspetti economici e agli investitori non risolve la situazione perché il problema è in realtà rappresentato dal fatto che si rischia di trasmettere l'idea che la "forza bianca" possa salvare gli altri: "Non abbiamo bisogno di salvezza. Amiamo il nostro colore, la nostra cultura, le nostre forze e storie. (Se non lo facciamo, dovremmo) Non abbiamo bisogno che ci salviate da nulla e siamo veramente iniziando a essere stufi del fatto che lo diciate, in modo esplicito o implicito".

L'attrice ha poi proseguito la sua critica sottolineando che nessuna star assicura che gli spettatori vadano al cinema e si dovrebbe provare a migliorare la situazione, dimostrando rispetto per la comunità che si dovrebbe celebrare. Constance ha concluso ricordando che si hanno delle responsabilità nei confronti dei giovani a cui si dovrebbe dare un esempio: "Perché pensate che sia così bello vedere una ragazza che si innamora di un ragazzino nerd bianco? Perché eravate quel ragazzino bianco nerd che non si sentiva amato. E vedere film di Hollywood che parlava di queste storie faceva sembrare la situazione possibile. E' per questo motivo che vi siete emozionati e perché era una storia grandiosa. Hollywood dovrebbe fare storia grandiose. Quindi realizzatele".

The Great Wall sotto accusa, la scelta di Matt...
The Great Wall: il primo trailer del film diretto da Zhang Yimou
Ghostbusters: Leslie Jones denuncia insulti razzisti su Twitter
Privacy Policy